Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Hastings ha spiegato che Friedland ha usato la parola 'negro' "in almeno due occasioni al lavoro, mostrando poca sensibilità e una consapevolezza razziale inaccettabilmente bassa, non in linea con i valori della nostra società"; si tratta di una parola considerata razzista e discriminatoria, tanto da essere un tabù negli Stati Uniti: in pubblico, si fa riferimento alla 'N-word'. Inoltre, le recenti battaglie sociali, da quelle di Black Lives Matter contro i soprusi della polizia al #MeToo sulle molestie sessuali, fino al recente dibattito sull'immigrazione, hanno spinto le aziende a fare più attenzione ai comportamenti e all'esempio che devono dare i manager; certi commenti o certe azioni, una volta accettati, non sono più tollerati.

Nel memo ai dipendenti, Hastings ha spiegato che la "comprensione e la sensibilità sull'uso della N-word possono variare. Il dibattito sul suo uso è aperto nel mondo e l'uso nella musica e nei film ha generato della confusione su quando sia accettabile usarla. Per le persone che non sono nere, la parola non dovrebbe essere pronunciata, visto che non c'è quasi alcun contesto dove sia appropriata o costruttiva (nemmeno cantando o leggendo un copione) [...] Quando una persona" la usa, "crea risentimento, intensa frustrazione e una grossa offesa per molti".

"Lascio Netflix dopo 7 anni. I capi devono essere irreprensibili nel dare l'esempio e purtroppo non sono stato all'altezza; sono stato insensibile parlando con il mio staff a proposito delle parole offensive in uno spettacolo comico" ha scritto Friedland su Twitter, dove ha anche assicurato di "sentirsi malissimo per il disagio causato dal lapsus alle persone della società che amo e dove desidero che ognuno si senta incluso e apprezzato". Friedland, ex manager di Disney, aveva cominciato a lavorare per Netflix nel 2011, diventando poi il responsabile della comunicazione l'anno successivo. Il suo successore non è stato ancora nominato.

Netflix ha chiuso il primo trimestre dell'anno con 125 milioni di utenti nel mondo, che dovrebbero diventare 131,2 milioni alla fine del secondo, per le stime. Appena la scorsa settimana, le azioni della società hanno chiuso con un nuovo record, a 404,98 dollari. La piattaforma sta continuando a espandersi a livello internazionale e a offrire sempre più contenuti originali.

A maggio, per esempio, Netflix ha firmato un accordo di collaborazione pluriennale con Barack e Michelle Obama per la produzione di contenuti originali, tra cui film, documentari e serie. L'ex coppia presidenziale ha fondato la Higher Ground Production, con cui produrrà i propri progetti per la società di intrattenimento. Si tratterà di contenuti che potranno essere visti da tutti gli utenti di Netflix in 190 Paesi.

Altri Servizi

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.