A Detroit apre il salone dell'auto: tante novità e altrettante paure per Trump

Al North American International Auto Show sono attesi oltre 40 nuovi modelli. Fca arriva forte dell'interesse degli investitori e prende in contropiede tutti annunciando un miliardo di dollari di investimenti in Usa

Dopo aver registrato risultati record nelle vendite in Usa per il secondo anno di fila, i produttori d’auto arrivano a Detroit per il Salone dell’Auto pronti a mostrare le novità che caratterizzeranno i prossimi mesi ma anche a confrontarsi e a riflettere sul proprio futuro sotto l’amministrazione Trump.

Più di 40 nuovi veicoli debutteranno al North American International Auto Show (Naias), il salone che da’ il via alla stagione dei grandi appuntamenti internazionali dedicati all’auto. Dopo il record dello scorso anno con 17,55 milioni di nuove immatricolazioni dopo i 17,5 del 2015, le stime prevedono un 2017 meno florido in cui la domanda rimarrà comunque forte.

Trump contro le case automobilistiche
Sebbene i produttori possano ancora contare sui clienti americani, la cui passione verso Suv, pick-up e truck sembra intramontabile, ci sono molti interrogativi circa la politica protezionistica che il presidente eletto Donald Trump vorrà mettere in atto. Gli ultimi giorni di polemiche non fanno ben sperare visto le minacce del presidente eletto di voler imporre una tassa superiore al 35% a chiunque produca le proprie vetture in Messico per importarle poi in Usa. Gm, Ford e Toyota sono stati i primi a scontrarsi con Trump e se Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi di dollari per la creazione di un impianto in Messico, General Motors e il produttore nipponico non sono stati spaventati dal pugno duro di Trump. "Non cambiamo piani ma siamo ansiosi di lavorare con l’amministrazione Trump" è stato il messaggio praticamente identico che hanno mandato i due al presidente eletto.

Fca gioca d'anticipo
Chi invece ha giocato d’anticipo per evitare le critiche del tycoon newyorchese allo spostamento di parte della produzione statunitense verso il Messico è Fca che domenica 8 gennaio ha annunciato che investirà 1miliardo di dollari per la riconversione e l'ammodernamento dei due impianti di Warren (Michigan) e Toledo (Ohio) con cui dimostra di volere puntare sulle vetture più redditizie (Suv e pick up) e meno sulle berline (a dicembre ha sospeso la produzione della Crysler 200). Il 9 gennaio alle 8:30 locali (le 14:30 in Italia) l'amministratore delegato Sergio Marchionne incontrerà la stampa a Detroit, forte di un rinnovato interesse degli investitori per il titolo, dell’annuncio della vigilia della creazione di 2.000 nuovi posti di lavoro, del lancio di un concetto di auto per millennials (Portal) al Ces di Las Vegas, un assaggio di una futura auto autonoma, e della consegna di 100 minivan Pacifica (numero che potrebbe raddopiare) a Waymo (ex Google).

Le novità attese
Per quanto riguarda le novità che verranno svelate tra poche ore, Toyota mostrerà la nuova Camry, una berlina che è stata la vettura più venduta negli Stati Uniti dal 2002,  mentre la Honda scoprirà il suo nuovo minivan Odyssey. Per quanto riguarda i suv, grande amore degli americani la cui domanda non sembra conoscere crisi, GM presenterà le nuove versioni dei suoi popolari GMC Terrain e Chevrolet Traverse. Nissan, invece, renderà pubblica una versione più piccola del suo suv Rogue, mentre la Tiguan della Volkswagen verrà presentata con un nuovo assetto più allungato.

Altri Servizi

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump