Netflix silura Kevin Spacey, futuro incerto per "House of Cards"

Il sito di video in streaming, inoltre, non farà più uscire il film sullo scrittore americano Gore Vidal, interpretato dallo stesso attore protagonista della celebre serie, accusato di molestie. Gli investitori non sembrano preoccupati

Kevin Spacey è stato espulso da "House of Cards". Si è chiusa con questa decisione una settimana tumultuosa iniziata domenica 29 ottobre, quando l'attore - protagonista della serie tv che ha debuttato nel 2013 catapuldando Netflix a un nuovo livello nel mondo di Hollywood - è stato accusato di avere fatto avance sessuali indesiderate ad Anthony Rapp quando quest'ultimo (anche lui un attore) era 14enne. Era il 1986. Netflix aveva prima annunciato che la sesta stagione della serie sarebbe stata l'ultima. Poi ne ha sospeso la produzione. Alla fine è arrivata la decisione di eliminare Spacey.

"Netflix non sarà più coinvolta ulteriormente con alcuna produzione di 'House of Card' che includa Kevin Spacey", ha spiegato l'azienda in una nota.

Così come Frank Underwood, lo spietato presidente americano interpretato da Spacey, nella quinta stagione perde il suo potere spianando la strada alla moglie, la prima presidente donna d'America, la serie è collassata. L'attore è stato accusato di molestie anche da parte di vari dipendenti dello show. E stando al britannico The Sun, la polizia nel Regno Unito sta indagando su un caso di presunte molestie sessuali da parte del vincitore Oscar. In questo caso i fatti risalgono al 2008 e chiamano in causa un 23enne.

Per Netflix questi sviluppi rappresentano un ostacolo, anche solo d'immagine. "House of Cards" è stata la prima di tante serie tv originali come "Narcos" e "Orange is the New Black" con cui il gruppo ha contribuito a mandare in tilt il settore tradizionale della tv. L'azienda - che da inizio anno ha guadagnato oltre il 61% a Wall Street - ha saputo sfruttare il fatto che sempre più persone usano sempre meno abbonamenti a TV via cavo a favore di servizi online. Secondo gli esperti lo scandalo non avrà un impatto materiale sull'azienda anche se la serie resta la sua più popolare. "House of Cards" è vista come un trampolino da cui Netflix ha preso il volo verso altre produzioni.

C'è chi sostiene poi che Netflix abbia gestito bene il caso, senza deludere gli investitori consapevoli che la serie aveva già superaro il suo momento di gloria avviandosi verso la sua conclusione. Va detto tuttavia che Netflix potrebbe subire conseguenze legali per ogni accusa di molestie che dovesse arrivare formalmente da parte di persone che hanno lavorato alla serie, e questo perché Spacey ne era non solo attore protagonista ma anche produttore esecutivo.

Il gruppo non è l'unico a dovere subire l'effetto dello scandalo che ha travolto Spacey, che rispose alle accuse dicendo di non ricordarsi dell'accaduto ma aggiungendo: "Se mi sono comportato come lui [Rapp] dice, gli devo una delle più sincere scuse per quello che sarebbe stato un comportamento da ubriaco profondamente inappropriato". C'è coinvolta anche Media Rights Capital, la casa di produzione di Beverly Hills che a sua volta rischia ricadute legali.

Sia Netflix sia MRC stanno valutando il futuro di "House of Cards", le cui riprese erano appena iniziate quando le accuse contro Spacey sono arrivate. Per il sito di video in streaming i problemi non sono finiti. Il gruppo ha detto che non farà più uscire il film in cui Spacey interpreta lo scrittore Gore Vidal; doveva arrivare l'anno prossimo e pare si concentrasse sull'esilio virtuale trascorso da Vidal in Italia.

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.