Suprematisti bianchi a Charlottesville: è stato di emergenza. Un'auto contro la folla, un morto e 35 feriti

Scontri nella piccola città della Virginia per la rimozione di una statua del generale Lee. Donald Trump: "La divisione arriva da più parti e iniziata molto tempo fa. Non è colpa di Trump o di Obama". Ma non condanna i razzisti
Suprematisti bianchi manifestano a Charlottesville, Virginia AP

Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha dichiarato lo stato di emergenza a Charlottesville, dopo che le proteste contro la rimozione di una statua di un generale delle forze Confederate, Robert E. Lee, ha portato a scontri violenti. Decine di persone sono rimaste ferite tra i manifestanti, quasi tutti appartenenti a gruppi di suprematisti bianchi. Il presidente americano Donald Trump ha condannato le violenze, sostenendo che arrivano da "più parti", ma anche che le divisioni sono iniziate molto tempo fa e "non è colpa di Donald Trump o di Barack Obama".

L'auto contro la folla. Nel pomeriggio un'auto ha travolto decine di pacifisti che stavano protestando contro i neonazisti: dal video pubblicano su Twitter da un attivista politico democratico, Brennan Gilmore, si vede un'auto sportiva (una Dodge challenger di colore grigio) lanciata in una piccola strada della città, che prima travolge alcune persone poi si schianta contro due auto, tamponandole. Infine riesce a fuggire in retromarcia. Secondo i media locali ci sono un morto e 35 feriti. La polizia ha fatto sapere che l'uomo che guidava l'auto è stato arrestato. Si tratta di un ventenne originario di Maumee in Ohio, James Alex Fields.

Gli scontri sono avvenuti nella piccola città universitaria dello stato dove ha sede la University of Virginia: a causare le tensioni è stata la decisione di togliere la statua del generale delle forze sudiste, Robert E. Lee, in seguito a un dibattito che dura da più di un anno sulla sorte del simbolo.

I due poliziotti morti. Il bilancio totale delle violenze è però di tre vititme visto che alla morte della donna travolta dall'auto si è infatti aggiunta quella di due agenti di polizia, precipitati con un elicottero durante un servizio di pattugliamento aereo della cittadina dove si sono verificati gli scontri fra gli opposti manifestanti e le forze dell'ordine.

Le violenze sono infatti iniziate nel corso della mattinata con da una parte i neonazisti e dell’altra alcuni esponenti del movimento Black Lives Matter. I suprematisti hanno intonato cori contro gli ebrei. “Gli ebrei non ci sostituiranno”. “Il diritto di parola non è il diritto di violenza”, ha detto il governatore della Virginia, McAuliffe. Le prime proteste erano iniziate già nella notte di venerdì, con una serie di attacchi e di atti vandalici. Secondo le autorità dell’università americana almeno una persona è stata arrestata venerdì sera.

Il commento di Donald Trump. Parlando dal New Jersey, Trump ha chiesto unità, ha condannato le violenze ma non ha mai citato direttamente i gruppi suprematisti e neonazisti che stanno facendo violenze da un giorno nella città della Virginia. "Siamo tutti americani per prima cosa, amiamo il nostro Paese, il nostro dio, la nostra bandiera. Vogliamo capire cosa abbiamo fatto di sbagliato per capire come mai sta succedendo questo. Dobbiamo rispettarci e idealmente amarci, condividere la nostra storia e il nostro futuro", ha detto il presidente americano. Trump prima di chiudere la sua conferenza stampa ripetendo più volte che sta lavorando per "tutti gli americani". Prima di uscire dalla stanza dove ha firmato un provvedimento sui veterani, diversi giornalisti gli hanno chiesto se condanna i "suprematisti bianchi". Trump non ha risposto. Per questo motivo non solo i democratici ma anche il partito repubblicano e decine di senatori e deputati hanno attaccato Trump.

I tweet del presidente. In mattina il presidente americano Donald Trump è intervenuto sulla questione chiedendo unità, ma senza condannare apertamente la violenza dei neonazisti, né citando Charlottesville o la questione della statua dei Confederati.  Solo in un secondo tweet, Trump ha detto di essere triste per quello che sta succedendo a Charlottesville. 

Le parole di Obama e Clinton. Sia l’ex presidente americano Barack Obama, che la candidata democratica all’ultime elezioni, Hillary Clinton, hanno condannato duramente le violenze e l’odio razziale di Charlottesville. "Nessuno - ha scritto Obama su Twitter- è nato odiando un'altra persona per il colore della sua pelle o per la religione. Le persone devono imparare a odiare e se possono imparare l'odio, possiamo insegnare loro l'amore. Perché l'amore viene più naturale al cuore umano che il suo opposto".

Sempre via Twitter è intervenuta l’ex segretario di Stato, Hillary Clinton: "Il mio cuore è oggi a Charlottesville. L'incitazione all'odio che ci ha portati a questo è altrettanto pericolosa e da condannare come lo è la presenza di suprematisti bianchi nelle nostre strade. Ogni minuto che noi permettiamo questo persistere attraverso l'incoraggiamento tacito o l’inazione, è una disgrazia corrosiva dei nostri valori. Ora è il momento per i leader di essere forti nelle loro parole e deliberare nelle loro azioni. Senza tirarsi indietro. Dobbiamo dare prova di cosa e chi sono americani".

 


Feriti tra i pacifisti dopo che un'auto ha travolto una contro manifestazione AP
Tra i manifestanti anche sostenitori di Donald Trump AP
Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.