Minniti a Politico: la "visione" d'Italia sulla Libia ha funzionato. Bruxelles paghi

Il ministro italiano dell'Interno avanza tre richieste alla Ue. Perché ora la guardia costiera libica salva più vite dell'intero apparato internazionale
Ministero dell'Interno

La "visione" dell'Italia, secondo cui bisognava investire sulla Libia per fermare il flusso di migranti disposti ad attraversare il Mediterraneo, ha dimostrato di funzionare. Ne è convinto Marco Minniti, ministro degli Interni forte di dati secondo cui nei primi 10 giorni di agosto il numero di migranti che ha attraversato il mare per raggiungere le coste italiane (in larga maggioranza dalla Libia) è sceso del 76% rispetto allo stesso periodo del 2016; ciò si traduce in 1.572 persone sbarcate contro le 6.554 dell'anno scorso.

In una intervista a Politico condotta dal Viminale, Minniti ha spiegato che "avevamo una strategia, una visione che come tale può essere giusta o sbagliata ma almeno ne avevamo una". Il 61enne calabrese, un ex comunista che ha trascorso un decennio al governo, ha spiegato che "nessuno era davvero convinto che la vera operazione da condurre fosse in Libia. L'idea generale era di intervenire nei Paesi vicini dal momento che la linea che andava per la maggiore era che la Libia fosse strutturalmente instabile e quindi che tutti gli sforzi sarebbero stati sprecati".

Forte del successo di quella visione, il ministro intende fare pressing su Bruxelles affinché si faccia carico delle spese affrontate dal nostro Paese.

Forte del fatto che ora la guardia costiera libica salva più migranti "dell'intero apparato internazionale", Minniti ha spiegato a Politico di avere tre richieste per Bruxelles.

La prima: destinare all'Africa, e in particolare alla Libia, lo stesso ammontare di "sforzi e risorse" investite lo scorso anno per fermare i flussi migratori attraverso i Balcani. Si tratta di una cifra intorno ai 3 miliardi di euro.

La seconda: affrontare i problemi riscontrati nei centri in Libia che ricevono migranti; Minniti vuole "di più" dei 90 milioni di euro stabiliti dalla Ue ad aprile per la nazione nordafricana ma desidera anche il lancio di nuovi progetti il più in fretta possibile.

La richiesta finale, forse la più grande, è un impegno in cinque anni dell'Europa per investire nelle 14 principali città libiche dove il traffico di migranti va in scena. Perché quel traffico "è l'unica attività funzionante in questo momento in Libia". Per questo serve spingere per alternative economiche fattibili.

Altri Servizi

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Wall Street cauta dopo l'incontro Trump-Kim

Nella notte italiana, lo storico incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano
iStock

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano

La completa denuclerarizzazione della penisola coreana, promessa dal presidente nordcoreano, Kim Jong Un, "sarà verificata e dovrà iniziare immediatamente". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa a conclusione del vertice con il leader nordcoreano a Singapore, sottolineando che "le sanzioni saranno rimosse quando saremo sicuri che il nucleare non sarà più un fattore rilevante". Detto questo, gli Stati Uniti sono "ansiosi di poterle eliminare".

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Miss America rinuncia al costume: "Non giudicheremo l'aspetto"

La rivoluzione al via con la nuova presidente dell'organizzazione, Gretchen Carlson, ex conduttrice di Fox News e vincitrice del concorso nel 1989

Le concorrenti di Miss America non dovranno più sfilare in costume. Lo ha annunciato la presidente del concorso, affermando che "non vi giudicheremo più per il vostro aspetto esteriore". La Miss America Organization, dopo lo scandalo scoppiato mesi fa e la campagna #MeToo contro le molestie sessuali, ha annunciato che la novità sarà introdotta al prossimo concorso, in programma a settembre.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).