Molestie sessuali: Uber mette fine alla politica del silenzio

Abbandonato l'obbligo di arbitrato e la clausola di riservatezza. Dipendenti e clienti possono portare i loro casi in tribunale
Uber

Uber ha deciso di cambiare la politica con cui gestisce potenziali accuse di molestie sessuali fatte da clienti o dipendenti. Il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale ha abbandonato l'obbligo di arbitrato e la clausola di riservatezza. Questo significa che autisti, clienti e dipendenti potranno portare in tribunale i loro casi.

La novità è stata annunciata dall'azienda in un post sul blog aziendale e rappresenta un cambio di rotta rispetto alla discutibile cultura aziendale che aveva avuto la meglio sotto la guida del fondatore ed ex Ceo, Travis Kalanick, cacciato lo scorso giugno.

Sotto la guida del nuovo amministratore delegato Dara Khosrowshahi, Uber sembra tenere conto del movimento #MeToo, che ha ritrovato nuova linfa in Usa dopo le accuse di molestie e stupro che lo scorso autunno hanno travolto il produttore cinematografico Harvey Weinstein.

Tony West, il legale di riferimento di Uber, ha scritto nel post che le vittime di abusi "saranno in controllo delle loro storie" e potranno decidere se condividerle. Permettere loro di far questa scelta "aiuterà a mettere fine alla cultura del silenzio in merito alla violenza sessuale".

Uber si è impegnata a pubblicare un "rapporto sulla trasparenza per la sicurezza" che include dati su molestie e altri incidenti. West ha spiegato che cos" facendo il gruppo spera di "incoraggiare altri" nel settore dei trasporti in generale a "unirsi a noi nel compiere questo passo".

Altri Servizi

Nfl, scandalo a luci rosse sul proprietario dei New England Patriots

Robert Kraft incriminato per sfruttamento della prostituzione e traffico di esseri umani
©Ap

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

Trump nomina Kelly Knight Craft ambasciatrice all'Onu


Dopo l’incarico in Canada prenderà il posto di Nikki Haley
©WikimediaCommons

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo
©Ap

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP