Molestie sessuali: Trump crede agli uomini

Il presidente ha ripetutamente empatizzato con chi è stato accusato di violenze. Getta dubbi sul movimento #MeToo e chiede un "giusto processo". Gop nel caos

Che Donald Trump non fosse un femminista, lo aveva detto lui stesso a fine gennaio. Che il 45esimo presidente americano sia convinto di potere fare di tutto alle donne, anche prenderle per i genitali, lo aveva dichiarato lui stesso in un video emerso in piena campagna elettorale, comunque finita in suo favore. Che tenda a schierarsi dalla parte degli uomini, a prescindere dal fatto che siano stati accusati di violenze contro le loro mogli, lo ha fatto capire "augurando il meglio" al segretario di gabinetto costretto a dimettersi imbarazzando una Casa Bianca che sapeva. Che non gli importi delle vittime di potenziali abusi, lo ha confermato su Twitter sabato 10 febbraio esprimendo dubbi sul movimento #MeToo, che invece secondo il suo ex stratega Steve Bannon avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

"Le vite della gente stanno per essere distrutte da semplici accuse", ha scritto Trump. "Non c'è modo di riprendersi per chi è falsamente accusato - vita e carriera distrutte. Non c'è più un giusto processo?", ha chiesto il leader americano.

Per un uomo che a sua volta è stato accusato da una ventina di donne di avere commesso molestie sessuali ma che ancora siede alla Casa Bianca, la vita e la carriera sembrano tutt'altro che distrutte. E lui pare intenzionato a contrapporre al movimento #MeToo quello che Politico chiama un movimento #HimToo, che comprende tutti gli uomini accusati di abusi, violenze e molestie. Perché nell'ultimo caso imbarazzante alla Casa Bianca, la vittima secondo Trump è il membro del suo staff accusato di avere picchiato le sue due ex moglie. E come Rob Porter, molti altri uomoni come lui.

Parlando di Porter dallo Studio Ovale venerdì 9 febbraio, Trump ha espresso empatia per lui: "Il fatto è molto triste come molto trieste è lui in questo momento. Lui, come saprete, dice di essere innocente e credo che ciò vada ricordato". Come a dire che la sua presunta innocenza vale di più delle immagini di un occhio nero diffuse da una delle ex coniugi di Porter.

A Trump non è nemmeno venuto in mente di dire due parole a favore del gentil sesso o di denunciare in generale gli abusi domestici come hanno fatto (seppur a scoppio ritardato) il capo di gabinetto John Kelly e il vicepresidente Mike Pence. Tutti e due hanno dichiarato che "in questa Casa Bianca e nella nostra società non c'è posto per la violenza domestica".

La linea vera della Casa Bianca è quella dettata da Trump e ripetuta ogni volta che il tema si ripropone dalla sua portavoce Sarah Sanders: "Il popolo di questo Paese, in una elezione decisiva, ha espresso supporto per il presidente Trump e crediamo che le accuse [di molestie rivolte contro di lui] abbiano trovato una risposta attraverso le elezioni". 

Quello in atto al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington è il solito copione: nelle dispute tra uomini e donne in tema di sesso e violenze, Trump difende solo gli uomini. Lo aveva fatto esprimendo il suo endorsement per Ray Moore alle elezioni speciali in Alabama del 12 dicembre 2017, nonostante il candidato repubblicano fosse accusato di avere molestato minorenni quando era trentenne. Lo aveva fatto difendendo Roger Ailes, il numero uno di Fox News - il suo canale preferito - costretto a dimettersi nell'estate del 2016. Lo aveva rifatto definendo "una brava persona" Bill O'Reilly, nonostante anche lui fosse stato accusato di molestie.

L'ultimo tweet di Trump ha già mandato nel caos il partito repubblicano, impegnato a mantenere il controllo del Congresso quando l'America andrà al voto a novembre per le elezioni di metà mandato. Il Gop è già alle prese con l'attivismo di donne democratiche, che scendono in strada per protestare, raccolgono fondi e si danno alla politica. L'establishment repubblicano sperava di cavalcare l'onda della riforma fiscale, la più grande ad essere stata approvata dagli anni '80 del secolo scorso. Di fare leva sulla disoccupazione, ai minimi di 17 anni, e sulla ripresa dei salari, cosa di cui Trump era tornato a vantarsi (come se il merito fosse solo suo) durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione. E invece l'America torna a parlare di un Trump incorreggibile, concentrato su sé stesso e sulla "caccia alle streghe" del Russiagate.

Altri Servizi

Nia Franklin, prima Miss America senza sfilata in bikini

Afroamericana, 24 anni, cantante d'opera. La rivoluzione al concorso decisa dopo uno scandalo interno e la nascita del movimento #MeToo contro le violenze sulle donne
Ap

Nia Imani Franklin è la prima Miss America a essere stata incoronata senza aver dovuto indossare un costume da bagno. La ragazza afroamericana, 24 anni, che ha partecipato alla competizione ad Atlantic City come Miss New York, ha detto in conferenza stampa di essere contenta di non aver dovuto indossare un costume da bagno e di apprezzare il cambiamento deciso per il concorso, nato 97 anni fa.

Popolazione Usa nata all'estero a livelli record dal 1910

Primato in termini percentuali: ora è il 13,7%; negli ultimi anni, in forte aumento l'arrivo di asiatici, dopo decenni di grandi flussi migratori dall'America Latina; cento anni fa, invece, arrivavano soprattutto europei (tanti italiani)
AP

La popolazione statunitense nata all'estero ha raggiunto il suo massimo livello percentuale dal 1910, secondo i dati governativi resi pubblici oggi. Rispetto al recente passato, le persone vengono di più dall'Asia e hanno una laurea. La popolazione nata all'estero, nel 2017, era il 13,7%, ovvero 44,5 milioni di persone, contro il 13,5% del 2016.

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump "probabilmente" annucia domani dazi per 200 miliardi di dollari contro la Cina

Sarebbero del 10% anziché del 25% ma potrebbero aumentare a seconda di come andranno le trattative con Pechino. Il vicepremier cinese a Washington il 27 e 28 settembre
Ap

Già lunedì il presidente americano, Donald Trump, dovrebbe annunciare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Anche il Wall Street Journal e poi Reuters confermano dunque le indiscrezioni di Bloomberg che venerdì 14 settembre avevano fatto invertire rotta agli indici americani.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.

Le piogge torrenziali di Florence inondano le Caroline

L'uragano si è indebolito a depressione tropicale ma le precipitazioni non si fermano. Raggiunti fino a 80 cm di pioggia. Strade impraticabili. Rischio frane. Almeno 13 morti
AP

Prima uragano. Poi tempesta tropicale. Ora depressione tropicale. Florence, che ha toccato terra venerdì scorso in North Carolina, ha cambiato status ma non per questa è meno devastante. Almeno 13 sono le morti associate a questo disastro naturale che sta versando piogge senza precedenti, spingendo i livelli dei fiumi a nuovi massimi e che, arrivato ieri in South Carolina, si spinge ora verso la parte sudoccidentale della Virginia. Agli allagamenti si teme il rischio di frane mortali. Come se non bastasse in North e South Carolina potrebbero arrivare questa notte dei tornado.

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Snapchat dice addio a un altro top manager, nuovi minimi storici per il titolo

Imran Khan, da quasi 4 anni direttore strategia del gruppo, dovrebbe lanciare un'azienda propria

Snapchat dice addio a un altro dei manager più vicini al Ceo Evan Spiegel in una fase in cui il titolo della controllante della app viaggia su minimi storici.