Gli Houston Rockets venduti per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari

La franchigia texana, che ha vinto due titoli negli anni '90, è stata acquistata dal magnate Fertitta
Ap

Il magnate dei casinò e della ristorazione Tillman Fertitta ha comprato gli Houston Rockets, squadra di Nba, il campionato professionistico di basket in Nordamerica, per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari. A riportare i termini dell'intesa è Fox Business, che cita diverse fonti.

I termini dell'accordo, che dovrà essere approvato dalla Nba, non sono stati resi noti, ma se la cifra riportata sarà confermata, il passaggio di consegne da Leslie Alexander a Fertitta sarebbe il più costoso nella storia della lega, superando l'acquisto per 2 miliardi di dollari dei Los Angeles Clippers nel 2014, da parte di Steve Ballmer.

Fertitta, di origini italiane e texano di nascita, 60 anni, sarà l'unico proprietario della franchigia; Alexander aveva acquistato la squadra nel 1993 per 85 milioni di dollari. Annunciando la cessione, ha detto che non avrebbe potuto trovare "qualcuno più capace di portare avanti la tradizione vincente dei nostri Houston Rockets". Fertitta, che si è detto "onorato di essere stato scelto come prossimo proprietario", ha detto che "si realizza il sogno di una vita".

I Rockets hanno vinto due titoli Nba, nel 1993-1994 e nel 1994-1995; da allora, al massimo sono arrivati alle finali di Conference (le semifinali del torneo), perse nel 1996-97 e nel 2014-2015. Lo scorso anno, i Rockets hanno perso alle semifinali di Conference.

Altri Servizi

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

Con due appuntamenti, il Gruppo Autogrill ha festeggiato in Usa il suo 40esimo anniversario. Per il primo operatore al mondo nei servizi della ristorazione per chi viaggia si tratta di un momento che il suo amministratore delegato ha definito un "nuovo inizio". Perché dopo essersi fatto strada in 31 Paesi nel mondo, forte di 4mila punti vendita e di un portafoglio di oltre 300 brand che servono un miliardo di clienti nel mondo ogni anno, Autogrill scommette sulla tecnologia e sulla sostenibilità per personalizzare sempre di più quanto offerto ai consumatori. E lo fa a cominciare dagli Stati Uniti, da dove arriva oltre il 50% del fatturato complessivo.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Media Usa: Ivanka e Donald Trump Jr. furono vicini a essere incriminati per frode

Lo riporta un'indagine di Pro Publica, New Yorker e Wnyc. Decisivo l'intervento dell'avvocato personale del 45esimo presidente
AP

Anni fa, Donald Trump Jr. e sua sorella Ivanka sarebbero stati a un passo dall'incriminazione per frode, per aver ingannato i potenziali acquirenti delle loro proprietà, che non riuscivano a vendere. Ad affermarlo è un reportage investigativo frutto della collaborazione tra Pro Publica, The New Yorker e Wnyc.

Tesoro propone regole meno severe per mercati, possibile stimolo a crescita

E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.
AP

L'amministrazione Trump punta rendere meno severa la regolamentazione finanziaria, ammorbidendo i requisiti patrimoniali e di governance aziendale previsti dalla Dodd-Frank Act, la riforma della finanza varata dall'allora presidente Barack Obama nel 2010 in risposta alla crisi finanziaria. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.

Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.
Shutterstock

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.

Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Wall Street, effetto uragani sull'occupazione Usa a settembre

Per la prima volta dal 2010, mese negativo: persi 33mila posti
AP

Trump dopo incontro con leader militari: "La calma prima della tempesta"

Messaggio criptico del presidente. Riferimento all'Iran e all'accordo storico sul nucleare che si prepara a bocciare?

Donald Trump ha lanciato un messaggio criptico dopo un incontro con i leader del corpo militare americano, avvenuto nella serata americana di ieri alla Casa Bianca. "Forse è la calma dopo la tempesta", ha detto il presidente Usa. Non è dato sapere cosa intendesse. "Che tempesta?", ha chiesto un giornalista presente: "Sull'Iran? Sull'Isis? Su cosa?".

Lobby delle armi Usa: ok a regole più restrittive su "bump stock"

Per la prima volta la NRA fa un passo indietro e chiede maggiori controlli sulla vendita dei dispostivi che rendono un fucile semi-automatico un'arma totalmente automatica. Sono stati usati nella strage di Las Vegas
AP

La National Rifle Association ha detto di voler sostenere regole più restrittive sui "bump stock", dispositivi che permettono di rendere armi semiautomatiche in armi automatiche.