A New York il Cornelia Street Café compie 40 anni

Aperto nel 1977 da tre artisti, il locale è un’istituzione che promuove concerti ed eventi letterari tra i tavolini del bar

Il Cornelia Street Café di New York compie quarant’anni. Diventato ormai un’istituzione, il locale si trova nel cuore del Greenwich Village, al 29 di Cornelia Street, e conta un ristorante e un club underground che ospita concerti ed eventi. Per celebrare il suo compleanno, il 4 luglio Sheila Jordan ha cantato sul palco del locale, accompagnata dal bassista Cameron Brown e dal trombettista John McNeil. La Jordan ha quasi novant’anni, e da oltre dieci il palco del Cornelia è casa sua, così come per molti artisti che qui hanno iniziato la loro carriera. Al centro della scena, martedì, anche Robin Hirsch, il proprietario del locale, la scrittrice Jennifer Rawlings e tanti altri ospiti che hanno riempito la serata per un festeggiamento vecchio stile a quattro decenni dall’apertura.

Il club ha infatti aperto i battenti il 4 luglio del 1977 e fin da subito si è creato un’identità autonoma tra musica jazz, folk e letteratura. Furono tre artisti a dare il via all’attività: l’italo-canadese Raphaela Pivetta, lo scrittore irlandese Charles McKenna e l’attore inglese Robert Hirsch, che ancora dirige il club. Solo negli anni ’80, però, l’intrattenimento si è spostato nel seminterrato, trasformando il locale in quello che è rimasto fino ad oggi: un mix underground di eventi musicali, letterari e buon cibo. Uno dei momenti chiave per la storia dell’attività fu la performance di Siv Cedering ed Eugene McCarthy, l’ex membro del Congresso divenuto poeta, che fece il tutto esaurito. Ma quello fu solo l’inizio. Il club ha ospitato infatti alcune delle prime performance di artisti poi divenuti famosi in tutto il mondo: tra i tanti, Eve Ensler ha letto qui, per la prima volta, i suoi “Monologhi della vagina”, Suzanne Vega ha cantato nei suoi primi anni da artista sul palco del sottoscala e Oliver Sacks ha letto tra i tavolini del club le sue opere. David Amram, compositore e musicista ottantaseienne che scrisse le musiche di “Pull My Daisy”, il film derivato dal testo di Jack Kerouac “Beat Generation”, suona ancora ogni luned" nel locale.

Gli affari, però, non vanno bene: l’affitto per lo spazio è di 33.000 dollari al mese, 77 volte il prezzo originario, che era di 450. Nello stesso isolato quest’anno hanno chiuso, per ragioni simili, due ristoranti storici: l’Home e il Pò. Per provare ad aiutare il Cornelia molti artisti hanno donato fotografie e opere d’arte che ne decorano le pareti. Sul sito del locale, in basso a destra, c’è un tasto per le donazioni libere. “Ospitiamo circa 700 show all’anno e siamo l’unica attività ad avere due Guinnes World Record” scrive il café tra le ragioni per sostenere il suo progetto. La richiesta di fondi si chiude poi con una frase che racconta l’intera storia del locale, e spiega perché valga la pena cercare di farlo sopravvivere: “Abbiamo aiutato le carriere di migliaia di artisti emergenti e siamo stati qui abbastanza per vedere alcuni di loro diventare leggenda”.

Altri Servizi

I democratici lanciano l'agenda economica per il 2018: "A better deal"

Evocando il "New Deal" di Roosvelt e schernendo Trump, autore di "The Art of the Deal", l'opposizione punta a riconquistare il Congresso nelle elezioni di metà mandato. Con toni populisti

Evocando il "New Deal", una serie di programmi federali voluti dal 32esimo presidente americano Franklin D. Roosevelt per alimentare la ripresa economica dopo la Grande Depressione degli anni '30, i democratici alla Camera e al Senato sperano di unire il partito e di riconquistare gli elettori con una nuova agenda economica all'insegna del motto "A better deal", un affare migliore. Anche di quello rappresentato da Donald Trump, il repubblicano che a sorpresa ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre e che si è sempre presentato come il migliore deal-maker sin dai tempi (era il 1987) in cui ha scritto il libro "The Art of the Deal".

La difesa di Kushner: "Nessuna collusione con la Russia. Trump ha vinto grazie a una campagna migliore"

Il genero e assistente del presidente Trump ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato; poi, ha rilasciato una dichiarazione dalla Casa Bianca
AP

"Donald Trump ha portato un messaggio migliore e ha corso una campagna migliore e più intelligente, ed è per questo che ha vinto". Lo ha detto Jared Kushner, genero e assistente del presidente statunitense, Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca dopo la sua testimonianza, a porte chiuse, davanti alla commissione Intelligence del Senato, a proposito dei contatti avuti con funzionari russi durante la campagna elettorale dello scorso anno e durante il periodo di transizione tra l'amministrazione Obama e quella attuale.

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Alphabet: sugli utili del secondo trimestre pesa la multa Ue

Il risultato è calato del 27,8% a 3,52 miliardi di dollari. E' stata la maggiore flessione dal 2008. Senza la pena pecuniaria, sarebbe salito del 28% a 6,3 miliardi

Nel secondo trimestre del 2017, Alphabet ha registrato 3,52 miliardi di dollari di utili, in ribasso del 27,8% rispetto a 4,88 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Su quello che è stato il calo maggiore dei profitti dal 2008 ha pesato la multa record per 2,42 miliardi di euro comminata il 27 giugno scorso dalla Commissione Ue alla controllata Google, accusata di avere sfruttato la sua posizione dominante nelle ricerche internet per promuovere i propri servizi. Senza quella multa - in merito alla quale il gruppo sta "analizzando le sue opzioni" - gli utili sarebbero cresciuti del 28% a 6,3 miliardi. I profitti per azione sono passati a 5,01 dollari da 7 dollari ma sarebbero stati pari a 8,9 dollari senza la multa Ue; il risultato ha comunque battuto le stime degli analisti ferme a 4,49 dollari per azione.

Wall Street attende i conti dei big tecnologici

A mercati chiusi il bilancio di Alphabet. Mercoledì quello di Facebook e il giorno dopo quello di Amazon
AP

Wall Street, attenzione rivolta alla Bce

Il governatore Draghi: "pronti ad aumentare" il QE se sarà necessario
AP

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.