Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Il 27 agosto scorso Usa e Messico raggiunsero un'intesa sperando che anche il Canada vi aderisse ma tutte e due le nazioni sono disposte a rinunciare all'anima trilaterale del Nafta originario tirando dritto con il loro piano bilaterale. Da allora la ministra canadese degli Esteri, Chrystia Freeland, e lo 'zar' commerciale statunitense Robert Lighthizer hanno trattato senza giungere a un accordo. Per questo i negoziati riprendono oggi.

Il tempo stringe: la nuova scadenza fissata per legge dagli Stati Uniti per trovare un deal è il 30 settembre prossimo, tempistica che tra l'altro permetterebbe al presidente messicano uscente, Enrique Pena Nieto, di firmare un accordo a tre prima di cedere il testimone ad Andrés Manuel L-pez Obrador il primo dicembre prossimo. Il punto è che in pochi credono che un'intesa sia raggiungibile entro quella data.

Il governo del premier canadese Justin Trudeau è compatto nel credere che sia meglio non avere un accordo che siglarne uno cattivo. "Questa non è solo retorica", ha ribadito ieri Freeland ai legislatori preoccupati delle province di Saskatchewan e Ontario. "Lasciatemi anche dire che qualsiasi negoziatore che va a trattare credendo che sia impossibile non trovare un'intesa o che crede che deve trovare un accordo a qualsiasi costo, sarà obbligato a pagare un prezzo massimo per quell'intesa".

Eppure in Ontario inizia a montare qualche malumore. E quella per Trudeau è una provincia essenziale se il suo partito liberal vuole vincere le elezioni federali dell'ottobre 2019: è la più popolata e ospita il settore auto minacciato più volte dai dazi ventilati da Trump.

Ottawa guarda con preoccupazione all'arrivo a Washington, previsto oggi, del premier conservatore dell'Ontario, Doug Ford. Il timore è che il Canada non si presenti al nuovo tavolo dei negoziati con una voce sola e che la nazione appaia come disperata a trovare un accordo.

Il nodo forse più difficile da sciogliere è quello del settore caseario, tanto criticato da Trump e al quale lui vuole un maggiore accesso. In gioco ci sono poi le esenzioni culturali previste nel Nafta originario e che sono pensate per tutelare i settori canadesi cinematrografico, musicale e televisivo. Si tratta di una garanzia per la messa in onda di produzioni canadesi, cosa vista come cruciale per la provincia del Quebec (dove si parla francese) e per le città che ospitano gruppi media come Toronto e Vancouver. Resta da vedere inoltre se Trudeau continuerà a esigere il mantenimento del capitolo 19 del Nafta e che prevede un sistema di risoluzione delle dispute: esso consente di contestare sanzioni commerciali imposte da uno dei sottoscrittori. Il 5 settembre scorso il premier canadese disse che quel meccanismo è fondamentale, tanto più che il presidente americano "non sempre segue le regole in vigore".

Altri Servizi

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili e ricavi cresciuti più del previsto
iStock

Caso Khashoggi: monta il pressing su Trump, che punta a salvare la relazione con il "tossico" Mbs

Così il senatore repubblicano Lindsey Graham ha definito il principe erede al trono dell'Arabia Saudita.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Caso Khashoggi: sempre più defezioni per la "Davos nel deserto"

Anche i leader di HSBC, Credit Suisse, Standard Chartered e BNP si ritirano dalla conferenza organizzata a Riad. Il segretario al Tesoro Usa deciderà entro venerdì

Wall Street rimbalza con le banche

Morgan Stanley e Goldman Stanley battono le stime con le loro trimestrali
AP

Caso Khashoggi: Trump sembra disposto a credere al mea culpa saudita: interrogatorio finito male

Sotto il pressing internazionale, Riad si prepara a puntare il dito contro presunte mele marce
AP

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Caso Khashoggi: i Ceo di Jpm, BlackRock e Blackstone fuori dalla "Davos nel deserto". Trump invia Pompeo a Riad

James Dimon, Larry Fink e Stephen Schwarzman si aggiungono ai top manager che hanno deciso di non partecipare più alla conferenza. Il presidente Usa ha parlato con il re saudita
Wikimedia Commons