È morta Carrie Fisher, la principessa Leila di Star Wars

Aveva 60 anni. Colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles. Pioggia di commenti dal cast di Guerre Stellari, dalla famiglia e dai fan
Wikimedia Commons /Riccardo Ghilardi

È morta a 60 anni, Carrie Fisher, attrice americana diventata famosa in tutto il mondo per aver interpretato la principessa Leila nei tre film della trilogia originale di Star Wars. E' stata colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles, dove viveva: da venerdì 23 dicembre si trovava in terapia intensiva nella città californiana.

Alcune speranze si erano aperte per i fan di tutto il mondo, visto che domenica la madre di Fisher, l'attrice Debbie Reynolds, aveva scritto su Twitter che le condizioni della figlia erano stabili. E invece in una nota, la famiglia ha fatto sapere che Fisher è morta alle 8.55 della mattina del 27 dicembre. La donna si trovava a Londra per lavoro: aveva appena finito le riprese di "Catastrophe", una nuova serie originale di Amazon ambientata nella capitale britannica.

Inoltre Fisher aveva appena annunciato una serie di presentazioni per il suo nuovo libro "The Princess Diarist", che aveva fatto notizia perché racconta (per la prima volta) della sua storia d'amore durata solo tre mesi con Harrison Ford mentre stavano filmando Star Wars.

Fisher aveva raggiunto la popolarità mondiale tra il 1977 e il 1983 partecipando alla trilogia originale di Guerre Stellari di George Lucas. Fisher era la figlia di Reynolds e dell'artista Eddie Fisher. Fuggita da Hollywood, Fisher era entrata nella Central School of Speech and Drama di Londra nel 1973, dove era rimasta per un anno a studiare recitazione.

Poi, dopo il suo ritorno in California, era stata scelta per Star Wars: aveva 19 anni. Da lì ha svolto ruoli anche in film di culto come "The Blues Brothers" e "Hannah" and "Her Sisters" di Woody Allen. Nel 1983 si era sposata con il musicista Paul Simon.

In quegli anni iniziarono anche le prime depressioni e Fisher ritornò all'uso di droga che per alcuni periodi la portarono a essere completamente dipendente dalla cocaina. Avrebbe iniziato ad abusare di sostanze a 13 anni, con la marijuana. La sua dipendenza è raccontata nel libro autobiografico, "Cartoline dall'inferno", da cui è stato tratto un film con Meryl Streep.

Nel 1985 le fu diagnosticato un disturbo di bipolarismo e da quel momento iniziò a battersi per i diritti delle persone con malattie mentali e per diffondere la conoscenza di queste malattie e delle cure.

Nel 2015 era tornato a recitare in un film della saga di Lucas - "The Force Awakens" - riportando dopo 30 anni la principessa Leila sugli schermi. "Sapevo che qualcosa di enorme avrebbe avuto un impatto sulla mia vita grazie a questo film e che non ci sarebbe stato alcun modo di capire come poteva essere o sarebbe potuto essere questo impatto", aveva detto Fisher in una intervista ricordando il suo esordio in Guerre stellari.

Le reazioni alla sua morte

La famiglia
"Grazie a tutti coloro che hanno apprezzato i talenti della mia amata e fantastica figlia. Sono grata per i vostri pensieri e le vostre preghiere che ora la guideranno verso la sua prossima tappa", ha scritto la madre Debbie Reynolds

"Era amata dal mondo e ci mancherà profondamente", ha commentato Simon Halls, per conto della figlia di Fisher, Billie Lourd.

Il cast di Guerre stellari
"Non ho parole, #devastato", ha scritto Mark Hamill (interprete del personaggio Luke Skywalker) su Twitter.

"Sono profondamente rattristato dalla notizia della morte di Carrie. Era una cara amica che ho profondamente rispettato e ammirato. La forza è buia oggi", ha commentato Billy Dee Williams (interprete del ruolo di Lando Calrissian nella celebre saga).

"Pensavo di avere ricevuto quello che volevo sotto l'albero. Non è stato cos". Nonostante i tanti pensieri e le tante preghiere, sono molto, molto triste", ha detto Anthony Daniels (C3PO).

"Sono estremamente triste di avere appreso la notizia della morte di Carrie. Era bellissimo lavorare con lei. Condoglianze ai suoi amici, alla famiglia e ai fan nel mondo", ha dichiarato David Prowse (Darth Vader).

"Non ci sono parole per questa perdita. Carrie era una luce brillante in ogni stanza in cui è entrata. Mi mancherà tantissimo", è stato il commento di Peter Mayhew (Chewbacca).

"Carrie era unica, brillante, originale", ha detto Harrison Ford, l'Han Solo di "Star Wars" alla rivista People. "Buffa e emotivamente senza paura, Carrie ha vissuto la sua vita coraggiosamente".

Hollywood
"Le sue osservazioni mi hanno sempre fatto ridere e sospirare allo stesso tempo. Non aveva bisogno della Forza. Lei era la forza della natura, della fedeltà e dell'amicizia", ha scritto Steven Spielberg.

"Sono profondamente rattristato...un talento e una luce fantastici si sono spenti", è stata la reazione dell'attore di "Star Trek" William Shatner

"Milioni si sono innamorati di lei come la principessa indomabile Leila. Avrà sempre un posto speciale nei cuori dei fan di Guerre Stellari e di chi è stato così fortunato da conoscerla personalmente", ha dichiarato Bob Iger, numero uno di Walt Disney Company.

"Era la più intelligente e la più divertente di chiunque avesse il diritto di esserlo", ha detto l'attrice Whoopi Goldberg, che ha recitato con Fisher in "Soapdish".

Carrie Fisher
Altri Servizi

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Accordo nucleare con l'Iran, Trump di nuovo contro Obama

Il presidente americano accusa ancora il suo predecessore via Twitter e ritorna a parlare del Russiagate
AP

Nuovo weekend di cinguettii al vetriolo da parte del presidente americano Donald Trump. Dopo aver attaccato l’Fbi per la strage in Florida e aver corretto il generale McMaster, reo di non essersi espresso bene sul Russiagate il sabato sera, il tycoon ha deciso di tornare a puntare il dito contro l’accordo sul nucleare iraniano firmato da Barack Obama prima e di parlare ancora dell[interferenza russa nelle elezioni americane poi.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.