Nel 2100 oltre 2 milioni di case in Usa potrebbero essere sommerse dal mare

Entro la fine del secolo il livello degli oceani crescerà di 2 metri. Il costo? 882 miliardi di dollari
Ap
Entro il 2100 il livello del mare salirà di quasi due metri e potrebbe sommergere 2 milioni di case negli Stati Uniti. È questo l’allarme lanciato dal sito di quotazioni immobiliari Zillow, che ha previsto gli scenari peggiori sulle coste del Maryland, della Florida e della California. Se le emissioni di gas e di combustibili fossili non verranno ridotte al più presto, milioni di americani rimarranno senza casa e saranno costretti a spostarsi altrove. Si parla di un danno economico colossale, che si aggira intorno alle diverse centinaia di miliardi di dollari.
 
Secondo l’analisi, più di 100.000 proprietà sarebbero sommerse in Maryland e Virginia, mentre 140.000 in North e South Carolina. Lo stato messo peggio è senz’altro la Florida, con una casa su otto che rischia di andare sott'acqua. I numeri forniti da Zillow si rifanno a una ricerca pubblicata dal Washington Post all’inizio di quest’anno, in cui gli studiosi mettevano in guardia le autorità nazionali e rivelavano dati spaventosi, mai diffusi finora. Ridurre la percentuale di gas serra rappresentava l’unica possibile - ma non soddisfacente - alternativa all’aumento delle temperature. Anche qualora l’inquinamento fosse diminuito, scrivevano gli scienziati, il livello degli oceani sarebbe comunque cresciuto di oltre mezzo metro.
 
Per il momento, l’unica risposta concreta è arrivata dalle istituzioni locali. Alcune città, fra cui Miami, hanno messo in cantiere l’installazione di sistemi idraulici capaci di pompare altrove l’acqua del mare. “Questo problema riguarderà non solo gli Stati Uniti, ma tutto il mondo - spiega al Washington Post, Michael Gerrard della Columbia University, esperto di cambiamenti climatici e direttore del Sabin Center -. Non siamo ancora in grado di fornire statistiche esatte, ma siamo tutti concordi nel dire che il livello del mare aumenterà. È inevitabile”.
 
Numeri esatti arrivano invece da Zillow e, come precisa il direttore Krishna Rao, “per il mercato immobiliare di domani, il problema dell’acqua sarà grave esattamente come il crollo del valore dei mutui” avvenuto negli anni passati. Con il 2% delle case americane che rischia di scomparire, infatti, la perdita sarebbe di circa 882 miliardi di dollari.
Altri Servizi

Vettura autonoma Uber provoca incidente, società sospende test

Per il momento la società ha deciso di sospendere i test e di togliere le vetture autonome dalle strade di Pittsburgh, in Pennsylvania, e appunto Tempe, in Arizona.

Una delle vetture autonome di Uber si è schiantata in Arizona, cosa che è destinata a metere sotto ulteriore pressione la società che già deve fare i conti con una serie di problemi interni e internazionali (si pensi per esempio alle tensioni con i tassisti in vari Paesi, tra cui l'Italia).

FedEx: utili trimestrali cresciuti meno del previsto

Il colosso delle spedizioni ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con ricavi in linea alle stime
iStock

FedEx ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili deludenti e ricavi in linea alle stime degli analisti. Il colosso americano delle spedizioni ha per altro detto di non essere in grado di fornire le guidance sui profitti per il 2017.

Riforma sanità: caos alla Camera. E al Senato nessuna possibilità

I repubblicani più conservatori alla Camera restano contro. Casa Bianca spera in un voto venerdì
AP

Anche se entro la fine di questa settimana la proposta di legge pensata per eliminare l'Obamacare dovesse passare alla Camera - possibilità in bilico visto che in questo momento non c'è alcun accordo tra i repubblicani - al Senato, così come è, è sicuro che affonderà. La riforma del Grand Old Party ha poche possibilità di passare nella camera alta, visto che oltre a una maggioranza poco ampia (52 repubblicani contro 48 democratici), una decina almeno di senatori repubblicani sarebbero pronti a votare contro.

NY: presentato Big Bend, il grattacielo "più lungo" al mondo

A proporlo è stato lo studio d'architettura Oiio

Grattacieli alti? Magari non più: la nuova moda a New York potrebbero diventare i grattacieli lunghi. Lo studio d'architettura Oiio punta a modificare lo skyline di Manhattan con "The Big Bend", un edificio ad arco che promette di essere "il più lungo del mondo". Il progetto, svelato sul sito dello studio, oltre a cercare una soluzione creativa per "aggirare" (in tutti i sensi) il piano regolatore di Manhattan, mira ad aggiungere un nuovo tassello rivoluzionario alla cosiddetta Billionaires' Row: la "via dei miliardari" sulla 57esima strada (così chiamata perché qui già sorgono una serie di gioielli immobiliari per ricconi).

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Pimco patteggia con il 're dei bond' Bill Gross, cacciato dal gruppo

Secondo indiscrezioni, il colosso americano dei fondi d'investimento controllato dal gruppo assicurativo tedesco Allianz versa oltre 81 milioni di dollari, che finiranno alla fondazione di Sue e Bill Gates

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Trump, vietata un'altra sconfitta. Ma sulle tasse il rischio è alto

Dopo la bocciatura della riforma sanitaria, l'attenzione si sposta sul codice tributario. Anche in questo caso, i dissidenti potrebbero far naufragare i progetti del presidente
AP