Moody's: l'insostenibile leggerezza delle promesse elettorali italiane

il debito pubblico superiore al 130% del Pil "resta" il punto debole della tenuta creditizia del nostro Paese

L'alto debito pubblico italiano limiterà la fattibilità delle promesse elettorali fatte dai vari partiti in Italia in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo. E' questo il messaggio arrivato da Moody's, che lo scorso ottobre lasciò invariato il suo giudizio sul nostro Paese (pari a Baa2) con outlook negativo.

L'agenzia di rating fa notare che "molti dei principali partiti politici italiani che potrebbero essere coinvolti nella formazione di una coalizione hanno enfatizzato il bisogno di tagliare il debito pubblico" ma sono anche concentrati nello sfruttare i benefici di breve termine derivanti da una crescita economica più forte attraverso dei tagli alle tasse. Il punto, sostiene Moody's, è che ci sono "ben pochi dettagli su come [quei tagli alle tasse] verranno finanziati".

In un documento intitolato "Cross Sector Italy - High government debt likely to restrain implementation of election pledges", Moody's spiega di non aspettarsi un notevole cambio di rotta delle condizioni economiche della nazione nel breve termine (escludendo esiti sorprendenti dalla chiamata alle urne). Inoltre, "i tagli alle tasse per le famiglie italiane non saranno probabilmente grandi abbastanza per potenziare i già salutari livelli di consumi".

Per l'agenzia di rating, il debito pubblico superiore al 130% del Pil "resta" il punto debole della tenuta creditizia dell'Italia. Moody's ha avvertito i partiti che hanno promesso un cambio di rotta, anche parziale, sul fronte del sistema pensionistico: "Sarebbe negativo da un punto di vista creditizio. Quella delle pensioni è stata una delle riforme chiave introdotte in Italia negli ultimi anni, dando supporto alla sostenibilità di lungo termine del debito pubblico italiano".

Escludendo un governo guidato dal Movimento 5 Stelle, visto come improbabile, Moody's sostiene che il maggiore impatto dato dalle elezioni nel breve e medio termine sarebbe dato dall'incertezza che si verrebbe a creare nel caso di una coalizione incapace di formare un governo. "Una tale incertezza potrebbe deprimere l'umore positivo dei consumatori e delle aziende, che sta alimentando la crescita economica attuale".

Insomma, per il nostro Paese poco cambierà dal punto di vista economico e creditizio a meno che dalle elezioni non emerga un governo guidato dal M5S. In quel caso Moody's sarebbe costretta a rivedere il suo rating.

Altri Servizi

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Trump ancora contro Comey: Flynn distrutto, lui fa i soldi

Il presidente interviene su Twitter dopo la pubblicazione dei memo dell'ex capo dell'Fbi

"Così la vita del generale Michael Flynn può essere totalmente distrutta, mentre James 'il Losco' Comey può far uscire notizie e bugie e fare un sacco di soldi con un libro di terza categoria (che non avrebbe mai dovuto essere scritto). Questo è davvero il modo in cui la vita in America deve funzionare? Non credo!". Questo il tweet del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dedicato a James Comey, in seguito alle notizie diffuse dai media sui memo scritti dall'allora capo dell'Fbi all'inizio della presidenza Trump, ora consegnati dal dipartimento di Giustizia al Congresso e in parte resi accessibili.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Dopo 2 anni di indagini, nessun accusato per la morte di Prince

Le autorità: "Non ci sono prove sufficienti". L'artista morto per un'overdose "accidentale", dovuta all'assunzione di farmaci contraffatti. "Prince non aveva idea che stesse mettendo a rischio la sua vita"

Dopo due anni di indagini, nessuno sarà accusato penalmente per la morte di Prince. Ad annunciare l'archiviazione del caso è stato Mark Metz, procuratore della contea di Carver, che nell'ultimo mese ha valutato il rapporto stilato dall'Ufficio dello sceriffo. "Semplicemente, non abbiamo prove sufficienti per accusare qualcuno di un crimine relativo alla morte di Prince" ha detto. "Non ci sono prove che la pillola o le pillole che hanno ucciso Prince fossero state prescritte da un dottore" ha aggiunto. Il cantante è morto per un'overdose di fentanyl il 21 aprile 2016; aveva 57 anni.

Lagarde: troppo potere nelle mani dei colossi tech? Spezzatino non è soluzione

Per il d.g. del Fond monetario, serve pensare a un "nuovo paradigma"
Facebook

Non crede che uno spezzatino di colossi tecnologici come Amazon, Facebook o Google sia "la risposta giusta" al loro crescente potere. "In passato poteva essere una soluzione" ma ora i legislatori devono "pensare in modo nuovo, e rapidamente". Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, è convinta che anche su questo, come nel commercio, serva la cooperazione delle istituzioni.

Bloomberg intervistato da Lagarde: tra golf e lotta alle guerre commerciali

In un'altra vita, l'ex sindaco di NY avrebbe voluto fare il professionista di golf
iStock

E' a capo di un impero dell'informazione finanziaria che porta il suo nome. E' stato tre volte sindaco di New York City e nel 2016 ha pensato a scendere in campo per correre verso la Casa Bianca. Ma a Michael Bloomberg sarebbe piaciuto essere un golfista professionista. "Avrei vinto tutti i Master".

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria