Molestie sessuali: Trump crede agli uomini

Il presidente ha ripetutamente empatizzato con chi è stato accusato di violenze. Getta dubbi sul movimento #MeToo e chiede un "giusto processo". Gop nel caos

Che Donald Trump non fosse un femminista, lo aveva detto lui stesso a fine gennaio. Che il 45esimo presidente americano sia convinto di potere fare di tutto alle donne, anche prenderle per i genitali, lo aveva dichiarato lui stesso in un video emerso in piena campagna elettorale, comunque finita in suo favore. Che tenda a schierarsi dalla parte degli uomini, a prescindere dal fatto che siano stati accusati di violenze contro le loro mogli, lo ha fatto capire "augurando il meglio" al segretario di gabinetto costretto a dimettersi imbarazzando una Casa Bianca che sapeva. Che non gli importi delle vittime di potenziali abusi, lo ha confermato su Twitter sabato 10 febbraio esprimendo dubbi sul movimento #MeToo, che invece secondo il suo ex stratega Steve Bannon avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

"Le vite della gente stanno per essere distrutte da semplici accuse", ha scritto Trump. "Non c'è modo di riprendersi per chi è falsamente accusato - vita e carriera distrutte. Non c'è più un giusto processo?", ha chiesto il leader americano.

Per un uomo che a sua volta è stato accusato da una ventina di donne di avere commesso molestie sessuali ma che ancora siede alla Casa Bianca, la vita e la carriera sembrano tutt'altro che distrutte. E lui pare intenzionato a contrapporre al movimento #MeToo quello che Politico chiama un movimento #HimToo, che comprende tutti gli uomini accusati di abusi, violenze e molestie. Perché nell'ultimo caso imbarazzante alla Casa Bianca, la vittima secondo Trump è il membro del suo staff accusato di avere picchiato le sue due ex moglie. E come Rob Porter, molti altri uomoni come lui.

Parlando di Porter dallo Studio Ovale venerdì 9 febbraio, Trump ha espresso empatia per lui: "Il fatto è molto triste come molto trieste è lui in questo momento. Lui, come saprete, dice di essere innocente e credo che ciò vada ricordato". Come a dire che la sua presunta innocenza vale di più delle immagini di un occhio nero diffuse da una delle ex coniugi di Porter.

A Trump non è nemmeno venuto in mente di dire due parole a favore del gentil sesso o di denunciare in generale gli abusi domestici come hanno fatto (seppur a scoppio ritardato) il capo di gabinetto John Kelly e il vicepresidente Mike Pence. Tutti e due hanno dichiarato che "in questa Casa Bianca e nella nostra società non c'è posto per la violenza domestica".

La linea vera della Casa Bianca è quella dettata da Trump e ripetuta ogni volta che il tema si ripropone dalla sua portavoce Sarah Sanders: "Il popolo di questo Paese, in una elezione decisiva, ha espresso supporto per il presidente Trump e crediamo che le accuse [di molestie rivolte contro di lui] abbiano trovato una risposta attraverso le elezioni". 

Quello in atto al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington è il solito copione: nelle dispute tra uomini e donne in tema di sesso e violenze, Trump difende solo gli uomini. Lo aveva fatto esprimendo il suo endorsement per Ray Moore alle elezioni speciali in Alabama del 12 dicembre 2017, nonostante il candidato repubblicano fosse accusato di avere molestato minorenni quando era trentenne. Lo aveva fatto difendendo Roger Ailes, il numero uno di Fox News - il suo canale preferito - costretto a dimettersi nell'estate del 2016. Lo aveva rifatto definendo "una brava persona" Bill O'Reilly, nonostante anche lui fosse stato accusato di molestie.

L'ultimo tweet di Trump ha già mandato nel caos il partito repubblicano, impegnato a mantenere il controllo del Congresso quando l'America andrà al voto a novembre per le elezioni di metà mandato. Il Gop è già alle prese con l'attivismo di donne democratiche, che scendono in strada per protestare, raccolgono fondi e si danno alla politica. L'establishment repubblicano sperava di cavalcare l'onda della riforma fiscale, la più grande ad essere stata approvata dagli anni '80 del secolo scorso. Di fare leva sulla disoccupazione, ai minimi di 17 anni, e sulla ripresa dei salari, cosa di cui Trump era tornato a vantarsi (come se il merito fosse solo suo) durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione. E invece l'America torna a parlare di un Trump incorreggibile, concentrato su sé stesso e sulla "caccia alle streghe" del Russiagate.

Altri Servizi

Gli Usa accusano cittadina russa di volere interferire nelle elezioni

Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni, accusata di essere a capo di "Project Lakhta". L'intelligence americana "preoccupata" dalle azioni di Cina, Russia e Iran
Bigstock

I procuratori federali statunitensi hanno accusato una cittadina russa di volere influenzare le elezioni di metà mandato previste in Usa il prossimo sei novembre. E' quanto emerge dai documenti relativi al rinvio a giudizio che vede protagonista Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni di San Pietroburgo.

Facebook recluta politico britannico per riparare la sua immagine

Nick Clegg, 51 anni, ex vice premier, da gennaio si trasferirà nella Silicon Valley

Facebook ha affidato a Nick Clegg, ex vice primo ministro britannico, il compito di gestire il team dedicato agli affari globali e alla comunicazione.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Il presidente americano, Donald Trump, ha minacciato il ricorso all'esercito per chiudere il confine meridionale degli Stati Uniti se il Messico non metterà fine al flusso di migranti che attraversano quel Paese per mettere piede in America.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.