Nba, la lega impone alle squadre di fornire dati precisi su età e altezza dei giocatori

Per anni i dati sono stati aggiustati a seconda delle "esigenze" delle franchigie
Ap

Dati precisi su età e altezza dei giocatori da comunicare entro la prima settimana del training camp. Questa l’importante novità introdotta quest’anno dall’Nba che ha comunicato alle franchigie della lega le nuove disposizioni così da mettere fine a quello che per anni altro non è stato che un "segreto di pulcinella": l’altezza dei giocatori è più che altro indicativa.

A riportare le nuove disposizioni è un lungo articolo del New York Times nel quale il giornalista Marc Stein sottolinea che "per anni alcuni giocatori sono stati indicati come più alti o più bassi di quanto non fossero in realtà". Stessa cosa vale per l’anno di nascita.

Tra le motivazioni della direttiva, la notizia citata dal New York Times e risalente allo scorso 17 dicembre quando, nel giorno del suo compleanno, Buddy Hield, giocatore dei Sacramento Kings, rivelò di essere nato nel 1992 e non nel 1993, come indicato nelle guide stagionali della squadra. Hield negò di aver mentito sulla sua età attribuendo ad altri l’errore.

Eppure, come sottolinea l’articolo di Stein, sono numerosi i casi nella storia dell’Nba che evidenziano una strana approssimazione nella gestione dei dati anagrafici degli atleti soprattutto quelli di giocatori molto famosi e molto forti. C’è chi ha aumentato la propria altezza come Charles Barkley, uno dei più grandi campioni degli anni ’90, o, più di recente, Dreymond Green, rispettivamente più bassi del 1,98 e dei 2,01 ufficialmente comunicati.

Ma c’è anche chi ha fatto la cosa opposta sostenendo di essere più basso di quanto non fosse in realtà: tra gli esempi citati ci sono Tim Duncan, Bill Walton, Kevin Garnett fino al più recente caso di Kevin Durant che ha detto di essere più alto di quanto non indicato ufficialmente dalla Nba. "Quando sono in compagnia di una donna sono alto 2,13 metri ma nel giro del basket sono alto solo 2,06 metri", ha scherzato Durant in un’intervista al Wall Street Journal.

Il motivo, come spiega il pezzo del New York Times, è legato ai vecchi modi con cui le squadre sceglievano i giocatori più giovani direttamente dalle high school o dal college fidandosi di dati che venivano gonfiati o ridotti a seconda delle esigenze. Questo perché un tempo si associava il ruolo di un giocatore in base ai suoi centimetri: sopra una certa altezza era normale essere considerati centri, quelli più bassi ma più robusti venivano considerati come ala grande e via dicendo fino ai più piccoli il cui ruolo era automaticamente quello del playmaker. Concetti ormai obsoleti in un basket, come è quello moderno, in cui è normale vedere giocatori sopra i due metri gestire il gioco da playmaker o guardie.

Le nuove indicazioni non riguardano però il peso, considerandolo un dato che può variare di molto sia durante la stessa stagione che di anno in anno. Certo è, secondo il New York Times, che quelli di Green e Durant sono solo due dei tanti casi che riguardano giocatori in attività che hanno mentito sulla propria altezza o sulla propria età. Ragion per cui è lecito aspettarsi che le misure di molti atleti vengano aggiustate per eccesso o per difetto e che qualcuno invecchi o ringiovanisca improvvisamente prima dell’inizio di quesa nuova stagione sportiva.

Altri Servizi

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Wall Street attende le minute della Fed

L'attenzione resta anche sul coronavirus
AP

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale

Michael Bloomberg prepara il suo ingresso ufficiale nelle primarie democratiche statunitensi con un esercito di utenti sui social network, pagato per pubblicare messaggi a suo sostegno e invitare tutte le persone tra i contatti a votare per lui. Si tratta di una nuova tattica elettorale, resa possibile da una disponibilità praticamente illimitata di fondi.

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Gli Usa accusano: Deripaska riciclava denaro per conto di Putin

L'oligarca russo colpito dalle sanzioni Usa
Ap

Il dipartimento del Tesoro statunitense sostiene che l'oligarca Oleg Deripaska avrebbe aiutato il presidente russo Vladimir Putin a riciclare denaro. L'accusa è contenuta in una lettera inviata agli avvocati di Deripaska, ottenuta dal Financial Times, in cui le autorità statunitensi hanno spiegato i motivi delle sanzioni contro di lui.

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi

Numerosi razzi sono stati esplosi nella notte tra sabato e domenica vicino all’ambasciata americana situata nella Green Zone di Baghdad, in Iraq. Secondo quanto riferito da fonti diplomatiche statunitensi le deflagrazioni hanno fatto scattare le sirene dell’ambasciata Usa mentre, per il momento, non si hanno notizie di vittime.

Usa 2020, Biden al bivio. E ora anche la South Carolina è a rischio

L'ex vicepresidente ha dato per scontata la sua vittoria nello Stato, ma gli afroamericani sembrano meno convinti di sostenerlo. Soprattutto dopo il voto in Iowa e New Hampshire

La South Carolina è considerata il vero punto di partenza della campagna elettorale di Joe Biden, il suo muro invalicabile per gli avversari. Un muro, però, che mostra profonde crepe, a due settimane dal voto che potrebbe, al contrario, mettere fine alla corsa presidenziale del candidato che, fino a poche settimane fa, era considerato l'indiscusso favorito per la nomination democratica.

Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

A Wall Street, preoccupazione per la Cina

Il coronavirus sta cominciando a produrre i primi effetti negativi sull'economia globale: Apple non crede di poter rispettare le stime per il fatturato del secondo trimestre
AP

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".