Moody's: l'insostenibile leggerezza delle promesse elettorali italiane

il debito pubblico superiore al 130% del Pil "resta" il punto debole della tenuta creditizia del nostro Paese

L'alto debito pubblico italiano limiterà la fattibilità delle promesse elettorali fatte dai vari partiti in Italia in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo. E' questo il messaggio arrivato da Moody's, che lo scorso ottobre lasciò invariato il suo giudizio sul nostro Paese (pari a Baa2) con outlook negativo.

L'agenzia di rating fa notare che "molti dei principali partiti politici italiani che potrebbero essere coinvolti nella formazione di una coalizione hanno enfatizzato il bisogno di tagliare il debito pubblico" ma sono anche concentrati nello sfruttare i benefici di breve termine derivanti da una crescita economica più forte attraverso dei tagli alle tasse. Il punto, sostiene Moody's, è che ci sono "ben pochi dettagli su come [quei tagli alle tasse] verranno finanziati".

In un documento intitolato "Cross Sector Italy - High government debt likely to restrain implementation of election pledges", Moody's spiega di non aspettarsi un notevole cambio di rotta delle condizioni economiche della nazione nel breve termine (escludendo esiti sorprendenti dalla chiamata alle urne). Inoltre, "i tagli alle tasse per le famiglie italiane non saranno probabilmente grandi abbastanza per potenziare i già salutari livelli di consumi".

Per l'agenzia di rating, il debito pubblico superiore al 130% del Pil "resta" il punto debole della tenuta creditizia dell'Italia. Moody's ha avvertito i partiti che hanno promesso un cambio di rotta, anche parziale, sul fronte del sistema pensionistico: "Sarebbe negativo da un punto di vista creditizio. Quella delle pensioni è stata una delle riforme chiave introdotte in Italia negli ultimi anni, dando supporto alla sostenibilità di lungo termine del debito pubblico italiano".

Escludendo un governo guidato dal Movimento 5 Stelle, visto come improbabile, Moody's sostiene che il maggiore impatto dato dalle elezioni nel breve e medio termine sarebbe dato dall'incertezza che si verrebbe a creare nel caso di una coalizione incapace di formare un governo. "Una tale incertezza potrebbe deprimere l'umore positivo dei consumatori e delle aziende, che sta alimentando la crescita economica attuale".

Insomma, per il nostro Paese poco cambierà dal punto di vista economico e creditizio a meno che dalle elezioni non emerga un governo guidato dal M5S. In quel caso Moody's sarebbe costretta a rivedere il suo rating.

Altri Servizi

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap