Netflix continua la caccia ai talenti, reclutato produttore di "Glee"

Siglato accordo "quinquennale" con il vincitore di Emmy e Golden Globe per produrre nuove serie e film a cominciare dal prossimo primo luglio.

Netflix continua a reclutare talenti per rafforzarsi nella sfida sempre più competitiva sui video. Dopo avere portato sotto il suo tetto Shonda Rhimes (creatrice di "Grey's Anatomy" e "Scandal"), Jenji Kohan (sceneggiatrice di "Orange is the New Black") e Shawn Levy (produttore di "Stranger Things"), questa volta il colpo grosso riguarda Ryan Murphy. E' il produttore di varie serie di successo come "Glee" e "American Horror Story". Il sito di video in streaming ha detto di avere siglato con il vincitore di Emmy e Golden Globe "un accordo quinquennale" per produrre nuove serie e film per Netflix a cominciare dal prossimo primo luglio. Il gruppo non ha comunicato i termini finanziari dell'intesa ma secondo la stampa il conto è pari a 300 milioni di dollari. Murphy - il cui contratto con Fox è in scadenza - sta già lavorando per Netflix su due serie originali "Ratched" e "The Politician". Stando a quanto spiegato dall'azienda, Murphy sta supervisionando la produzione delle serie "American Crime Story", "American Horror Story", "Feud", "9-1-1" e "Pose".

"Le serie di Ryan Murphy hanno influenzato il panorama culturale mondiale, reinventato i generi e cambiando il corso della storia della televisione", ha dichiarato in una nota Ted Sarandos, direttore dei contenuti di Netflix. Sarandos ha aggiunto: "Da 'Nip and Tuck', la nostra prima serie in licenza, ad 'American Crime Story: The People v. O.J. Simpson' ad 'American Horror Story', abbiamo visto come la sua capacità di narrazione affascina spettatori e critici in tutto il mondo". Murphy ha dichiarato: "Sono un gay che dall'Indiana si è trasferito a Hollywood nel 1989 con risparmi di 55 dollari; il fatto che i miei sogni si siano cristallizzati e siano diventati realtà in un modo cos" importante è emozionante". Lui ha promesso di continuare a difendere le donne, le minoranze, gli eroi e le eroine della comunità LGBTQ e si è detto "grato di continuare la mia partnership con i miei amici a Fox sui nostri show esistenti". La ricerca di talenti di Netflix continua dunque anche alla luce della concorrenza di Amazon, che in precedenza aveva arruolato il produttore di "The Walking Dead" e che a sua volta sta investendo pesantemente sui video in streaming.

Altri Servizi

L'inflazione fa scattare il sell-off dei Treasury. Powell messo alla prova

I rendimenti del decennale ai massimi di 4 anni. Dopo un sell-off nel pre-mercato, gli indici a Wall Street accelerano: il rialzo dei prezzi giudicato non sostenibile. Focus sul neo governatore della banca centrale Usa
AP

Nel giorno di San Valentino, Wall Street ha ricevuto una brutta notizia che ha confermato preoccupazioni già esistenti. Negli Stati Uniti l'inflazione sta crescendo più del previsto. E questo fa temere che la Federal Reserve possa alzare i tassi nel 2018 a un passo più rapido del previsto. L'azionario e l'obbligazionario, però, hanno reagito in modo diverso: il primo ha accelerato dopo uno sbandamento iniziale mentre il secondo è stato travolto dal sell-off.

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

Wall Street digerisce un rialzo dell'inflazione

Reazione diversa tra l'azionario, in rialzo, e l'obbligazionario, oggetto di sell-off
iStock

Il sito Salon vuole usare i pc dei lettori per fare mining di criptovalute

Il gruppo punta a diversificare le fonti di ricavi mentre sempre più persone usano ad-blocker per evitare la visualizzazione di pubblicità online. Rally del titolo

La rivoluzione delle criptovalute sta cambiando il modo di fare cassa delle aziende. E anche dei gruppi media. Salon - sito americano di informazione - sta proponendo ai suoi lettori una doppia scelta: non usare i cosiddetti ad blocker (che minacciano i ricavi di gruppo) consentendo la visualizzazione di pubblicità o permettere l'utilizzo del processore del proprio computer per contribuire al "mining" di valute digitali. Il titolo dell'azienda Salon Media Group, che controlla il sito, con il solo annuncio dell'iniziativa è volato in borsa arrivando a guadagnare il 56,9%. E' l'ennesima dimostrazione di come la mania da Bitcoin venga spesso alimentata dalle intenzioni, anche controverse, di un gruppo.

Casa Bianca valuta Mester come numero due della Fed

Dal 2014 presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland, è considerata un "falco" moderato. Sarebbe la prima donna a essere nominata da Trump nel board della Fed

La Casa Bianca sta valutando se affidare a Loretta Mester il secondo incarico più importante nella Federal Reserve, quello della vicepresidenza del suo Board. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui una nomina per quel ruolo non sembra imminente e un candidato in pole position ancora non c'è. Mester dal 2014 è presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland. Prima di quell'incarico, lei ha trascorso quasi 30 anni come economista nella Fed di Philadelphia.

L'Oregon vuole rendere la sanità un diritto costituzionale

Se legge supererà anche il Senato, a novembre ci sarà referendum per far decidere i cittadini. Un repubblicano a favore, ma il suo partito ha dubbi sui finanziamenti. E intanto anche a New York si valuta la possibilità

Il Congresso dell'Oregon sta prendendo in considerazione una proposta di legge che renderebbe l'assistenza sanitaria un diritto garantito dalla costituzione dello Stato. Ieri la Camera a maggioranza democratica ha votato (35 a favore 25 contrari) facendo avanzare il documento, che adesso dovrà essere analizzato dal Senato. Se anche la camera alta dello Stato dovesse dare il via libera, saranno i cittadini dell'Oregon a dover decidere a novembre, con un referendum costituzionale.

Apple spegne le speranze di un dividendo straordinario

Il Ceo Tim Cook all'assemblea dei soci: "Non ne sono un fan"
iStock

Difficilmente Apple distribuirà un dividendo speciale una volta che avrà rimpatriato la montagna di utili parcheggiata all'estero, attualmente pari a 285 miliardi di dollari. A farlo capire è stato Tim Cook, il Ceo del gruppo che il 17 gennaio scorso annunciò il rimpatrio di 38 miliardi di dollari di capitali sulla scia della riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale.

Un "ottimista" Gates avverte i colossi tech e tende la mano a Trump

Il cofondatore di Microsoft consiglia di evitare il tipo di scontro con il governo che travolse il gruppo informatico alla fine degli anni '90. Nella lettera della sua fondazione si dice pronto a lavorare con l'amministrazione in carica
Bill & Melinda Gates Foundation

Bill Gates ha lanciato un avvertimento ad Apple e ad altri giganti tecnologici: se agiscono con arroganza, rischiano di complicare i loro rapporti con il governo come successo sul finire degli anni '90 a Microsoft in quello che fu chiamato "il caso antitrust del secolo", chiuso con un patteggiamento, in cui il gruppo fu accusato di essere un monopolio e di compiere pratiche anticompetitive in favore del suo sistema operativo e del suo browser.

AP

Le rotative che ogni giorno portano alla luce i quotidiani potrebbero avere altri 10 anni di vita. A fare questa previsione è stato Mark Thompson, presidente e amministratore delegato di New York Times Company, l'azienda editoriale che pubblica l'omino giornale.