Moody's: uscita dell'Italia dall'euro? Rischio "molto basso"

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Secondo Moody's, l'insoddisfazione nei confronti dei partiti politici tradizionali potrebbe tradursi in vantaggi elettorali da parte dei partiti euroscettici nelle prossime elezioni generali, che potrebbero esserci quest'anno".

Intitolato "Government of Italy: Euro Exit Risk Remains Very Low, But Political Dynamics Are Unpredictable", il documento spiega che un'uscita dell'Italia dall'Area euro e la conseguente ri-denominazione della valuta sarebbe un evento significativo: "Probabilmente, ma non certamente, potrebbe portare al default. La ri-denominazione del debito pubblico sarebbe considerato come un 'default event' nel caso in cui chi possiede titoli ri-denominati sia incapace di ricevere la somma promessa in una tempistica giusta".

Moody's fa notare che ci sono una serie di ostacoli costituzionali e politici a una ipotetica Italexit. L'agenzia cita per esempio l'articolo 75 della Costituzione italiana, secondo cui non è ammesso un referendum di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. "Sarebbe probabilmente necessaria una modifica della Costituzione per tenere un referendum sull'uscita dall'Eurozona". Inoltre, la decisione del 25 gennaio scorso della Corte costituzionale di modificare l'Italicum ha ridotto la possibilità che un singolo partito raggiunga una completa maggioranza alla Camera. Questo riduce il rischio che partiti anti-euro siano in grado di perseguire un'agenda anti-euro che culmini nell'addio all'Eurozona.

Moody's sottolinea comunque che "le dinamiche politiche europee sono attualmente imprevedibili" e che eventi come la Brexit, il referendum con cui il 23 giugno scorso gli elettori britannici hanno votato in favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, "illustrano la possibilità di eventi inattesi". Secondo l'agenzia di rating, ciò significa che "nonostante al momento l'uscita dall'Area euro abbia una probabilità molto bassa, il rischio di eventi improbabili potrebbe crescere".

Altri Servizi

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc

Il senatore repubblicano, John McCain, è intervenuto in difesa della stampa e ha attaccato nuovamente Donald Trump che, dopo i vari scontri delle ultime settimane con i giornalisti, aveva definito su Twitter i media statunitensi "nemici degli americani". Parole durissime, che hanno creato spaccature anche fra i suoi uomini con il segretario alla Difesa, John Mattis, che ha preso le distanze dal presidente. ''Sono preoccupato'', ha invece dichiarato McCain che ha poi tuonato sostenendo che è cos" che iniziano e hanno iniziato tutti i dittatori.

Wall Street chiusa per il Presidents' Day

La settimana scorsa nuovi record per il Dow Jones. Primo calo dopo sette giornate in rialzo per S&P 500 e Nasdaq
AP

Immelt resta saldo alla guida di General Electric, ma gli investitori pensano al dopo

E' Ceo da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.
General Electric

Jeffrey Immelt non ha fatto intendere che lascerà a breve la guida di General Electric, di cui è amministratore delegato da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.

Gli Usa dicono addio a Norma McCorvey, l'attivista "accidentale" che aprì la strada alla legalizzazione dell'aborto

Nota come Jane Roe, si è spenta all’età di 69 anni per un problema al cuore

Il 18 febbraio è morta per un problema al cuore a Katy, in Texas, Norma Leah McCorvey, la cameriera texana che ha contribuito a cambiare il corso dei diritti delle donne statunitensi. McCorvey divenne famosa negli anni settanta con lo pseudonimo Jane Roe, usato in uno dei più famosi e importanti processi andati in scena nei tribunali americani negli ultimi decenni (Roe contro Wade) e che si concluse, con una sentenza emessa il 22 gennaio del 1973 che sancì di fatto il diritto all’aborto.