A Detroit apre il salone dell'auto: tante novità e altrettante paure per Trump

Al North American International Auto Show sono attesi oltre 40 nuovi modelli. Fca arriva forte dell'interesse degli investitori e prende in contropiede tutti annunciando un miliardo di dollari di investimenti in Usa

Dopo aver registrato risultati record nelle vendite in Usa per il secondo anno di fila, i produttori d’auto arrivano a Detroit per il Salone dell’Auto pronti a mostrare le novità che caratterizzeranno i prossimi mesi ma anche a confrontarsi e a riflettere sul proprio futuro sotto l’amministrazione Trump.

Più di 40 nuovi veicoli debutteranno al North American International Auto Show (Naias), il salone che da’ il via alla stagione dei grandi appuntamenti internazionali dedicati all’auto. Dopo il record dello scorso anno con 17,55 milioni di nuove immatricolazioni dopo i 17,5 del 2015, le stime prevedono un 2017 meno florido in cui la domanda rimarrà comunque forte.

Trump contro le case automobilistiche
Sebbene i produttori possano ancora contare sui clienti americani, la cui passione verso Suv, pick-up e truck sembra intramontabile, ci sono molti interrogativi circa la politica protezionistica che il presidente eletto Donald Trump vorrà mettere in atto. Gli ultimi giorni di polemiche non fanno ben sperare visto le minacce del presidente eletto di voler imporre una tassa superiore al 35% a chiunque produca le proprie vetture in Messico per importarle poi in Usa. Gm, Ford e Toyota sono stati i primi a scontrarsi con Trump e se Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi di dollari per la creazione di un impianto in Messico, General Motors e il produttore nipponico non sono stati spaventati dal pugno duro di Trump. "Non cambiamo piani ma siamo ansiosi di lavorare con l’amministrazione Trump" è stato il messaggio praticamente identico che hanno mandato i due al presidente eletto.

Fca gioca d'anticipo
Chi invece ha giocato d’anticipo per evitare le critiche del tycoon newyorchese allo spostamento di parte della produzione statunitense verso il Messico è Fca che domenica 8 gennaio ha annunciato che investirà 1miliardo di dollari per la riconversione e l'ammodernamento dei due impianti di Warren (Michigan) e Toledo (Ohio) con cui dimostra di volere puntare sulle vetture più redditizie (Suv e pick up) e meno sulle berline (a dicembre ha sospeso la produzione della Crysler 200). Il 9 gennaio alle 8:30 locali (le 14:30 in Italia) l'amministratore delegato Sergio Marchionne incontrerà la stampa a Detroit, forte di un rinnovato interesse degli investitori per il titolo, dell’annuncio della vigilia della creazione di 2.000 nuovi posti di lavoro, del lancio di un concetto di auto per millennials (Portal) al Ces di Las Vegas, un assaggio di una futura auto autonoma, e della consegna di 100 minivan Pacifica (numero che potrebbe raddopiare) a Waymo (ex Google).

Le novità attese
Per quanto riguarda le novità che verranno svelate tra poche ore, Toyota mostrerà la nuova Camry, una berlina che è stata la vettura più venduta negli Stati Uniti dal 2002,  mentre la Honda scoprirà il suo nuovo minivan Odyssey. Per quanto riguarda i suv, grande amore degli americani la cui domanda non sembra conoscere crisi, GM presenterà le nuove versioni dei suoi popolari GMC Terrain e Chevrolet Traverse. Nissan, invece, renderà pubblica una versione più piccola del suo suv Rogue, mentre la Tiguan della Volkswagen verrà presentata con un nuovo assetto più allungato.

Altri Servizi

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.