Molestie alle Olimpiadi: oltre 290 coach e dirigenti americani accusati di condotta sessuale inappropriata

Un'inchiesta del Washington Post mette in luce un problema sistemico che va avanti dal 1982: otto molestie l'anno, una ogni sei settimane
Ap

Continua ad allargarsi lo scandalo sessuale nel mondo dello sport olimpico americano. Ci sono state infatti oltre 290 persone, tra allenatori e dirigenti sportivi legati a organizzazioni olimpiche, accusate pubblicamente di molestie o di condotte sessuali inappropriate. È questo il risultato dell’inchiesta del Washington Post che prende in considerazione il periodo che va dal 1982 ad oggi.

Si tratta di numeri sconcertanti che evidenziano come negli ultimi 36 anni la media sia stata di otto molestie ad anno, una ogni sei settimane. Le vittime sono atleti (uomini e donne) di 15 discipline diverse che hanno subito gli abusi da oltre 175 dirigenti condannati per crimini sessuali. Gli altri invece non sono stati incriminati.

Tra questi ultimi ad esempio spicca il caso di Andy Gabel, ex olimpionico specialista nel pattinaggio di velocità, bandito dal mondo dello sport nel 2013 dopo le accuse di due donne secondo cui l’ex campione le avrebbe costrette a dei rapporti sessuali con lui. Ancor più controverso l’episodio che ha riguardato Don Peters, allenatore della squadra olimpica di ginnastica del 1984, allontanato dall’attività sportiva dopo le dichiarazioni di due ex ginnaste che hanno ammesso di aver fatto sesso con lui quando erano ancora minorenni.

Come evidenzia il giornale della capitale, quello di Larry Nassar - l’ex medico del team olimpico a stelle e strisce di ginnastica artica accusato di molestie da oltre 130 atlete - non rappresenta quindi un caso isolato. Anzi, è solo l’ultimo di una lunga serie che sottolineano gli errori delle organizzazioni olimpiche e la loro cattiva gestione di situazioni che hanno gravemente compromesso giovani atleti.

La domanda di fondo, considerando la grave portata del fenomeno, è perché questi episodi abbiano continuato ad accadere senza che venissero prese misure appropriate per prevenirli. La risposta del Washington Post, arrivata dopo dozzine di interviste a funzionari olimpici e uno studio delle migliaia di pagine prodotte dai casi giudiziari di questi 36 anni, mette in chiaro due aspetti. Da un lato una limitazione del rischio legale nei confronti di alcune figure di spicco del mondo dello sport americano, dall’altro una maggiore attenzione al risultato sportivo e alla preservazione delle opportunità di medaglia d’oro. Il tutto ovviamente a danno dei minori e della loro tutela.

"Stiamo ascoltando tutte queste denunce sulla ginnastica, ma i problemi della ginnastica sono gli stessi che riguardano tutti gli altri sport", ha detto Katherine Starr, ex nuotatrice olimpica e vittima di abusi che ha fondato Safe4Athletes, un'organizzazione no-profit che lavora per combattere le molestie nel mondo dello sport. "Le persone stanno iniziando a capire la complessità di questi casi e come questi problemi continuino a fare parte del sistema. Il problema del sistema è la governance".

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Se non era chiaro a chi convenisse lo shutdown, nell'anno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, sembra invece evidente, ora, il vero sconfitto: Charles Schumer, il leader democratico in Senato. Molti suoi colleghi criticano la gestione dello scontro con i repubblicani: prima ha fatto chiudere le attività del governo per tre giorni, poi ha ceduto di fronte a minime concessioni del leader della maggioranza, Mitch McConnell, dando il via libera al finanziamento delle attività federali fino all'8 febbraio.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.