Moody's: uscita dell'Italia dall'euro? Rischio "molto basso"

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Secondo Moody's, l'insoddisfazione nei confronti dei partiti politici tradizionali potrebbe tradursi in vantaggi elettorali da parte dei partiti euroscettici nelle prossime elezioni generali, che potrebbero esserci quest'anno".

Intitolato "Government of Italy: Euro Exit Risk Remains Very Low, But Political Dynamics Are Unpredictable", il documento spiega che un'uscita dell'Italia dall'Area euro e la conseguente ri-denominazione della valuta sarebbe un evento significativo: "Probabilmente, ma non certamente, potrebbe portare al default. La ri-denominazione del debito pubblico sarebbe considerato come un 'default event' nel caso in cui chi possiede titoli ri-denominati sia incapace di ricevere la somma promessa in una tempistica giusta".

Moody's fa notare che ci sono una serie di ostacoli costituzionali e politici a una ipotetica Italexit. L'agenzia cita per esempio l'articolo 75 della Costituzione italiana, secondo cui non è ammesso un referendum di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. "Sarebbe probabilmente necessaria una modifica della Costituzione per tenere un referendum sull'uscita dall'Eurozona". Inoltre, la decisione del 25 gennaio scorso della Corte costituzionale di modificare l'Italicum ha ridotto la possibilità che un singolo partito raggiunga una completa maggioranza alla Camera. Questo riduce il rischio che partiti anti-euro siano in grado di perseguire un'agenda anti-euro che culmini nell'addio all'Eurozona.

Moody's sottolinea comunque che "le dinamiche politiche europee sono attualmente imprevedibili" e che eventi come la Brexit, il referendum con cui il 23 giugno scorso gli elettori britannici hanno votato in favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, "illustrano la possibilità di eventi inattesi". Secondo l'agenzia di rating, ciò significa che "nonostante al momento l'uscita dall'Area euro abbia una probabilità molto bassa, il rischio di eventi improbabili potrebbe crescere".

Altri Servizi

Wall Street guarda al fronte economico Usa

Focus sul Pil Usa e sulle notizie dal fronte del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione.
AP

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Altro che la battaglia tra il presidente americano Donald Trump e il Congresso Usa, dove venerdì 24 marzo è stata ritirata la proposta di riforma sanitaria perché priva dei voti necessari per la sua approvazione alla Camera. Secondo un articolo del Wall Street Journal, è l'Italia a rappresentare la principale minaccia politica all'orizzonte per gli investitori.

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Dopo il flop del Note 7, Samsung torna con Galaxy S8

Presentato a New York il nuovo smartphone del gruppo sudcoreano: schermo più grande, addio al pulsante home e assistente vocale Bixby per sfidare Siri di Apple e Google Assistant

Samsung prova a ripartire dal Lincoln Center di New York, per dimenticare il fallimento dei tablet Note 7 che prendevano fuoco e per provare a dare una nuova spallata ad Apple, nell'anno del decimo anniversario di iPhone. Da Manhattan il gruppo coreano ha presentato il Galaxy S8, uno smartphone con uno schermo più grande rispetto a il precedente S7 e con un assistente vocale, Bixby, nato come risposta a Siri di Apple e a Google Assistant.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Economia Usa cresce a passo più rapido, Pil rivisto a +2,1%

Insieme al dato sul Pil sono stati diffusi i numeri sui profitti aziendali, che hanno guadagnato slancio negli ultimi mesi del 2016, mentre più in generale la crescita economica è rimasta costante, ma modesta.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel quarto trimestre a passo più rapido di quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura finale del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto del 2,1%, contro l'1,9% della stima preliminare e di quella intermedia. Il dato è superiore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione del 2%. Il Pil era salito del 3,5% nel terzo trimestre, dell'1,4% nel secondo e dello 0,8% nel primo.

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Ivanka Trump ha deciso di formalizzare il suo ruolo alla Casa Bianca confermando di essere una "first daughter" con una visibilità certamente maggiore della first lady, Melania. La figlia maggiore del presidente americano Donald diventa ufficialmente un dipendente federale non retribuito andando a unirsi al marito Jared Kushner, consigliere del presidente e a sua volta non pagato al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington.

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.