Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Le tante minacce legali e politiche che pendono sullla presidenza di Donald Trump hanno reso ancora più difficile per la Casa Bianca trovare persone disposte a entrare nella squadra di governo. Il licenziamento dell'ex direttore dell'Fbi, il ritorno dello spettro del coinvolgimento russo nelle elezioni hanno reso ancora  più difficile assumere persone, secondo quanto hanno detto al Washington Post ex funzionari federali, attivisti del partito, lobbisti e candidati che i funzionari di Trump hanno cercato di reclutare.

I repubblicani starebbero rifiutando in massa di lavorare per Trump, sopratutto a causa del suo temperamento poco stabile. Inoltre, quelli indecisi, chiedono ai cacciatori di teste quali potrebbero essere i danni permanenti alla loro reputazione se scegliessero di entrare nel governo. Una domanda a cui, almeno per ora, è difficile poter rispondere con chiarezza. 

La Casa Bianca sta tuttavia rifiutando questa posizione, ricordando che ogni candidato deve essere approvato dall'Fbi e dal Office of Government Ethics prima di poter essere annunciato ufficialmente: questo dunque sarebbe il vero problema che sta causando i ritardi.

In realtà i numeri sono molto chiari, soprattutto facendo un confronto con le due presidenze precedenti.

Donald Trump ha nominato 43 persone in posizioni senior all'interno della sua amministrazione. Nello stesso periodo, Barack Obama era arrivato a 151 funzionari, mentre George W. Bush a 130 funzionari. Anche facendo riferimento ai tempi: per Donald Trump il tempo trascorso tra una nomina e la sua approvazione da parte del Senato è di 25 giorni, contro i 2 di Obama, gli zero di Bush e un giorno di Bill Clinton.

Ma nonostante i numeri la Casa Bianca continua a smentire: "C'è gente che mi bussa alla porta, c'è una grande richiesta per entrare nell'amministrazione", ha detto Sean Spicer, portavoce di Donald Trump.

Di recente lo sceriffo di Milwaukee, David Clarke, ha rifiutato una posizione all'interno del dipartimento per la sicurezza nazionale: pare che la sua scelta sia stata provocata dai ritardi nelle conferme e i lunghi tempi d'attesa per entrare in carica.

C'è da dire che l'amministrazione non ha trovato gli stessi problemi nell'assunzione di posizioni minori: ha assunto centinaia di giovani repubblicani in posizioni che non richiedono una approvazione del Senato. In molti casi però esiste anche un problema di fedeltà: dopo la crisi che sta investendo il governo, Trump vuole essere sicuro di assumere persone fidate.

Altri Servizi

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

John "Sonny" Franzese, il boss italoamericano esce di prigione a 100 anni

È stato rilasciato venerdì dal Federal Medical Center del Massachusetts

John Sonny Franzese, sicario della famiglia Colombo nonché uno dei più feroci boss mafiosi della storia americana, è stato rilasciato venerd" sera dal Federal Medical Center del Massachusetts all’età di 100 anni. Un record negli Stati Uniti che rendono la storia di Sonny Franzese ancor più unica di quanto già fosse.

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.

Dennis Rodman difende Kim Jong Un: "Avete un’opinione sbagliata su di lui"

L’ex stella Nba, di ritorno dal viaggio in Corea del Nord è intervenuto a Good Morning America su Abc

L’ex stella Nba dei Chicago Bulls, Dennis Rodman, è tornato in America dal suo tanto pubblicizzato viaggio in Corea del Nord. Si tratta della quinta visita del campione di basket al suo amico Kim Jong Un, la prima da quando Donald Trump si è insediato alla presidenza degli Stati Uniti. Eppure quest’ultimo viaggio è molto diverso dagli altri quattro, non solo per via del cambio alla presidenza degli Stati Uniti

Riforma sanitaria a rischio dopo il quinto "no" di un senatore repubblicano

Dean Heller, repubblicano del Nevada, è l’ultimo in ordine di tempo ad esprimersi contro la versione che dovrebbe sostituire l’Obamacare

Donald Trump e i suoi alleati stanno prodigandosi il più possibile per aiutare i leader del Gop a far passare il testo della riforma sanitaria attualmente al vaglio del Senato statunitense. Per il tycoon newyorchese potrebbe essere una boccata d’ossigeno per rilanciare una presidenza sotto torchio per via dello scandalo sulla Russia e per rilanciare un’indice di popolarità ai minimi.