Nel Paese delle carte di credito, la marijuana si paga in contanti

In Colorado i venditori di oro verde accettano solo banconote: i 500 dispensari dello Stato non possono avere conti correnti e ricevere pagamenti con carte di credito

Pagano allo Stato un bel gruzzolo di tasse, il 40% di ciò che guadagnano. Pile di banconote custodite in casseforti nel retrobottega, perché nella terra delle carte di credito e dei pagamenti elettronici (gli Stati Uniti) e nello Stato che per primo ha legalizzato l'uso ricreativo della marijuana (il Colorado) i venditori dell'oro verde possono incassare solo banconote. Vietati i conti correnti, vietate le carte di credito e qualsiasi altro tipo di pagamento se non in contanti. Per un giro di affari che nel 2015 farà guadagnare al governo di Denver circa 130 milioni di dollari. 

Sacchi di denaro che ogni mese i proprietari dei dispensari portano all'agenzia delle entrate. "Ci troviamo in una situazione imbarazzante - dice a Bloomberg Elliott Klug, il proprietario di un rivenditore di erba - Stiamo pagando le tasse ma nonostante i nostri sforzi per essere buoni cittadini dobbiamo continuare a versare in contanti". Questo perché la legge federale vieta alle banche di offrire ai negozi di marijuana un conto corrente.  

Il Colorado è uno dei 18 Stati americani che permette l'uso medico della cannabis e uno degli 11 che consente la vendita attraverso dispensari. Tuttavia i legislatori di Washington hanno etichettato il farmaco come una sostanza controllata che richiede agli enti di credito di segnalare qualsiasi operazione come sospetta. Per questo si è creata una zona grigia nella quale i venditori devono decidere se accettare solo pagamenti in contanti oppure inventarsi stratagemmi creativi per aprire un conto e ricevere pagamenti elettronici.

"Lo stato federale sta incoraggiando le operazioni in contanti, che sono una minaccia per la sicurezza pubblica e molto difficili da tracciare", ha detto a Bloomberg Aaron Smith, direttore esecutivo della National Cannabis Industry Association di Washington. In Colorado ci sono 500 dispensari e una ricerca della Colorado State University prevede che l'anno prossimo il 13% dei residenti (circa 650mila persone) farà uso di cannabis.

Dal primo gennaio di quest'anno la nuova legge statale prevede che i cittadini con più di 21 anni possano detenere legalmente 28 grammi di sostanza (per entrare in vigore la legge attende l'approvazione del dipartimento di Giustizia). I dispensari pagano le tasse federali, statali e locali oltre a una licenza annua. Klug, per esempio, versa circa 45.000 dollari di licenze all'anno e 35.000 dollari al mese (in banconote) all'erario.

Fino al 2011 Klug aveva un contro corrente con Wells Fargo - la quarta banca degli Stati Uniti - "ci avevano accolto a braccia aperte, poi hanno cambiato idea", ha continuato il venditore. L'ente californiano sostiene che sia "obbligato" ad agire in questo modo. La legge di Washington punisce i trasgressori con il blocco dell' assicurazione sui depositi e delle concessioni federali. 

Ma la situazione non piace alla National Cannabis Industry Association: "Stiamo solo cercando una soluzione attraverso la quale possiamo incassare come qualsiasi altra azienda legale del Paese", ha detto Smith. Per ora alcuni venditori stanno aggirando la legge intestando i loro conti a prestanomi, oppure aprendo un'altra azienda non ricollegabile alla vendita di oro verde nella quale convogliare gli introiti.

Intanto il Colorado ha votato una legge sulla marijuana ricreativa che permetta ai venditori di avere un conto corrente bancario e una task force dello Stato sta facendo pressioni al Congresso affinché la regola venga accettata anche da Washington. Ma la loro cavalcata dovrà scontrarsi con le posizioni di Barack Obama, che da politico ha sempre condannato l'uso della sostanza e da presidente ha definito la legalizzazione "non una priorità del suo mandato".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Usa 2020, modelli Moody's: Trump vincerà facilmente, con economia stabile

Elaborati tre modelli: il presidente risulta sempre vittorioso. Previsioni sempre corrette dal 1980, tranne nel 2016
Ap