Nessun dubbio, l'uragano Irma "colpirà la Florida" ed è "una minaccia che devasterà gli Usa"

Lo ha detto il capo della Fema, la protezione civile statunitense. Stop ai voli da sabato pomeriggio. Jeb Bush: "C'è sempre chi vuole vincere il premio Darwin"

Il capo della Fema, la protezione civile statunitense, ha detto che non ci sono dubbi, ora, sul fatto che l'uragano Irma colpirà almeno una parte della Florida. "Non è in dubbio il fatto che la Florida sarà colpita; la questione è quanto duramente sarà colpita" ha detto Brock Long, durante una conferenza stampa.

La Florida, però, non è l'unico Stato che deve preoccuparsi: "Chiunque dall'Alabama alla North Carolina dovrebbe seguire molto da vicino questa tempesta"; Irma è "una minaccia che devasterà gli Stati Uniti". "Non credo che qualcuno in Florida abbia mai vissuto una tempesta come questa" ha aggiunto. Long ha poi chiesto ai residenti di seguire l'ordine di evacuazione.

 

I tweet di Trump 

"L'uragano Irma è di proporzioni epiche, forse più grande di quanto mai visto finora. Mettetevi al sicuro e state lontani dal suo cammino, se possibile. La nostra incredibile guardia costiera ha salvato oltre 15.000 vite la scorsa settimana con Harvey. Irma potrebbe essere ancor più duro. Amiamo la nostra guardia costiera!". Questo il messaggio contenuto in due tweet pubblicati dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

 

Il governatore della Florida: l'uragano Irma più grande del nostro Stato

"Questa tempesta è più grande del nostro intero Stato". Lo ha detto il governatore della Florida, Rick Scott, durante una conferenza stampa incentrata sull'arrivo negli Stati Uniti dell'uragano Irma, che "minaccia la vita" delle persone; "i residenti non possono ignorare gli ordini di evacuazione". "Tutti i residenti devono prepararsi ad allontanarsi presto. Sono un padre e un nonno. Amo la mia famiglia. Non posso immaginare la vita senza di loro. Oggi è il giorno per fare la cosa giusta per la tua famiglia" ha aggiunto, per convincere i residenti a lasciare la zona.

Intanto, il personale militare e civile dello U.S. Central Command che lavora nel quartier generale di Tampa, in Florida, è stato invitato ad andare a casa entro le 12 (le 18 in Italia) e a prepararsi per l'uragano; si tratta di circa 4.000-5.000 persone. Lo sceriffo di Jacksonville, intanto, ha imposto l'evacuazione di una parte della città omonima e della contea di Duval (dove si trova Jacksonville).

 

I voli

L'imminente arrivo dell'uragano Irma in Florida ha costretto le compagnie aeree che servono alcuni dei maggiori aeroporti degli Stati Uniti a sospendere i voli che riguardano le città che saranno colpite. Da sabato pomeriggio, gli scali di Miami, Orlando e Fort Lauderdale - rispettivamente sede del dodicesimo, tredicesimo e ventunesimo aeroporto del Paese - resteranno in gran parte fermi.

 

Jeb Bush: "C'è sempre chi vuole vincere il premio Darwin"

Jeb Bush, ex governatore della Florida, ha detto che la maggior parte dei residenti sta seguendo le indicazioni delle autorità e si sta preparando all'arrivo dell'uragano Irma. "La grande maggioranza delle persone sa esattamente cosa deve fare" ha detto Bush, che non è riuscito a diventare il terzo presidente degli Stati Uniti in famiglia, avendo perso le primarie repubblicane dello scorso anno.

Ci saranno però sempre quelli che non prendono seriamente la minaccia: "Ci saranno degli esempi isolati di persone che cercheranno di vincere il premio Darwin, no? Agendo in modo veramente stupido e prendendo scelte e decisioni sbagliate".

Bush ha poi elogiato il presidente Donald Trump, che ha fatto "un buon lavoro, mostrando la sua preoccupazione per le vittime di Harvey e sono sicuro che farà lo stesso (per Irma, ndr)". "La cosa fondamentale comunque è fare in modo che Washington sia qui a lungo, per la ripresa del nostro Stato nel lungo termine".


Le ville di Trump e Branson 

Le ville caraibiche di Donald Trump e Richard Branson sarebbero state distrutte dall'uragano Irma. Il sito Marketwatch riporta che la residenza del presidente degli Stati Uniti a St. Martin, con undici stanze da letto, e quella del fondatore del gruppo Virgin, alle isole Vergini britanniche, non avrebbero retto al passaggio del violento uragano, atteso domenica in Florida. Lo staff di Trump non ha voluto discutere con la stampa dell'entità dei danni subiti dalla villa. Si sa, però, che Trump stava cercando di venderla al più presto, come dimostra il fatto che avesse abbassato la propria richiesta, ad agosto, da 28 a 16,9 milioni di dollari, secondo il Washington Post.


Irma metterà alla prova la Florida

Sarà anche "ben preparata", come ha detto Donald Trump, ma la Florida sta per essere messa alla prova da Irma. L'uragano più potente a essersi formato nell'Atlantico e che ha raso al suolo alcune isole caraibiche punta dritto sullo Stato e rappresenta un test non solo per il governatore Rick Scott, i cui ordini di evacuazione sono destinati ad aumentare, ma anche per i parametri edilizi imposti dopo che il cosiddetto Sunshine State fu colpito nel 1992 dall'uragano Andrew: fu il più forte degli ultimi decenni ad aver travolto la parte meridionale dello Stato; arrivato a una categoria 5 (la massima) provocò 61 morti e danni per oltre 26 miliardi di dollari (di allora). Distrusse oltre 25.500 case e ne danneggiò altre 101.000.

Dopo un fenomeno meteorologico che lasciò interi quartieri con case abbattute, la Florida decise di adottare nel 2002 parametri edizili considerati tra i più stringenti di tutti gli Stati Uniti. Erano pensati per rafforzare i tetti e le finestre delle abitazioni aumentando, tra le altre cose, la resistenza alla pressione esercitata dai venti. Anche le ispezioni sono diventate più severe. Rispetto ad allora però la posta in gioco è più alta: come spiega il Wall Street Journal, la popolazione è cresciuta di oltre il 50% a 20,6 milioni di abitanti e ciò rischia di intasare la rete stradale, specialmente in casi di emergenze. Il settore immobiliare inoltre è esploso. Lungo i duemila chilometri di costa della Florida ci sono oltre 2,7 milioni di case a rischio. L'allarme è particolarmente alto a Miami e Fort Lauderdale, dove Irma sembra diretta.

È la prima volta che quei parametri edilizi vengono messi alla prova da una tempesta paragonabile ad Andrew. Ma anche se la parte in cemento degli immobili è aumentata, restano problemi legati per esempio a una rete fognaria e a un sistema per pulire le acque che non sono affatto invidiabili. Inoltre, certe contee si trovano sul livello del mare e dunque rischiano allagamenti significativi. Si stimano inondazioni totali di aree come Miami-Dade e Broward, sulla punta sud-orientale della Florida, se queste riceveranno anche solo la metà dell'acqua che ha travolto Houston (Texas) a causa dell'uragano Harvey.

Intanto dietro a Irma avanza Jose, salito alla categoria 3 e che rischia di mettere ancora più in ginocchio Barbuda. Trump ha dichiarato lo stato di emergenza in South Carolina, dove il governatore Henry McMaster ha detto che evacuazioni obbligatorie inizieranno alle 16 italiane di sabato. Le zone devono essere ancora determinate. In Florida anche il resort Mar-a-Lago di Trump si prepara al peggio. Sulle finestre dell'immobile a Palm Beach, considerato la "Casa Bianca d'inverno", sono comparsi pannelli protettivi. 

Altri Servizi

Facebook da record, Zuckerberg diventa la terza persona più ricca del mondo

Superato Buffett: è la prima volta che i tre più ricchi (gli altri sono Bezos e Gates) provengono dal settore tecnologico

Il rialzo del titolo Facebook sul Nasdaq ha consentito al suo amministratore delegato, Mark Zuckerberg, di superare l'investitore Warren Buffett in termini di patrimonio e di diventare la terza persona più ricca del mondo, confermando che il settore tecnologico è il maggior creatore di benessere. Venerd", il titolo ha guadagnato sul Nasdaq il 2,41%, raggiungendo la chiusura record di 203,23 dollari. Il valore delle azioni di Facebook sta aumentando costantemente da giugno, nonostante le pressioni e le polemiche in seguito al cosiddetto scandalo Cambridge Analytica, che alla fine di marzo aveva spinto in ribasso il titolo fino a 152,22 dollari.

In Europa, il 25 maggio di quest’anno, è divenuto efficace il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati 679/2016, noto come GDPR. La nuova normativa ha dato vita ad una corsa all’adeguamento per la maggior parte delle società europee, e non solo.

Migranti, giudice chiede a Trump la lista dei bambini separati dai genitori

L'amministrazione ha chiesto più tempo per riunire le famiglie; un giudice federale della California vuole prima sapere quanti sono. Il governo ha ammesso di non sapere dove siano i genitori di 38 bimbi con meno di 5 anni

Un giudice federale della California ha chiesto al governo statunitense di presentare entro stasera (7 luglio) la lista dei bambini con meno di 5 anni separati dai loro genitori alla frontiera con il Messico, per effetto della 'tolleranza zero' applicata dalle autorità; lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione Trump alla stampa statunitense.

Wall Street cerca di mettersi alle spalle le tensioni commerciali

Alla vigilia del giorno dell'Indipendenza, i mercati finanziari chiuderanno in anticipo alle 13 (le 19 in Italia)
iStock

Nordcorea: colloqui con Pompeo "spiacevoli", gli Usa cercano solo il disarmo unilaterale

Tensione tra i due Paesi, dopo i colloqui tra il segretario di Stato Usa e il ministro degli Esteri di Pyongyang, definiti "molto preoccupanti"
AP

Brusca frenata nei rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord. Il governo di Pyongyang, tramite un comunicato di un portavoce del ministero degli Esteri citato dall'agenzia Ap, ha reso noto che i colloqui di alto livello con la delegazione statunitense, guidata dal segretario di Stato, Mike Pompeo, sono stati "spiacevoli" e ha accusato Washington di cercare solo il disarmo nucleare totale, forzato e unilaterale, della Corea del Nord.

Kavanaugh, Kethledge, Barrett: i tre candidati di Trump per la Corte Suprema

Attesa per la decisione del presidente Usa, annunciata lunedì alle 21 (le 3 del mattino seguente in Italia)
Ap

Il prossimo giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti uscirà da una ristretta lista di due o tre nomi. Lo ha affermato il presidente statunitense Donald Trump, parlando con i giornalisti. La sua decisione sarà annunciata luned" 9 alle 21 (le 3 del mattino seguente in Italia); poi, comincerà la battaglia in Senato per la conferma.

La Cina risponde a Trump: al via i dazi sui prodotti Usa

Oggi sono entrati in vigore i dazi reciproci tra Washington e Pechino, che ha deciso di rispondere alle tariffe statunitensi

La guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina è ufficialmente iniziata. Pechino ha annunciato di aver cominciato a imporre tariffe doganali di ritorsione sui beni statunitensi dopo l'entrata in vigore dei dazi per 34 miliardi dollari sulle importazioni cinesi voluti dall'amministrazione Trump. Misure già in vigore ma di cui non sono stati forniti dettagli da Pechino. In ogni caso decisioni che avranno conseguenze sull'economia mondiale, secondo David Qu, economista: "Quello che gli Stati Uniti stano facendo avrà conseguenze di lungo termine sul commercio mondiale. La Cina dovrà considerare come sarà il nuovo modello economico in futuro". All'orizzonte, altri mercati capaci di rimpiazzare quello cinese, non se ne vedono. "Io non vedo nessuna economia che può sostituire la Cina a breve termine per sostituire tutte le mancanze che provocherà questo scenario. Quindi gli Usa dovranno acquistare ancora dalla Cina e dunque i dazi faranno male anche a loro".

Nato, Stoltenberg: è interesse degli Usa mantenere un forte legame con gli alleati

"Abbiamo cominciato a fare" quello che ha chiesto Trump

Il presidente statunitense, Donald Trump, incontrerà gli alleati della Nato la prossima settimana, al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio. Al centro delle discussioni ci sarà senza dubbio la spesa insufficiente dedicata alla difesa della maggior parte dei membri della Nato. Trump, da mesi, chiede agli alleati di rispettare l'impegno a dedicare il 2% del Pil alla difesa e si è recentemente lamentato sia al G7 in Canada, sia nelle lettere che ha inviato a giugno ai capi di Stato e di governo.

Usa 2016, la commissione Intelligence del Senato conferma: Mosca ha interferito in aiuto di Trump

Confermate le conclusioni dei servizi segreti; le indagini vanno avanti per scoprire eventuali collusioni tra il Cremlino e lo staff dell'attuale presidente

La commissione intelligence del Senato statunitense, controllata dei repubblicani, ha pubblicato il rapporto sulle elezioni presidenziali, sostenendo la conclusione di tre agenzie d'intelligence, secondo cui la Russia cercò di aiutare Donald Trump a vincere.

Più carceri per i migranti, più affari per i sostenitori di Trump

Buone notizie per le società che hanno sostenuto il presidente

La decisione del presidente Donald Trump di creare nuovi centri di detenzione per migranti irregolari negli Stati Uniti darà una notevole spinta agli affari degli operatori di carceri private che hanno sostenuto il capo di Stato. A parlarne è il Wall Street Journal. Il valore delle azioni di CoreCivic e Geo Group, che hanno donato 250.000 dollari ciascuno per le celebrazioni in occasione dell'inaugurazione del mandato di Trump, è notevolmente aumentato lo scorso mese, dopo che l'Immigation and Customs Enforcement (Ice) ha annunciato che potrebbe chiedere 15.000 nuovi letti per le famiglie, dopo che Trump ha imposto, con un ordine esecutivo, che i bambini non siano separati dai genitori, in attesa del procedimento penale nei loro confronti. Dall'inizio dell'anno, il valore delle azioni di Geo è cresciuto del 14%, quello dei titoli di CoreCivic del 4,8 per cento.