Mondiali femminili di calcio, gli Usa hanno "finito il lavoro": battuta l'Olanda in finale

Secondo titolo consecutivo per la nazionale a stelle e strisce, composta da fuoriclasse non solo sul campo. Trump, la federazione statunitense, la Fifa: tutti finiti sotto accusa. "Vogliamo rispetto"
Ap

Gli Stati Uniti hanno "finito il lavoro", per dirla come il presidente Donald Trump, che aveva polemizzato con la co-capitana Megan Rapinoe, rea di aver espresso la propria opinione contro la Casa Bianca durante i Mondiali, come se a parlare potessero essere solo i vincenti.

Il fatto è che, comunque, nessuna squadra femminile di calcio è vincente come la nazionale statunitense,  la cui migliore interprete è stata Megan Rapinoe, che ha segnato il primo dei due gol in finale contro l'Olanda, su rigore, al 16' del secondo tempo (seguito al 24' da quello di Rose Lavelle), a completare un'edizione iridata in prima linea a parole e, soprattutto, sul campo, dopo la rete nella goleada (13-0) contro la Thailandia e le doppiette negli ottavi e nei quarti di finale (e una semifinale saltata per infortunio). Proprio Rapinoe ha vinto il Golden Ball, il premio riservato alla migliore giocatrice del torneo, e il Golden Boot come capocannoniere.

Gli Stati Uniti, dopo la goleada record contro la Thailandia, che aveva attirato anche le solite critiche sulla necessità di continuare a giocare al massimo fino al 90' anche contro rivali già annientate, hanno dimostrato la loro superiorità, chiudendo il girone senza reti subite (con un 3-0 al Cile e un 2-0 alla Svezia); poi, le vittorie negli scontri a eliminazione diretta contro Spagna, Francia e Inghilterra, sempre per 2-1. Infine, la finale contro l'Olanda (che aveva eliminato l'Italia nei quarti), che ha provato soprattutto a contenere la fase offensiva delle rivali.

Gli Stati Uniti hanno così confermato, in Francia, il titolo vinto quattro anni fa in Canada, conquistando il quarto Mondiale su otto edizioni complessive (la prima edizione dei Mondiali femminili si è svolta nel 1991); nelle altre quattro edizioni, la nazionale statunitense è arrivata una volta seconda e tre volte al terzo posto.

Prima dei quarti di finale, Rapinoe aveva manifestato la propria intenzione di non andare alla Casa Bianca, in caso di vittoria; solitamente, infatti, i campioni sportivi sono invitati dal presidente statunitense per celebrare i loro successi. "Sono un grande appassionato di calcio femminile e della squadra americana, ma Megan dovrebbe vincere prima di parlare! Finisci il lavoro! Non abbiamo ancora invitato Megan o la squadra, ma ora invito la squadra, che vinca o perda. Megan non dovrebbe mai mancare di rispetto al nostro Paese, alla Casa Bianca, alla nostra bandiera, specialmente da quando così tanto è stato fatto per lei e la squadra. Sii orgogliosa della bandiera che porti. Gli Stati Uniti stanno andando alla grande!" aveva scritto Trump su Twitter. Pochi minuti dopo il fischio finale è arrivato il tweet di congratulazioni della first lady Melania, ritwittato dall'account della Casa Bianca; poi, è arrivato anche il tweet di Trump, che ha scritto che l’America “è orgogliosa di tutte voi”.

Trump aveva già criticato Rapinoe (centrocampista di 34 anni) nei giorni precedenti, perché non aveva mai cantato l'inno nazionale prima delle partite, in segno di protesta; in passato, durante l'esecuzione dell'inno nazionale, si è inginocchiata, in segno di solidarietà con Colin Kaepernick, il giocatore della Nfl (football americano) che aveva scelto quel gesto per protestare contro le violenze della polizia nei confronti degli afroamericani, dando vita a un movimento che aveva coinvolto molti altri atleti.

Rapinoe, omosessuale, è da sempre impegnata nelle battaglie civili, tanto da essersi recentemente definita una "protesta che cammina". Più volte ha dichiarato di non amare Trump, definito "sessista", "misogino", "di mentalità chiusa", "razzista" e, infine, "non una bella persona". Ma Rapinoe non risparmia nessuno: prima della finale, ha attaccato la Fifa per il calendario internazionale e i premi.

"Un calendario terribile" ha detto, visto che nella stessa giornata sono state programmate la finale dei Mondiali femminili, la finale della Coppa America e della Gold Cup tra gli uomini. "Non so cosa sia successo e ho sentito che semplicemente non c'hanno pensato ed è questo il problema. Non siamo rispettate dalla Fifa come gli uomini". Per quanto riguarda i premi, la Fifa ha annunciato che quelli per i Mondiali femminili saranno raddoppiati a 60 milioni di dollari, come già erano stati raddoppiati da 15 milioni prima di questa edizione; per la Coppa del Mondo maschile del 2018, i premi erano pari a 400 milioni e saranno 440 milioni per la prossima edizione in Qatar. "Non è certamente giusto" ha commentato Rapinoe. "Questo è quello che intendo quando dico che non ci sentiamo rispettate. Abbiamo bisogno di attenzione e delle migliori menti per aiutare il movimento femminile a crescere".

La battaglia di Rapinoe e delle sue compagne parte da casa, dalla causa fatta contro la federazione statunitense, accusata di discriminazione di genere, a soli tre mesi dai Mondiali. Le calciatrici, da tempo, si lamentano dei premi, delle condizioni di lavoro, dei viaggi e delle sistemazioni in albergo, considerate inferiori a quelle per gli uomini, e della minore promozione delle loro partite. Per esempio, per i Mondiali maschili del 2014, i giocatori statunitensi ottennero quasi 5,4 milioni di dollari di bonus per aver perso agli ottavi; per i Mondiali femminili del 2015, la federazione elargì un bonus di poco più di 1,7 milioni di dollari per le giocatrici, che vinsero il titolo.

Tre anni fa, le calciatrici accusarono la federazione di aver risposto alle loro richieste affermando che "la realtà del mercato è che le donne non meritano di essere pagate allo stesso modo degli uomini". La nazionale femminile ha vinto quattro Mondiali e quattro Olimpiadi, più di qualsiasi altra nazionale avversaria; la sua vittoria nella finale mondiale del 2015 contro il Giappone è la partita di calcio più vista in tv nella storia degli Stati Uniti (ma probabilmente sarà battuta dalla finale 2019 contro l'Olanda). La nazionale maschile, a parte il terzo posto al primo Mondiale del 1930, non ha mai superato i quarti di finale.

 

 

Altri Servizi

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Bill Gates supera Jeff Bezos: è la persona più ricca del pianeta

Secondo il Bloomberg Billionaires Index il patrimonio del fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari

A distanza di due anni Bill Gates si riprende il titolo di "paperone" del pianeta. Secondo il Bloomberg Billionaires Index, l’indice dei 500 miliardari calcolato da Bloomberg, il fondatore di Microsoft, torna infatti in vetta alla classifica degli uomini più ricchi del mondo grazie a un patrimonio da 110 miliardi scalzando il Ceo di Amazon, Jeff Bezos, i cui averi raggiungono “solo" i 108,7 miliardi. Al terzo posto troviamo invece Bernard Arnault, Tycoon del lusso e ceo di Lvmh il cui patrimonio è di 102,7 miliardi.

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.