Nell'America di Trump, shutdown da record, emergenza nazionale non ora

Il più lungo finì nel 1996 dopo 21 giorni con Clinton alla presidenza. Casa Bianca non esclude duri per altre settimane. S&P: paralisi governo costerebbe più di quanto chiesto al Congresso dal leader Usa per il muro

Donald Trump può 'vantarsi' di un record: da sabato 12 gennaio lo shutdown iniziato il 22 dicembre è il più lungo della storia americana. Il precedente record fu messo a segno tra il dicembre 1995 e il 6 gennaio 1996; allora alla Casa Bianca c'era il democratico Bill Clinton.

Per un presidente che all'inizio di dicembre si era detto "orgoglioso" di provocare una paralisi parziale del governo federale pur di riuscire a costruire un muro tra Stati Uniti e Messico, il primato sarà forse da incorniciare. Se non altro, perché dà al Commander in chief repubblicano una buona scusa per ricorrere a una via di uscita ripetutamente ventilata ma a cui non intende ricorrere "così presto": invocare una "emergenza nazionale" al confine meridionale del Paese, dove secondo Trump "la situazione è decisamente peggiore di quanto quasi chiunque possa immaginare, una invasione". Per questo ha promesso di costruire una "barriera di acciaio" o muro che dir si voglia, anche a costo di bypassare il Congresso.  Per lui sarebbe una "soluzione facile" a cui per ora non intende ricorrere (forse perché una emergenza non esiste?).

Forse non a caso la Casa Bianca non esclude che lo shutdown duri per altre settimane. Stanto al Wall Street Journal, l'amministrazione sta discutendo come usare il secondo discorso sullo stato dell'unione che il presidente terrà probabilmente il 29 gennaio se la paralisi del governo federale sarà ancora in corso. In quella data sarebbe al 39esimo giorno. Allo stesso tempo, continua il giornale, l'Office of Management and Budget della Casa Bianca si sta preparando a uno scenario in cui lo shutdown continui fino alla fine di febbraio. 

La Casa Bianca ha iniziato a studiare quali fondi possono essere destinati alla costruzione del muro nel caso in cui si ricorra all'emergenza nazionale. L'idea assai controversa è quella di attingere ai 13,9 miliardi di dollari destinati a progetti in aree colpite da uragani come Texas e Porto Rico. Una mossa inaccettabile per chi è ancora alle prese con i danni provocati dai disastri naturali.

Con alle spalle il terzo shutdown della presidenza Trump, il partito repubblicano è diviso per quanto lui parli di una unità senza precedenti. Per il senatore Lindsey Graham "è giunta l'ora che il presidente usi i suoi poteri per finanziare la costruzione del muro", giudicato immorale, inutile e costosto dai democratici da inizio mese di nuovo in controllo della Camera.

Per il senatore Chuck Grassley invece, dichiarare una emergenza nazionale "creerebbe un brutto precedente".

Anche Marco Rubio, il senatore della Florida che inutilmente cercò di ottenere la nomination repubblicana nella corsa per la Casa Bianca del 2016, una tale mossa sarebbe rischiosa: "Se oggi c'è una emergenza nazionale in termini di sicurezza al confine, domani potrebbe esserci per via del cambiamento climatico", un tema caro all'opposizione democratica ma irrilevante per il Gop.

Trump è convinto di avere "il diritto assoluto" di invocare quell'emergenza, una mossa dalla legalità incerta che finirebbe quasi certamente in tribunale. Di sicuro, le trattative sono in stallo. Lui esige che in una qualsiasi legge di spesa utile per riaprire il governo siano inseriti 5,7 miliardi di dollari per il muro. I democratici sono stati disposti ad arrivare solo a 1,3 miliardi per potenziare la sicurezza ai confini. Trump potrebbe addolcire la pillola amara per i Dem offrendo in cambio dei fondi per il muro una protezione legale ai cosiddetti Dreamers, le persone che vivono negli Stati Uniti ma che furono portati nel Paese da bambini senza un permesso di soggiorno. Quelle persone sono state salvate dalle espulsioni grazie al programma Daca voluto da Barack Obama ma abrogato da Trump. Peccato che anche questa soluzione sia da escludere. Lo ha chiarito giovedì 10 gennaio il vicepresidente Mike Pence, fiducioso che il Daca (la cui abrogazione è stata bloccata da un giudice) sarà giudicato incostituzionale dallaa Corte Superma, che però non ha ancora indicato se si occuperà del caso.

Nel frattempo sia Moody's sia Fitch hanno espresso preoccupazioni per le conseguenze negative sulla tenuta creditizia degli Usa. Due giorni fa Fitch non ha escluso un taglio del rating AAA della nazione. S&P ha avvertito: se lo shutdown durerà altre due settimane, il suo costo per l'economia americana sarà superiore a fondi chiesti da Trump per la costruzione del muro. Stando ai calcoli di S&P Global Ratings, lo shutdown sarà arrivato a costare oltre 6 miliardi di dollari tra 14 giorni. La cifra supererebbe i 5,7 miliardi che Trump ha chiesto per finanziare la costruzione della barriera e che esige siano inseriti in una qualsiasi legge di spesa pensata per riaprire il governo. Sempre secondo l'agenzia di rating, entro oggi gli Usa avranno mandato in fumo 3,6 miliardi. In una nota odiera il capo economista di S&P, Beth Ann Bovino, ha scritto: "Stimiamo che lo shutdown sottragga al Pil reale del trimestre 1,2 miliardi di dollari circa per ogni settimana in cui il governo è parzialmente chiuso. Potrebbero sembrare spiccioli per la più grande economia al mondo ma significano tanto per quei lavoratori senza stipendio che cercano di coprire le loro spese".

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.

Tesla: Musk difende suoi tweet e attacca Sec, "ha oltrepassato il limite"

Secondo l'autorità di borsa Usa, il Ceo del produttore di auto elettriche ha violato il patteggiamento siglato a settembre
AP

Elon Musk, il Ceo di Tesla, è tornato ad attaccare l'autorità di borsa americana sostenendo che "ha oltrepassato ogni limite in modo senza precedenti".

Trump contro la Corte penale internazionale: visti negati a chi indaga su cittadini Usa

Corte penale internazionale vuole indagare sui crimini in Afghanistan: "Tribunale illegittimo"
AP

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno deciso di revocare e negare i visti al personale della Corte penale internazionale (Cpi) "direttamente responsabile" di un'indagine su cittadini statunitensi per crimini di guerra in Afghanistan. Pompeo ha spiegato ai giornalisti presenti al dipartimento di Stato che le nuove misure sono già entrate in vigore e che gli Stati Uniti "sono pronti a fare mosse addizionali, anche l'adozione di sanzioni economiche".

Usa 2020: si candida Beto O'Rourke, l'ex deputato che vive al confine con il Messico

"Cercheremo di unire un Paese diviso". Moderato, capitalista, è considerato "l'Obama bianco": riuscirà a convincere l'ala liberal del partito democratico?
Ap

"Le sfide che affrontiamo ora [...] ci consumeranno, o ci daranno la più grande opportunità di liberare il talento degli Stati Uniti d'America [...] Sarà un campagna positiva che cercherà di tirare fuori il meglio di ognuno di noi, che cercherà di unire un Paese molto diviso". Con queste parole, Beto O'Rourke, 46 anni, si è ufficialmente candidato alle primarie democratiche, in vista delle presidenziali del 2020.