Molestie sessuali: Trump crede agli uomini

Il presidente ha ripetutamente empatizzato con chi è stato accusato di violenze. Getta dubbi sul movimento #MeToo e chiede un "giusto processo". Gop nel caos

Che Donald Trump non fosse un femminista, lo aveva detto lui stesso a fine gennaio. Che il 45esimo presidente americano sia convinto di potere fare di tutto alle donne, anche prenderle per i genitali, lo aveva dichiarato lui stesso in un video emerso in piena campagna elettorale, comunque finita in suo favore. Che tenda a schierarsi dalla parte degli uomini, a prescindere dal fatto che siano stati accusati di violenze contro le loro mogli, lo ha fatto capire "augurando il meglio" al segretario di gabinetto costretto a dimettersi imbarazzando una Casa Bianca che sapeva. Che non gli importi delle vittime di potenziali abusi, lo ha confermato su Twitter sabato 10 febbraio esprimendo dubbi sul movimento #MeToo, che invece secondo il suo ex stratega Steve Bannon avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

"Le vite della gente stanno per essere distrutte da semplici accuse", ha scritto Trump. "Non c'è modo di riprendersi per chi è falsamente accusato - vita e carriera distrutte. Non c'è più un giusto processo?", ha chiesto il leader americano.

Per un uomo che a sua volta è stato accusato da una ventina di donne di avere commesso molestie sessuali ma che ancora siede alla Casa Bianca, la vita e la carriera sembrano tutt'altro che distrutte. E lui pare intenzionato a contrapporre al movimento #MeToo quello che Politico chiama un movimento #HimToo, che comprende tutti gli uomini accusati di abusi, violenze e molestie. Perché nell'ultimo caso imbarazzante alla Casa Bianca, la vittima secondo Trump è il membro del suo staff accusato di avere picchiato le sue due ex moglie. E come Rob Porter, molti altri uomoni come lui.

Parlando di Porter dallo Studio Ovale venerdì 9 febbraio, Trump ha espresso empatia per lui: "Il fatto è molto triste come molto trieste è lui in questo momento. Lui, come saprete, dice di essere innocente e credo che ciò vada ricordato". Come a dire che la sua presunta innocenza vale di più delle immagini di un occhio nero diffuse da una delle ex coniugi di Porter.

A Trump non è nemmeno venuto in mente di dire due parole a favore del gentil sesso o di denunciare in generale gli abusi domestici come hanno fatto (seppur a scoppio ritardato) il capo di gabinetto John Kelly e il vicepresidente Mike Pence. Tutti e due hanno dichiarato che "in questa Casa Bianca e nella nostra società non c'è posto per la violenza domestica".

La linea vera della Casa Bianca è quella dettata da Trump e ripetuta ogni volta che il tema si ripropone dalla sua portavoce Sarah Sanders: "Il popolo di questo Paese, in una elezione decisiva, ha espresso supporto per il presidente Trump e crediamo che le accuse [di molestie rivolte contro di lui] abbiano trovato una risposta attraverso le elezioni". 

Quello in atto al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington è il solito copione: nelle dispute tra uomini e donne in tema di sesso e violenze, Trump difende solo gli uomini. Lo aveva fatto esprimendo il suo endorsement per Ray Moore alle elezioni speciali in Alabama del 12 dicembre 2017, nonostante il candidato repubblicano fosse accusato di avere molestato minorenni quando era trentenne. Lo aveva fatto difendendo Roger Ailes, il numero uno di Fox News - il suo canale preferito - costretto a dimettersi nell'estate del 2016. Lo aveva rifatto definendo "una brava persona" Bill O'Reilly, nonostante anche lui fosse stato accusato di molestie.

L'ultimo tweet di Trump ha già mandato nel caos il partito repubblicano, impegnato a mantenere il controllo del Congresso quando l'America andrà al voto a novembre per le elezioni di metà mandato. Il Gop è già alle prese con l'attivismo di donne democratiche, che scendono in strada per protestare, raccolgono fondi e si danno alla politica. L'establishment repubblicano sperava di cavalcare l'onda della riforma fiscale, la più grande ad essere stata approvata dagli anni '80 del secolo scorso. Di fare leva sulla disoccupazione, ai minimi di 17 anni, e sulla ripresa dei salari, cosa di cui Trump era tornato a vantarsi (come se il merito fosse solo suo) durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione. E invece l'America torna a parlare di un Trump incorreggibile, concentrato su sé stesso e sulla "caccia alle streghe" del Russiagate.

Altri Servizi

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Trump: "Il report della Giustizia è un disastro totale per Comey e l'Fbi"

Il presidente all'attacco su Twitter dopo il rapporto dell'ispettore generale sulla gestione delle indagini sul 'caso e-mail' di Clinton

Wall Street, nuovi timori di guerre commerciali

I dazi di Trump alla Cina pesano sui mercati
iStock

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Usa pronti a fare scattare dazi contro la Cina

Attese ritorsioni da Pechino. Guerra commerciale più vicina

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici