A Detroit apre il salone dell'auto: tante novità e altrettante paure per Trump

Al North American International Auto Show sono attesi oltre 40 nuovi modelli. Fca arriva forte dell'interesse degli investitori e prende in contropiede tutti annunciando un miliardo di dollari di investimenti in Usa

Dopo aver registrato risultati record nelle vendite in Usa per il secondo anno di fila, i produttori d’auto arrivano a Detroit per il Salone dell’Auto pronti a mostrare le novità che caratterizzeranno i prossimi mesi ma anche a confrontarsi e a riflettere sul proprio futuro sotto l’amministrazione Trump.

Più di 40 nuovi veicoli debutteranno al North American International Auto Show (Naias), il salone che da’ il via alla stagione dei grandi appuntamenti internazionali dedicati all’auto. Dopo il record dello scorso anno con 17,55 milioni di nuove immatricolazioni dopo i 17,5 del 2015, le stime prevedono un 2017 meno florido in cui la domanda rimarrà comunque forte.

Trump contro le case automobilistiche
Sebbene i produttori possano ancora contare sui clienti americani, la cui passione verso Suv, pick-up e truck sembra intramontabile, ci sono molti interrogativi circa la politica protezionistica che il presidente eletto Donald Trump vorrà mettere in atto. Gli ultimi giorni di polemiche non fanno ben sperare visto le minacce del presidente eletto di voler imporre una tassa superiore al 35% a chiunque produca le proprie vetture in Messico per importarle poi in Usa. Gm, Ford e Toyota sono stati i primi a scontrarsi con Trump e se Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi di dollari per la creazione di un impianto in Messico, General Motors e il produttore nipponico non sono stati spaventati dal pugno duro di Trump. "Non cambiamo piani ma siamo ansiosi di lavorare con l’amministrazione Trump" è stato il messaggio praticamente identico che hanno mandato i due al presidente eletto.

Fca gioca d'anticipo
Chi invece ha giocato d’anticipo per evitare le critiche del tycoon newyorchese allo spostamento di parte della produzione statunitense verso il Messico è Fca che domenica 8 gennaio ha annunciato che investirà 1miliardo di dollari per la riconversione e l'ammodernamento dei due impianti di Warren (Michigan) e Toledo (Ohio) con cui dimostra di volere puntare sulle vetture più redditizie (Suv e pick up) e meno sulle berline (a dicembre ha sospeso la produzione della Crysler 200). Il 9 gennaio alle 8:30 locali (le 14:30 in Italia) l'amministratore delegato Sergio Marchionne incontrerà la stampa a Detroit, forte di un rinnovato interesse degli investitori per il titolo, dell’annuncio della vigilia della creazione di 2.000 nuovi posti di lavoro, del lancio di un concetto di auto per millennials (Portal) al Ces di Las Vegas, un assaggio di una futura auto autonoma, e della consegna di 100 minivan Pacifica (numero che potrebbe raddopiare) a Waymo (ex Google).

Le novità attese
Per quanto riguarda le novità che verranno svelate tra poche ore, Toyota mostrerà la nuova Camry, una berlina che è stata la vettura più venduta negli Stati Uniti dal 2002,  mentre la Honda scoprirà il suo nuovo minivan Odyssey. Per quanto riguarda i suv, grande amore degli americani la cui domanda non sembra conoscere crisi, GM presenterà le nuove versioni dei suoi popolari GMC Terrain e Chevrolet Traverse. Nissan, invece, renderà pubblica una versione più piccola del suo suv Rogue, mentre la Tiguan della Volkswagen verrà presentata con un nuovo assetto più allungato.

Altri Servizi

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Netflix vola a Wall Street grazie alla crescita degli utenti

Sono aumentati più del previsto, soprattutto nel mercato internazionale. Bene anche i ricavi che sono cresciuti del 40%. Gli utili su del 43% e in linea con le attese.
AP

Nel primo trimestre dell'anno, Netflix ha aumentato il numero di abbonati più del previsto e ha presentato conti in linea con le attese, con i ricavi leggermente sopra il consensus. Per questo il titolo del gruppo di contenuti video in streaming è salito nel corso del dopo mercato, aggiungendo oltre il 6%.

Wall Street, attenzione rivolta all'Fmi

Il Fondo monetario internazionale pubblica il Global Financial Stability Report e il Fiscal Monitor
iStock

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Nashville, uomo seminudo spara in un locale: 4 morti e due feriti

Il killer, ancora in fuga, è stato identificato dalle autorità

Un uomo seminudo è entrato in un locale della catena Waffle House alla periferia di Nashville, in Tennessee, aprendo il fuoco sui presenti con un fucile d’assalto AR-15. Il bilancio è di 4 morti e due feriti. Il killer, ancora in fuga è stato identificato dalla polizia che ha lanciato un appello per individuarlo e catturarlo: si tratterebbe di Travis Reinking, 29enne di Morton, in Illinois.

Crisi nordcoreana, per Trump "C’è ancora molta strada da fare"

Tweet del presidente americano secondo cui gli Stati Uniti non hanno ceduto su nulla

A distanza di poche ore dall’annuncio della Corea del Nord di mettere fine ai test nucleari, ai test con i missili intercontinentali e alla chiusura di alcuni siti per i test atomici, Donald Trump è intervenuto sostenendo che "c’è ancora molta strada da fare" per risolvere la crisi nordcoreana. Il presidente americano ha twittato spiegando agli americani che "noi non abbiamo ceduto su nulla" nei negoziati sul programma nucleare di Pyongyang.