Netflix silura Kevin Spacey, futuro incerto per "House of Cards"

Il sito di video in streaming, inoltre, non farà più uscire il film sullo scrittore americano Gore Vidal, interpretato dallo stesso attore protagonista della celebre serie, accusato di molestie. Gli investitori non sembrano preoccupati

Kevin Spacey è stato espulso da "House of Cards". Si è chiusa con questa decisione una settimana tumultuosa iniziata domenica 29 ottobre, quando l'attore - protagonista della serie tv che ha debuttato nel 2013 catapuldando Netflix a un nuovo livello nel mondo di Hollywood - è stato accusato di avere fatto avance sessuali indesiderate ad Anthony Rapp quando quest'ultimo (anche lui un attore) era 14enne. Era il 1986. Netflix aveva prima annunciato che la sesta stagione della serie sarebbe stata l'ultima. Poi ne ha sospeso la produzione. Alla fine è arrivata la decisione di eliminare Spacey.

"Netflix non sarà più coinvolta ulteriormente con alcuna produzione di 'House of Card' che includa Kevin Spacey", ha spiegato l'azienda in una nota.

Così come Frank Underwood, lo spietato presidente americano interpretato da Spacey, nella quinta stagione perde il suo potere spianando la strada alla moglie, la prima presidente donna d'America, la serie è collassata. L'attore è stato accusato di molestie anche da parte di vari dipendenti dello show. E stando al britannico The Sun, la polizia nel Regno Unito sta indagando su un caso di presunte molestie sessuali da parte del vincitore Oscar. In questo caso i fatti risalgono al 2008 e chiamano in causa un 23enne.

Per Netflix questi sviluppi rappresentano un ostacolo, anche solo d'immagine. "House of Cards" è stata la prima di tante serie tv originali come "Narcos" e "Orange is the New Black" con cui il gruppo ha contribuito a mandare in tilt il settore tradizionale della tv. L'azienda - che da inizio anno ha guadagnato oltre il 61% a Wall Street - ha saputo sfruttare il fatto che sempre più persone usano sempre meno abbonamenti a TV via cavo a favore di servizi online. Secondo gli esperti lo scandalo non avrà un impatto materiale sull'azienda anche se la serie resta la sua più popolare. "House of Cards" è vista come un trampolino da cui Netflix ha preso il volo verso altre produzioni.

C'è chi sostiene poi che Netflix abbia gestito bene il caso, senza deludere gli investitori consapevoli che la serie aveva già superaro il suo momento di gloria avviandosi verso la sua conclusione. Va detto tuttavia che Netflix potrebbe subire conseguenze legali per ogni accusa di molestie che dovesse arrivare formalmente da parte di persone che hanno lavorato alla serie, e questo perché Spacey ne era non solo attore protagonista ma anche produttore esecutivo.

Il gruppo non è l'unico a dovere subire l'effetto dello scandalo che ha travolto Spacey, che rispose alle accuse dicendo di non ricordarsi dell'accaduto ma aggiungendo: "Se mi sono comportato come lui [Rapp] dice, gli devo una delle più sincere scuse per quello che sarebbe stato un comportamento da ubriaco profondamente inappropriato". C'è coinvolta anche Media Rights Capital, la casa di produzione di Beverly Hills che a sua volta rischia ricadute legali.

Sia Netflix sia MRC stanno valutando il futuro di "House of Cards", le cui riprese erano appena iniziate quando le accuse contro Spacey sono arrivate. Per il sito di video in streaming i problemi non sono finiti. Il gruppo ha detto che non farà più uscire il film in cui Spacey interpreta lo scrittore Gore Vidal; doveva arrivare l'anno prossimo e pare si concentrasse sull'esilio virtuale trascorso da Vidal in Italia.

Altri Servizi

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap