Nba, la lega impone alle squadre di fornire dati precisi su età e altezza dei giocatori

Per anni i dati sono stati aggiustati a seconda delle "esigenze" delle franchigie
Ap

Dati precisi su età e altezza dei giocatori da comunicare entro la prima settimana del training camp. Questa l’importante novità introdotta quest’anno dall’Nba che ha comunicato alle franchigie della lega le nuove disposizioni così da mettere fine a quello che per anni altro non è stato che un "segreto di pulcinella": l’altezza dei giocatori è più che altro indicativa.

A riportare le nuove disposizioni è un lungo articolo del New York Times nel quale il giornalista Marc Stein sottolinea che "per anni alcuni giocatori sono stati indicati come più alti o più bassi di quanto non fossero in realtà". Stessa cosa vale per l’anno di nascita.

Tra le motivazioni della direttiva, la notizia citata dal New York Times e risalente allo scorso 17 dicembre quando, nel giorno del suo compleanno, Buddy Hield, giocatore dei Sacramento Kings, rivelò di essere nato nel 1992 e non nel 1993, come indicato nelle guide stagionali della squadra. Hield negò di aver mentito sulla sua età attribuendo ad altri l’errore.

Eppure, come sottolinea l’articolo di Stein, sono numerosi i casi nella storia dell’Nba che evidenziano una strana approssimazione nella gestione dei dati anagrafici degli atleti soprattutto quelli di giocatori molto famosi e molto forti. C’è chi ha aumentato la propria altezza come Charles Barkley, uno dei più grandi campioni degli anni ’90, o, più di recente, Dreymond Green, rispettivamente più bassi del 1,98 e dei 2,01 ufficialmente comunicati.

Ma c’è anche chi ha fatto la cosa opposta sostenendo di essere più basso di quanto non fosse in realtà: tra gli esempi citati ci sono Tim Duncan, Bill Walton, Kevin Garnett fino al più recente caso di Kevin Durant che ha detto di essere più alto di quanto non indicato ufficialmente dalla Nba. "Quando sono in compagnia di una donna sono alto 2,13 metri ma nel giro del basket sono alto solo 2,06 metri", ha scherzato Durant in un’intervista al Wall Street Journal.

Il motivo, come spiega il pezzo del New York Times, è legato ai vecchi modi con cui le squadre sceglievano i giocatori più giovani direttamente dalle high school o dal college fidandosi di dati che venivano gonfiati o ridotti a seconda delle esigenze. Questo perché un tempo si associava il ruolo di un giocatore in base ai suoi centimetri: sopra una certa altezza era normale essere considerati centri, quelli più bassi ma più robusti venivano considerati come ala grande e via dicendo fino ai più piccoli il cui ruolo era automaticamente quello del playmaker. Concetti ormai obsoleti in un basket, come è quello moderno, in cui è normale vedere giocatori sopra i due metri gestire il gioco da playmaker o guardie.

Le nuove indicazioni non riguardano però il peso, considerandolo un dato che può variare di molto sia durante la stessa stagione che di anno in anno. Certo è, secondo il New York Times, che quelli di Green e Durant sono solo due dei tanti casi che riguardano giocatori in attività che hanno mentito sulla propria altezza o sulla propria età. Ragion per cui è lecito aspettarsi che le misure di molti atleti vengano aggiustate per eccesso o per difetto e che qualcuno invecchi o ringiovanisca improvvisamente prima dell’inizio di quesa nuova stagione sportiva.

Altri Servizi

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Sanders stacca tutti in Iowa

Il senatore del Vermont ha il 25% delle preferenze secondo l’ultimo sondaggio
Ap

Bernie Sanders ha staccato tutti gli altri candidati alle primarie democratiche. Stando a un nuovo sondaggio del New York Times/Siena College, il senatore del Vermont ha il 25% delle preferenze tra gli elettori che dovrebbero andare a votare ai caucus del prossimo 3 febbraio.

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Per la difesa, Trump non ha fatto nulla di male

Democratici: vogliono sovvertire esito elezioni 2016
Ap

Gli avvocati del presidente statunitense, Donald Trump, sostengono che gli avversari democratici non sono riusciti a dimostrare la fondatezza delle accuse di abuso di potere e intralcio al Congresso mosse contro l’inquilino della Casa Bianca dalla Camera dei Rappresentanti nel processo di  impeachment.

Gli Usa celebrano Martin Luther King

È l'unico cittadino statunitense cui sia stata dedicata una giornata di festa nazionale

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.