È morta Carrie Fisher, la principessa Leila di Star Wars

Aveva 60 anni. Colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles. Pioggia di commenti dal cast di Guerre Stellari, dalla famiglia e dai fan
Wikimedia Commons /Riccardo Ghilardi

È morta a 60 anni, Carrie Fisher, attrice americana diventata famosa in tutto il mondo per aver interpretato la principessa Leila nei tre film della trilogia originale di Star Wars. E' stata colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles, dove viveva: da venerdì 23 dicembre si trovava in terapia intensiva nella città californiana.

Alcune speranze si erano aperte per i fan di tutto il mondo, visto che domenica la madre di Fisher, l'attrice Debbie Reynolds, aveva scritto su Twitter che le condizioni della figlia erano stabili. E invece in una nota, la famiglia ha fatto sapere che Fisher è morta alle 8.55 della mattina del 27 dicembre. La donna si trovava a Londra per lavoro: aveva appena finito le riprese di "Catastrophe", una nuova serie originale di Amazon ambientata nella capitale britannica.

Inoltre Fisher aveva appena annunciato una serie di presentazioni per il suo nuovo libro "The Princess Diarist", che aveva fatto notizia perché racconta (per la prima volta) della sua storia d'amore durata solo tre mesi con Harrison Ford mentre stavano filmando Star Wars.

Fisher aveva raggiunto la popolarità mondiale tra il 1977 e il 1983 partecipando alla trilogia originale di Guerre Stellari di George Lucas. Fisher era la figlia di Reynolds e dell'artista Eddie Fisher. Fuggita da Hollywood, Fisher era entrata nella Central School of Speech and Drama di Londra nel 1973, dove era rimasta per un anno a studiare recitazione.

Poi, dopo il suo ritorno in California, era stata scelta per Star Wars: aveva 19 anni. Da lì ha svolto ruoli anche in film di culto come "The Blues Brothers" e "Hannah" and "Her Sisters" di Woody Allen. Nel 1983 si era sposata con il musicista Paul Simon.

In quegli anni iniziarono anche le prime depressioni e Fisher ritornò all'uso di droga che per alcuni periodi la portarono a essere completamente dipendente dalla cocaina. Avrebbe iniziato ad abusare di sostanze a 13 anni, con la marijuana. La sua dipendenza è raccontata nel libro autobiografico, "Cartoline dall'inferno", da cui è stato tratto un film con Meryl Streep.

Nel 1985 le fu diagnosticato un disturbo di bipolarismo e da quel momento iniziò a battersi per i diritti delle persone con malattie mentali e per diffondere la conoscenza di queste malattie e delle cure.

Nel 2015 era tornato a recitare in un film della saga di Lucas - "The Force Awakens" - riportando dopo 30 anni la principessa Leila sugli schermi. "Sapevo che qualcosa di enorme avrebbe avuto un impatto sulla mia vita grazie a questo film e che non ci sarebbe stato alcun modo di capire come poteva essere o sarebbe potuto essere questo impatto", aveva detto Fisher in una intervista ricordando il suo esordio in Guerre stellari.

Le reazioni alla sua morte

La famiglia
"Grazie a tutti coloro che hanno apprezzato i talenti della mia amata e fantastica figlia. Sono grata per i vostri pensieri e le vostre preghiere che ora la guideranno verso la sua prossima tappa", ha scritto la madre Debbie Reynolds

"Era amata dal mondo e ci mancherà profondamente", ha commentato Simon Halls, per conto della figlia di Fisher, Billie Lourd.

Il cast di Guerre stellari
"Non ho parole, #devastato", ha scritto Mark Hamill (interprete del personaggio Luke Skywalker) su Twitter.

"Sono profondamente rattristato dalla notizia della morte di Carrie. Era una cara amica che ho profondamente rispettato e ammirato. La forza è buia oggi", ha commentato Billy Dee Williams (interprete del ruolo di Lando Calrissian nella celebre saga).

"Pensavo di avere ricevuto quello che volevo sotto l'albero. Non è stato cos". Nonostante i tanti pensieri e le tante preghiere, sono molto, molto triste", ha detto Anthony Daniels (C3PO).

"Sono estremamente triste di avere appreso la notizia della morte di Carrie. Era bellissimo lavorare con lei. Condoglianze ai suoi amici, alla famiglia e ai fan nel mondo", ha dichiarato David Prowse (Darth Vader).

"Non ci sono parole per questa perdita. Carrie era una luce brillante in ogni stanza in cui è entrata. Mi mancherà tantissimo", è stato il commento di Peter Mayhew (Chewbacca).

"Carrie era unica, brillante, originale", ha detto Harrison Ford, l'Han Solo di "Star Wars" alla rivista People. "Buffa e emotivamente senza paura, Carrie ha vissuto la sua vita coraggiosamente".

Hollywood
"Le sue osservazioni mi hanno sempre fatto ridere e sospirare allo stesso tempo. Non aveva bisogno della Forza. Lei era la forza della natura, della fedeltà e dell'amicizia", ha scritto Steven Spielberg.

"Sono profondamente rattristato...un talento e una luce fantastici si sono spenti", è stata la reazione dell'attore di "Star Trek" William Shatner

"Milioni si sono innamorati di lei come la principessa indomabile Leila. Avrà sempre un posto speciale nei cuori dei fan di Guerre Stellari e di chi è stato così fortunato da conoscerla personalmente", ha dichiarato Bob Iger, numero uno di Walt Disney Company.

"Era la più intelligente e la più divertente di chiunque avesse il diritto di esserlo", ha detto l'attrice Whoopi Goldberg, che ha recitato con Fisher in "Soapdish".

Carrie Fisher
Altri Servizi

Corea del Nord, fallisce il test missilistico. Trump: "Mancanza di rispetto per la Cina. Male!"

Il lancio è apparso come una risposta all'appello degli Stati Uniti a contrastare la minaccia nucleare di Pyongyang, di fronte alle Nazioni Unite. L'amministrazione Usa crede che la chiave per avere successo sia la Cina
AP

È fallito, nelle prime ore del mattino, il nuovo test missilistico della Corea del Nord, apparso come un tentativo di risposta a un appello degli Stati Uniti a contrastare la "minaccia nucleare" rappresentata da Pyongyang con un rafforzamento delle sanzioni internazionali. Qualche ora dopo una riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza, "la Corea del Nord ha lanciato un tipo di missile balistico non identificato da un sito" a nord di Pyongyang, ha annunciato il ministero della Difesa sudcoreano.

Questa notte la Cena dei Corrispondenti della Casa Bianca. Senza Trump

E' il primo presidente a mancare da 36 anni a questa parte: la sua protesta contro la stampa nell'evento che celebra la libertà d'informazione

Questa sera a Washington (quando in Italia sarà notte inoltrata) si terrà uno degli eventi più attesi dell'anno: la cena dei corrispondenti della Casa Bianca, il gala annuale in cui di solito il presidente degli Stati Uniti si ritrova con tutti i giornalisti che lo seguono ogni giorno e a cui partecipano anche diverse star. E' un evento durante il quale, tradizionalmente, il Commander in Chief tiene un discorso diverso dal solito e fuori dalle righe, e ne approfitta per scherzare: basti pensare alla cena dello scorso anno, quando Barack Obama lasciò cadere il microfono come un consumato showman alla sua ultima trasmissione televisiva (per vedere la scena, si vada alla fine del video in pagina). Per il 44esimo presidente Usa quella era l'ultima Correspondent's Dinner. Quest'anno, però, il presidente Usa non parteciperà. E' stato Donald Trump ad annunciarlo con largo anticipo in un tweet: "Non parteciperò alla cena dell’Associazione dei Corrispondenti della Casa Bianca. Vi auguro ogni bene e di trascorrere una bella serata".

Dal record del Dow Jones al muro con il Messico: i primi 100 giorni di Trump, tra fatti e promesse

Un periodo trascorso tra polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record a Wall Street, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Apple recluta ex dipendenti Nasa e Tesla per la sua auto autonoma

I loro nomi sono spuntati da documenti riguardanti un permesso, concesso dalle autorità californiane ad Apple, per testare la sua vettura che si guida da sola

Apple preme l'acceleratore sul progetto per la produzione di auto che si guidano da sole. Il produttore dell'iPhone ha reclutato ex dipendenti della Nasa, esperti di robotica ed ex staff di Tesla. E' quanto emerge da documenti ottenuti dal Wall Street Journal e da Business Insider riguardanti il permesso, concesso dalle autorità californiane ad Apple, per testare i suoi veicoli autonomi.

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

L'economia americana nel primo trimestre del 2017 si è espansa al passo più lento da tre anni, segno delle sfide con cui l'amministrazione Trump - giunta al suo 99esimo giorno - deve fare i conti per spingere la crescita ad almeno il 3% annuo promesso. Anche se è troppo presto per giudicare l'impatto della nuova presidenza Usa sull'economia, c'è il rischio che dati deboli possano portare a un calo della fiducia (per ora alimentata dalle promesse del miliardario di New York diventato leader della Casa Bianca). Il generale, il rallentamento dei consumi è stato controbilanciato almeno in parte dagli investimenti nel settore immobiliare e quello aziendale.

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Cancellare e sostituire l'Obamacare era uno dei principali obiettivi dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca, ma il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, li festeggerà domani senza averlo raggiunto.

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Donald Trump avverte della effettiva possibilità di un "enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord, anche se lui preferirebbe risolvere la crisi per vie diplomatiche. Il nuovo monito arriva in una intervista rilasciata all'agenzia Reuters in occasione dei primi cento giorni della sua presidenza.

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Sabato 29 aprile, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, festeggia i suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. Cento giorni scanditi, anche, dalle proteste di chi non si rassegna ad averlo come 45esimo capo di Stato, iniziate il giorno del suo insediamento.

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

La ripresa dei prezzi del petrolio ha permesso ai gruppi americani Exxon Mobil e Chevron di tirare il sospiro di sollievo. Nel primo caso, dopo nove trimestri di fila con utili in calo su base annuale, i profitti sono più che raddoppiati nei primi tre mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nel secondo, il gruppo è tornato all'utile.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Mentre Uber dice che testerà le auto volanti entro tre anni, Elon Musk punta a una rete sotterranea di autostrade high tech. Il fondatore e numero uno del produttore di auto elettriche Tesla e della società aerospaziale SpaceX ha presentato un video del progetto della sua ennesima azienda chiamata The Boring Company. In esso si vede una vettura che, al posto di rimanere imbottigliata nel traffico, viene calata dalla strada tradizionale dopo essersi posizionata su una sorta di piattaforma che funge da ascensore. La vettura stessa viene cos" trasferita in un tunnel sotterraneo dove - restando su quella piattaforma - può arrivare a viaggiare fino a 200 chilometri all'ora.