L'Nba compie 70 anni

Il 3 agosto del 1949 dalla fusione della Baa e dalla Nbl nacque la Lega di basket più importante al mondo

Era il 3 agosto del 1949 quando i rappresentanti della Baa, Basketball Association of America e quelli della Nbl, National Basket League, si riunirono a New York, in un ufficio dell’Empire State Building, per unire le due leghe e fondare la Nba: la Lega di basket più importante al mondo nonché uno dei brand sportivi più popolari del pianeta.

Sono passati 70 anni da quel giorno e nessuno avrebbe potuto immaginare il successo mondiale raggiunto nei decenni successivi, passando di fatto da sport che veniva trasmesso in differita in seconda serata ad assoluto fenomeno planetario. Fondamentali in tal senso sono stati mostri sacri come Magic Johnson e Larry Bird prima, passando da "His Airness" Michael Jordan, fino ai più recenti Kobe Bryant e LeBron James.

In realtà la Nba considera il 1 novembre del 1946 come giorno del suo compleanno, facendolo coincidere con la prima partita della Baa tra i New York Knickerbockers e i Toronto Huskies. Secondo la National Basketball Association quella avvenuta in un ufficio dell’Empire State Building il 3 agosto di 70 anni fa è da considerarsi più come un’espansione che come una fusione. In ogni caso alle dieci squadre della Baa si aggiunsero le sei della Nbl.

Tra le squadre che presero parte a quel primo campionato, poi vinto dai Minneapolis Lakers (oggi Los Angeles Lakers ndr), ce ne sono diverse che ancora oggi esistono. Si tratta dei Philadelphia Warriors, oggi Golden State Warriors, dei New York Knickerbockers, dei Boston Celtics, dei Fort Wayne Pistons (oggi Detroit), dei Tri-Cities Blackhawks, che all’epoca rappresentavano la città di Moline, Illinois, mentre oggi sono gli Atlanta Hawks, e infine dei Rochester Royals, oggi noti come Sacramento Kings.


Altri Servizi

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap