International League Pass, ovvero come vedere tutta l'Nba in Italia

Ecco il servizio offerto dalla lega per chi non vuole perdersi nemmeno un minuto

Dopo un’estenuante attesa, gli appassionati del parquet avranno il loro campionato Nba 2011-2012. Ma quali sono i modi per seguire tutte le partite della National Basketball League negli Stati Uniti? E in Italia?

L’Nba negli Stati Uniti è trasmessa in chiaro su base regionale da diverse emittenti televisive tra cui TNT, ABC e ESPN. Ma per chi volesse una programmazione specializzata c’è NBA TV. La rete televisiva dedicata alla pallacanestro americana è finanziata dalla lega, che utilizza NBA TV per pubblicizzare i suoi programmi pay-per-view, in particolare il pacchetto NBA League Pass che permette agli utenti di abbonarsi alle partite della propria squadra del cuore o a tutto il campionato; ma è gestita da Turner Broadcasting System, appartenente al gruppo Time Warner.

NBA League Pass è disponibile in tre modalità (via tv, via internet, e per dispositivi mobili). NBA League Pass TV è visibile su varie piattaforme come At&t U-verse, Brighthouse, Optimum, Comcast, Cox, DirecTV, Dish, RCN, Time Warner Cable Sports e Verizon a partire da 169 dollari. NBA League Pass Broadband permette di visualizzare le partite online ed è disponibile in due modalità: Premium che consente di vedere le partite di tutte le 30 squadre, e Choice che permette di vedere gli incontri di 5 squadre a scelta. Mentre NBA League Pass Mobile è disponibile per iTunes App Store e Android Market al costo di 39,99 dollari.

In Italia non sembrano esserci particolari novità rispetto alla passata stagione: i diritti per le dirette sono di Sky, Sportitalia ha la secondo scelta per le partite di domenica sera. Mentre tutte le partite sono visibili in streaming tramite NBA International League Pass Broadband.

Fino al 9 gennaio 2012, le partite saranno visibili gratuitamente. Basterà registrarsi al sito Nba.com per vedere 131 partite in diretta, inclusi i tanto attesi match inaugurali del 25 dicembre. Ad aprire le danze saranno i New York Knicks che alle 12 (le 18 in Italia) sfideranno i Boston Celtics; segue la rivincita della finale dello scorso anno tra i Miami Heat e i Dallas Mavericks alle 14.30 (le 20.30 in Italia; poi si fronteggeranno due storiche franchigie come i Chicago Bulls e i Los Angeles Lakers alle 17 (le 23 in Italia); alle 20 (le 2 del mattino) sarà il turno degli Orlando Magic e gli Oklahoma City Thunder; mentre a chiudere la prima giornata del nuovo campionato ci penseranno i Los Angeles Clippers e i Golden State Warriors.

Ma i veri appassionati, quelli che non vogliono perdersi nemmeno un minuto del più prestigioso campionato di basket al mondo, possono abbonarsi a tutto la stagione per 151 euro. Per chi vuole invece seguire le partite di una singola squadra, il costo è invece di 117 euro. E chi era già abbonato la scorsa stagione, ha diritto a uno sconto del 15%.

Il miglior modo per vederle? Direttamente sul vostro schermo al plasma usando una Apple Tv.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Lagarde: troppo potere nelle mani dei colossi tech? Spezzatino non è soluzione

Per il d.g. del Fond monetario, serve pensare a un "nuovo paradigma"
Facebook

Non crede che uno spezzatino di colossi tecnologici come Amazon, Facebook o Google sia "la risposta giusta" al loro crescente potere. "In passato poteva essere una soluzione" ma ora i legislatori devono "pensare in modo nuovo, e rapidamente". Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, è convinta che anche su questo, come nel commercio, serva la cooperazione delle istituzioni.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Alcoa si aspetta un deficit nel 2018 di alluminio, su cui l'amministrazione Trump ha imposto dazi. Il gruppo ieri ha fornito una indicazione della conseguente domanda attesa in aumento con la pubblicazione della sua trimestrale.

Wall Street, si attenuano le preoccupazioni sulla Siria

Oggi, trimestrali di Bank of America e Netflix
iStock

La procura di NY 'interroga' 13 exchange di criptovalute

Chieste informazioni perché "troppo spesso i consumatori non hanno le notizie di base di cui hanno bisogno per valutare l'integrità e la sicurezza delle piattaforme di trading"

Il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, ha annunciato l'avvio di un'indagine sugli exchange di criptovalute come Bitcoin (che su Coinbase si mantiene sopra gli 8.000 dollari).

Draghi e G20 contro il protezionismo. In Eurozona crescita robusta

Il governatore della Bce promette "pazienza" nella politica monetaria. Fmi "fiducioso" su Italia post elezioni. Padoan: Mattarella guiderà "trattative di successo" per la formazione del nuovo governo

Washington - C'è un tema che sta tenendo banco a Washington, dove i ministri delle finanze e i banchieri centrali da tutto il mondo sono riuniti sotto il tetto del Fondo monetario internazionale: le tensioni commerciali e il rischio che possano ledere lo slancio economico di cui sta godendo tutto il mondo, inclusa l'Eurozona. Lo sguardo è rivolto alla non lontana Casa Bianca, da dove il presidente americano Donald Trump vuole usare i dazi come leva per negoziare accordi commerciali più favorevoli per gli Stati Uniti.

Wall Street, attenzione rivolta all'Fmi

Il Fondo monetario internazionale pubblica il Global Financial Stability Report e il Fiscal Monitor
iStock