È morto John Glenn, il primo americano ad andare in orbita

L'astronauta della Nasa aveva 95 anni
 È morto John Glenn, il primo americano ad andare in orbita. L'astronauta della Nasa aveva 95 anni e dopo la missione spaziale era entrato in politica con i democratici diventando senatore. Entrò nella storia il 20 febbraio del 1962 quando portò a termine con successo la missione Friendship 7. Poi, 37 anni dopo, a 7 anni, fece un altro record, diventando l'uomo più anziano a viaggiare nello spazio.
 
Fu infatti nel 1998, quando stava ancora svolgendo il suo ultimo mandato a Capitol Hill, che decise di accompagnare un team di astronauti nello spazio a bordo dello shuttle Discovery. La sua morte è stata confermata anche dal governatore dell'Ohio, John Kasich, stato di cui Glenn era originario.
 
Glenn aveva fondato anche il John Glenn College of Public Affairs all'interno della Ohio State, dove aveva lavorato come professore fino a poco tempo prima della sua morte. "È stato un vero eroe per coraggio, integrità, sacrificio e risultati raggiunti con i quali ha ispirato persone, vecchie e giovani, in tutto il mondo", si legge in una nota pubblicata dal presidente della Ohio State University Michael V. Drake.
 
Glenn, che entrò nella storia come 'Godspeed', entrò nel primo gruppo di astronauti scelti dalla Nasa per iniziare il programma spaziale degli Stati Uniti. La sua missione, inoltre, spianò la strada alle successive imprese, fino all'arrivo di Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla Luna nel 1969. Glenn era nato nel 1921 a Cambridge, Ohio, da una famiglia di operai. Fu studente di ingegneria prima di entrare nei Marines nel 1943 per diventare pilota di bombardieri.
 
Il 95enne era anche l'ultimo astronauta vivente dei "Mercury Seven": Glenn, Scott Carpenter, Gordon Cooper, Gus Grissom, Wally Schirra, Alan Shepard, e Deke Slayton. Nel 1959 formarono la prima squadra arruolata dalla neonata Nasa dopo un lungo processo di selezione.
 
"Con la sua morte la nostra nazione ha perso un'icona e io e Michelle abbiamo perso un amico", ha detto il presidente americano Barack Obama in una nota diffusa dalla Casa Bianca.
Altri Servizi

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Amazon non riesce a limitare prodotti razzisti e suprematisti

Insieme a musica e libri neo-nazisti. Lo denuncia uno studio di due non profit americane

Su Amazon è possibile comprare prodotti con simboli del suprematismo bianco, come una collana di svastiche, una tutina da neonato con una croce infuocata e uno zaino da bambino con un meme neo-nazista. Tutto questo è contro le politiche del colosso americano e un rapporto segnala come Amazon non riesca a fare nulla per fermare la vendita di questi prodotti.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP