È morta Carrie Fisher, la principessa Leila di Star Wars

Aveva 60 anni. Colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles. Pioggia di commenti dal cast di Guerre Stellari, dalla famiglia e dai fan
Wikimedia Commons /Riccardo Ghilardi

È morta a 60 anni, Carrie Fisher, attrice americana diventata famosa in tutto il mondo per aver interpretato la principessa Leila nei tre film della trilogia originale di Star Wars. E' stata colpita da un infarto mentre si trovava in volo di rientro da Londra a Los Angeles, dove viveva: da venerdì 23 dicembre si trovava in terapia intensiva nella città californiana.

Alcune speranze si erano aperte per i fan di tutto il mondo, visto che domenica la madre di Fisher, l'attrice Debbie Reynolds, aveva scritto su Twitter che le condizioni della figlia erano stabili. E invece in una nota, la famiglia ha fatto sapere che Fisher è morta alle 8.55 della mattina del 27 dicembre. La donna si trovava a Londra per lavoro: aveva appena finito le riprese di "Catastrophe", una nuova serie originale di Amazon ambientata nella capitale britannica.

Inoltre Fisher aveva appena annunciato una serie di presentazioni per il suo nuovo libro "The Princess Diarist", che aveva fatto notizia perché racconta (per la prima volta) della sua storia d'amore durata solo tre mesi con Harrison Ford mentre stavano filmando Star Wars.

Fisher aveva raggiunto la popolarità mondiale tra il 1977 e il 1983 partecipando alla trilogia originale di Guerre Stellari di George Lucas. Fisher era la figlia di Reynolds e dell'artista Eddie Fisher. Fuggita da Hollywood, Fisher era entrata nella Central School of Speech and Drama di Londra nel 1973, dove era rimasta per un anno a studiare recitazione.

Poi, dopo il suo ritorno in California, era stata scelta per Star Wars: aveva 19 anni. Da lì ha svolto ruoli anche in film di culto come "The Blues Brothers" e "Hannah" and "Her Sisters" di Woody Allen. Nel 1983 si era sposata con il musicista Paul Simon.

In quegli anni iniziarono anche le prime depressioni e Fisher ritornò all'uso di droga che per alcuni periodi la portarono a essere completamente dipendente dalla cocaina. Avrebbe iniziato ad abusare di sostanze a 13 anni, con la marijuana. La sua dipendenza è raccontata nel libro autobiografico, "Cartoline dall'inferno", da cui è stato tratto un film con Meryl Streep.

Nel 1985 le fu diagnosticato un disturbo di bipolarismo e da quel momento iniziò a battersi per i diritti delle persone con malattie mentali e per diffondere la conoscenza di queste malattie e delle cure.

Nel 2015 era tornato a recitare in un film della saga di Lucas - "The Force Awakens" - riportando dopo 30 anni la principessa Leila sugli schermi. "Sapevo che qualcosa di enorme avrebbe avuto un impatto sulla mia vita grazie a questo film e che non ci sarebbe stato alcun modo di capire come poteva essere o sarebbe potuto essere questo impatto", aveva detto Fisher in una intervista ricordando il suo esordio in Guerre stellari.

Le reazioni alla sua morte

La famiglia
"Grazie a tutti coloro che hanno apprezzato i talenti della mia amata e fantastica figlia. Sono grata per i vostri pensieri e le vostre preghiere che ora la guideranno verso la sua prossima tappa", ha scritto la madre Debbie Reynolds

"Era amata dal mondo e ci mancherà profondamente", ha commentato Simon Halls, per conto della figlia di Fisher, Billie Lourd.

Il cast di Guerre stellari
"Non ho parole, #devastato", ha scritto Mark Hamill (interprete del personaggio Luke Skywalker) su Twitter.

"Sono profondamente rattristato dalla notizia della morte di Carrie. Era una cara amica che ho profondamente rispettato e ammirato. La forza è buia oggi", ha commentato Billy Dee Williams (interprete del ruolo di Lando Calrissian nella celebre saga).

"Pensavo di avere ricevuto quello che volevo sotto l'albero. Non è stato cos". Nonostante i tanti pensieri e le tante preghiere, sono molto, molto triste", ha detto Anthony Daniels (C3PO).

"Sono estremamente triste di avere appreso la notizia della morte di Carrie. Era bellissimo lavorare con lei. Condoglianze ai suoi amici, alla famiglia e ai fan nel mondo", ha dichiarato David Prowse (Darth Vader).

"Non ci sono parole per questa perdita. Carrie era una luce brillante in ogni stanza in cui è entrata. Mi mancherà tantissimo", è stato il commento di Peter Mayhew (Chewbacca).

"Carrie era unica, brillante, originale", ha detto Harrison Ford, l'Han Solo di "Star Wars" alla rivista People. "Buffa e emotivamente senza paura, Carrie ha vissuto la sua vita coraggiosamente".

Hollywood
"Le sue osservazioni mi hanno sempre fatto ridere e sospirare allo stesso tempo. Non aveva bisogno della Forza. Lei era la forza della natura, della fedeltà e dell'amicizia", ha scritto Steven Spielberg.

"Sono profondamente rattristato...un talento e una luce fantastici si sono spenti", è stata la reazione dell'attore di "Star Trek" William Shatner

"Milioni si sono innamorati di lei come la principessa indomabile Leila. Avrà sempre un posto speciale nei cuori dei fan di Guerre Stellari e di chi è stato così fortunato da conoscerla personalmente", ha dichiarato Bob Iger, numero uno di Walt Disney Company.

"Era la più intelligente e la più divertente di chiunque avesse il diritto di esserlo", ha detto l'attrice Whoopi Goldberg, che ha recitato con Fisher in "Soapdish".

Carrie Fisher
Altri Servizi

Wall Street cerca la via dei rialzi in avvio di settimana

Riflettori puntati su alcuni dati macro e notizie aziendali.
AP

La Corte suprema aiuta Trump: parte del muslim ban torna in vigore

I cittadini dei 6 stati presi di mira dal presidente potranno entrare in Usa solo se hanno familiari o un lavoro. Per tutti gli altri stop ai visti per 90 giorni. Il programma dei rifugiati, invece, resta sospeso per 120 giorni. La decisione in autunno
AP

La Corte suprema ha ripristinato una parte dell'ordine esecutivo di Donald Trump che era stato fermato da due diversi tribunali d'Appello. I cittadini dei sei stati indicati nel 'muslim ban' voluto dal presidente Usa (Iran, Somalia, Sudan, Yemen, Siria e Libia) potranno entrare in Usa solo se hanno collegamenti o relazioni negli Stati Uniti (parenti, lavoro). In tutti gli altri casi, coloro che fanno richiesta per un visto e non hanno un familiare o un'impresa in Usa potrebbero vedersi negare la richiesta stessa. Questo fino al prossimo autunno, quando i nove giudici del massimo organo giudiziario americano valuteranno se l'ordine esecutivo datato sei marzo 2017 è incostituzionale.

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Pressing su Trump perché cambi politica sull'Iran

Alcuni funzionari dell’amministrazione americana si sono detti pronti a rovesciare il regime di Teheran e spingono sul presidente affinché cambi policy

La Casa Bianca sta lavorando alla consueta revisione delle sue policy, soprattutto rispetto alla politica estera. Si tratta di un momento di confronto all'interno dell'amministrazione Trump dove c'è chi spinge per dei forti cambiamenti. Stando a quanto riporta Politico, che cita fonti vicini alla vicenda, alcuni funzionari del governo nonché alcuni tra i più stretti consiglieri e alleati di Donald Trump stanno facendo pressioni sul presidente affinché Washington compia passi concreti per rovesciare il regime di Teheran.

Facebook va Hollywood per lanciare la sua Tv

Il social network di Zuckerberg sarebbe pronto a lanciare dei programmi televisivi per la fascia di pubblico compresa tra i 13 e 34 anni che evitino contenuti legati alla politica, alle news e che non mostrino nudi o volgarità

Facebook sta indirizzando le proprie attenzioni verso la produzione di contenuti televisivi originali e per mettere in piedi la propria strategia ha chiesto aiuto alle grandi agenzie creative di Hollywood. Il loro compito sarebbe proprio quello di portare avanti queste produzioni sulle indicazioni fornite dai dati raccolti dallo stesso Facebook.

Google verso maxi multa da un miliardo di euro da Commissione Ue

Per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. La sanzione potrebbe essere annunciata a breve, forse già il 28 giugno

Maxi multa in vista per Google per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal e dal Financial Times, la Commissione europea potrebbe infliggere al colosso di Mountain View una multa per circa un miliardo di euro.

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.