Moody's: uscita dell'Italia dall'euro? Rischio "molto basso"

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Secondo Moody's, l'insoddisfazione nei confronti dei partiti politici tradizionali potrebbe tradursi in vantaggi elettorali da parte dei partiti euroscettici nelle prossime elezioni generali, che potrebbero esserci quest'anno".

Intitolato "Government of Italy: Euro Exit Risk Remains Very Low, But Political Dynamics Are Unpredictable", il documento spiega che un'uscita dell'Italia dall'Area euro e la conseguente ri-denominazione della valuta sarebbe un evento significativo: "Probabilmente, ma non certamente, potrebbe portare al default. La ri-denominazione del debito pubblico sarebbe considerato come un 'default event' nel caso in cui chi possiede titoli ri-denominati sia incapace di ricevere la somma promessa in una tempistica giusta".

Moody's fa notare che ci sono una serie di ostacoli costituzionali e politici a una ipotetica Italexit. L'agenzia cita per esempio l'articolo 75 della Costituzione italiana, secondo cui non è ammesso un referendum di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. "Sarebbe probabilmente necessaria una modifica della Costituzione per tenere un referendum sull'uscita dall'Eurozona". Inoltre, la decisione del 25 gennaio scorso della Corte costituzionale di modificare l'Italicum ha ridotto la possibilità che un singolo partito raggiunga una completa maggioranza alla Camera. Questo riduce il rischio che partiti anti-euro siano in grado di perseguire un'agenda anti-euro che culmini nell'addio all'Eurozona.

Moody's sottolinea comunque che "le dinamiche politiche europee sono attualmente imprevedibili" e che eventi come la Brexit, il referendum con cui il 23 giugno scorso gli elettori britannici hanno votato in favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, "illustrano la possibilità di eventi inattesi". Secondo l'agenzia di rating, ciò significa che "nonostante al momento l'uscita dall'Area euro abbia una probabilità molto bassa, il rischio di eventi improbabili potrebbe crescere".

Altri Servizi

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock