New York celebra Pier Paolo Pasolini

MoMA e l’Istituto Luce presentano una grande retrospettiva

“Ogni generazione dovrebbe avere il suo Pasolini”. E’ con queste parole che Jytte Jensen, curatrice del Museum Of Modern Art di New York, ha presentato la retrospettiva che dal 12 dicembre al 5 gennaio celebra la figura di Pier Paolo Pasolini. Mentre alla National Gallery di Washington si inaugura l’Anno della Cultura italiana negli Stati Uniti, a New York prende infatti il via un intenso programma di proiezioni ed eventi dedicati al talento cinematografico, ma anche poetico, artistico e letterario, di Pasolini.

Organizzata in collaborazione con l’Istituto Luce di Roma, la retrospettiva porterà nelle sale del museo newyorkese tutti i film del regista, da Accattone (1961) a Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), presentando alcuni dei suoi più celebri lavori in versioni restaurate. Ad aprire la retrospettiva, il 13 dicembre, si terrà la proiezione di una nuova copia di Medea, il film che nel 1969 il regista dedicò alla tragedia di Euripide, affidando a Maria Callas il ruolo di protagonista.

La presentazione dell’evento, tenutasi al PS1, la “divisione” più sperimentale del MoMA a Queens, è stata occasione per sentire risuonare l’accento romano a New York. Dopo il discorso del direttore dell’Istituto Luce e del direttore del museo Klaus Biesenbach, che ha ricordato come “molti artisti siano stati influenzati dalla figura e dal lavoro di Pasolini”, ha preso la parola Ninetto Davoli, tra gli attori più amati dal regista romano. Originario della Calabria, ma cresciuto a Roma, nel quartiere prenestino, Davoli aveva con Pasolini un rapporto molto stretto. “Qualche anno fa Pierpaolo era uno scomodo e oggi vedere le persone che si interessano alle sue opere eccezionali mi rende felice”, ha detto l’attore. “A Pà, lo stanno comincià a capì!”, ha poi aggiunto alzando lo sguardo verso il cielo, rivolgendosi all’amico scomparso. Pasolini e Davoli erano stati insieme a New York una quarantina di fa, quando trovandosi a Montreal, in Canada,  per un festival, hanno deciso di fare una deviazione per qualche giorno. “New York ci era piaciuta molto”, ha raccontato. “Ricordo che venne a prenderci un produttore con una macchina decappottabile e da lì, seduti su quell’auto, l’impatto con la città è stato incredibile”.

In contemporanea alla rassegna cinematografica del MoMA, New York dedica a Pasolini, e al suo poliedrico talento, una serie di altri eventi . Il 12 dicembre alla casa Italiana Zerilli Marimò della New York University, Antonio Monda coordina una tavola rotonda sulla sua eredità artistica, mentre il 13 dicembre l’Istituto Italiano di cultura ospita un seminario dedicato alla sua produzione letteraria. Per l'occasione sarà presentata l’antologia “Il mio cinema” (uscita anche in inglese come My Cinema), una raccolta di testi, annotazioni, sceneggiature e interviste di Pasolini. Venerdì 15 si celebrerà invece il suo talento poetico, con una serie di attori, tra cui Pierfrancesco Favino, Alba Rohrwacher, Michele Riondino e Lidia Vitale, che al MoMA leggeranno suei brani e poesie. A partire da sabato, Location 1, un centro artistico non profit di NY, presenterà invece un lato meno conosciuto della sua produzione, con una mostra di disegni raramente esposti in pubblico, mentre il giorno seguente il PS1 ospiterà un programma di performance ispirate al suo lavoro.

Altri Servizi

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".

Il Dnc in crisi chiede le dimissioni di tutto il suo staff

L'organo che governa il partito democratico americano sta conducendo interviste per decidere chi resta e chi no e per determinare la direzione del partito stesso dopo l'amara sconfitta elettorale e le rivelazioni imbarazzanti
AP

Il Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico americano, ha chiesto le dimissioni di tutti i membri del suo staff. Questi ultimi sono chiamati a presentare una lettera entro il 15 aprile. Lo sostiene NBC News, secondo cui l'uomo scelto a febbraio per guidare il Dnc ha lanciato una riorganizzazione totale. Si tratta di Tom Perez, 55 anni, ex segretario al Lavoro durante la presidenza di Barack Obama e simbolo della continuità rispetto a Keith Ellison, l'unico altro front runner per quell'incarico e che ha fatto la storia essendo il primo parlamentare musulmano (si convert" a 19 anni) e il primo afroamericano a rappresentare come deputato lo Stato del Minnesota a Washington.

L’addio a David Rockefeller, simbolo di un’America che fu

Scomparso all'età di 101 anni il banchiere e filantropo americano, protagonista del multilateralismo del dopoguerra. Il direttore dell’Fbi conferma le indagini in corso sul ‘Russiagate’ e smentisce Trump: “Nessuna intercettazione alla Trump Tower”.

"Sono stato autorizzato a confermare che l'Fbi sta investigando sugli sforzi dell'intelligence russa di interferire nelle elezioni presidenziali del 2016”. A dirlo è stato ieri il direttore dell’Fbi James Comey, in una rara dichiarazione pubblica su indagini ancora in corso. Sotto analisi, ha confermato di fronte alla Camera degli Stati Uniti, anche qualsiasi collegamento fra la campagna di Trump e il Cremlino. Le sue affermazioni sono state un duro colpo per Donald Trump, soprattuto perché Comey lo ha apertamente smentito nel merito delle presunte intercettazioni ordinate da Obama sui telefoni della Trump Tower: “Non sono in possesso di alcuna informazione a sostegno dei tweet del presidente.” La Casa Bianca, per voce di Sean Spicer, ha tuttavia deciso di non modificare la sua linea: “Non ritrattiamo, aspettiamo la fine dell’indagini”.

Sconfiggere l'Isis: priorità numero uno degli Usa, che chiedono più sforzi militari

Rex Tillerson, il segretario americano di Stato, alla coalizione: il leader del gruppo terrorista Baghdadi ha le ore contate. Fermare il califatto su Internet, "la sua arma migliore"
AP

Sconfiggere l'Isis è l'obiettivo numero uno degli Usa in Medio Oriente. Lo ha ribadito Rex Tillerson, il segretario americano di Stato, aprendo la riunione ministeriale della coalizione internazionale impegnata a lottare contro i miliziani sunniti. Il capo della diplomazia Usa ha usato l'occasione per brindare ai passi avanti fatti, per ipotizzare la creazione di zone sicure per i rifugiati e per ribadire che serve fare di più, anche in termini di risorse militari: tre quarti delle quali arrivano interamente da Washington. Dicendo che il capo dell'Isis ha ormai le ore contante, l'ex Ceo di Tillerson ha invitato la Global Coalition a puntare anche a fermare le attività online dei terroristi, perché sono "l'arma migliore" per reclutare combattenti.