Moody's: uscita dell'Italia dall'euro? Rischio "molto basso"

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Secondo Moody's, l'insoddisfazione nei confronti dei partiti politici tradizionali potrebbe tradursi in vantaggi elettorali da parte dei partiti euroscettici nelle prossime elezioni generali, che potrebbero esserci quest'anno".

Intitolato "Government of Italy: Euro Exit Risk Remains Very Low, But Political Dynamics Are Unpredictable", il documento spiega che un'uscita dell'Italia dall'Area euro e la conseguente ri-denominazione della valuta sarebbe un evento significativo: "Probabilmente, ma non certamente, potrebbe portare al default. La ri-denominazione del debito pubblico sarebbe considerato come un 'default event' nel caso in cui chi possiede titoli ri-denominati sia incapace di ricevere la somma promessa in una tempistica giusta".

Moody's fa notare che ci sono una serie di ostacoli costituzionali e politici a una ipotetica Italexit. L'agenzia cita per esempio l'articolo 75 della Costituzione italiana, secondo cui non è ammesso un referendum di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. "Sarebbe probabilmente necessaria una modifica della Costituzione per tenere un referendum sull'uscita dall'Eurozona". Inoltre, la decisione del 25 gennaio scorso della Corte costituzionale di modificare l'Italicum ha ridotto la possibilità che un singolo partito raggiunga una completa maggioranza alla Camera. Questo riduce il rischio che partiti anti-euro siano in grado di perseguire un'agenda anti-euro che culmini nell'addio all'Eurozona.

Moody's sottolinea comunque che "le dinamiche politiche europee sono attualmente imprevedibili" e che eventi come la Brexit, il referendum con cui il 23 giugno scorso gli elettori britannici hanno votato in favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, "illustrano la possibilità di eventi inattesi". Secondo l'agenzia di rating, ciò significa che "nonostante al momento l'uscita dall'Area euro abbia una probabilità molto bassa, il rischio di eventi improbabili potrebbe crescere".

Altri Servizi

Gli Usa celebrano il Giorno del ringraziamento, mangiando tacchino

Ecco perché ogni presidente di turno, da Lincoln a Trump, ha graziato un esemplare dell'animale.
Official White House Photo / Andrea Hanks

Nel giorno del ringraziamento gli americani (animalisti esclusi) mangiano il tacchino.

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Wall Street digerisce i verbali del Fomc

Prevista una stretta a dicembre. Investitori alla finestra alla vigilia del Giorno del ringraziamento
AP

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny