A New York il design italiano non paga l'affitto

Design-Apart è un nuovo progetto che porterà in un loft di Manhattan le nuove frontiere dell'arredamento artigianale italiano

Aprire una showroom di design nel cuore di Manhattan senza spendere un centesimo di affitto è possibile. A dimostrarlo è Design-Apart, un progetto che mira a sviluppare un nuovo modo di produrre e distribuire l'arredamento made in Italy a livello internazionale.

Appoggiandosi a un'agenzia di comunicazione, Design-Apart ha lanciato un bando a New York per cercare un loft a disposizione per un anno, offrendo in cambio arredamento su misura realizzato da alcuni dei più conosciuti marchi di design italiani come Berto, Milldue, Technogel, TM Italia, .exnovo - la prima in Europa a lavorare con la stampa 3D - e Ermes-Ponti - azienda specializzata in interni di yacht che sta puntando al settore residenziale. Il risultato sono state decine di candidature, da Soho a Brooklyn, e un vincitore: una showroom di 250 metri quadri a disposizione dal primo settembre sulla 25esima Strada, a due passi dal Flatiron. "Vivrò lì, con mia moglie e mio figlio", ha raccontato Diego Paccagnella, il designer di origini padovane ideatore del progetto." Sará una living showroom, dove i clienti possono fare esperienza a 360 gradi del modo di vivere italiano, cucinare qualcosa se vogliono, sedersi sul divano e fermarsi a chiacchierare per ore". L'idea è quella di offrire arredamento - dalle cucine ai divani passando per le ceramiche - di aziende di design italiane che non solo lavorino "su misura", ma che riescano a fornire prodotti personalizzati al massimo, anche pensati appositamente per un solo cliente. La novità è che "un marchio come exnovo, grazie alla stampa 3D, è in grado di darti una lampada che esiste in 2-3 pezzi al mondo a un prezzo simile a quello dei prodotti industrializzati, di aziende tipo Flos o Artemide", ha spiegato Paccagnella. "Quanti prodotti si possono industrializziare in un anno? Tre, quattro. È questo il limite. Exnovo lavora anche con grandi aziende automobilistiche, come Ferrari e Maserati. La Ferrari il venerdì manda loro i disegni per fare 10 tipi di alettoni diversi e provare quale funziona meglio, e la cosa straordinaria è che la consegna dei prototipi avviene in tre giorni al massimo".

L'incontro tra nuove tecnologie - come la stampa 3D e il laser cut - con il gusto del design italiano legato al concetto del "su misura", è stato oggetto di una conferenza tenuta a San Francisco lo scorso 23 giugno, da Chris Anderson, guru della tecnologia e ex direttore di Wired Usa, e Stefano Micelli, autore del libro "Futuro Artigiano". "Siamo in California per convincere la Silicon Valley che ha bisogno dell'Italia per affrontare il problema della bellezza e da questa alleanza può nascere una terza rivoluzione industriale", aveva detto in un'intervista Piero Bassetti, presidente della fondazione milanese Giannino Bassetti e organizzatore dell'evento.

In effetti la stampa 3D sta conquistando tutti i settori che richiedono maggior "personalizzazione" dei prodotti, come quello medico. Nelle ultime settimane la stampa americana ha raccontato di esperimenti sorprendenti, dalla realizzazione di una protesi per un'anatra che aveva perso una zampa, alla più futuristica creazione di un orecchio bionico nei laboratori dell'università Princeton.

Tuttavia nel design non si tratta solo di rivoluzionare gli strumenti, ma anche la figura degli artigiani. Il gruppo "Ermes Ponti per esempio ha creato il 'falegname evoluto', un artigiano che riesce a portare a termine da solo tutto il processo, dalle misure alla produzione fino all’allestimento conclusivo", ha spiegato Paccagnella. "Andando a realizzare dei negozi di moda in Cina si è chiesto come facciano i cinesi a fare tutto in tre settimane e quindi ha semplificato il procedimento: essendo in grado di fare anche i rilievi, i falegnami ora riescono a consegnare tutto in meno di un mese. Anche se il risultato è rimasto invariato, i tempi di consegna sono competitivi con quelli di un contractor cinese, così come i prezzi: Ermes Ponti costa al massimo il 10 -15 per cento in più".

Alle aziende coinvolte nella showroom vivente di Design-Apart è richiesto, oltre a un pezzo per l'arredamento dello spazio da lasciare al proprietario, un contributo annuale che varia da 30 mila dollari - per i marchi che producono prodotti più "importanti", tipo divani e cucine - ai 10 mila, per coloro che invece forniscono oggetti e particolari decorativi, come le ceramiche. "Avendo coinvolto attivamente i proprietari immobiliari nel progetto siamo riusciti a ridurre sensibilmente tutti i costi iniziali solitamente necessari all'avvio di showroom internazionali", ha raccontato Paccagnella, "e con un capitale iniziale di 400.000 dollari riusciamo a guardare ad una prima fase di crescita senza la necessità di venture capital o altri operatori finanziari". Un prezzo molto basso, per conquistare una vetrina nel cuore di Manhattan, se si considera che a Soho per affittare uno spazio si deve spendere in media 6-700.000 dollari all'anno. "E poi qualsiasi showroom deve sostituire la roba dopo un anno e si trova costretta a svendere tutto, mentre noi lasciamo una casa completamente arredata a un proprietario che intende valorizzarla, e per di più azzeriamo tutti i costi aggiuntivi di trasporto", racconta Paccagnella. L'inizio dei lavori è fissato per il primo settembre, e fino all'inaugurazione, prevista per metà ottobre, lo spazio sarà aperto a scuole di design e studi di architettura newyorchesi che vogliono andare a seguire i lavori. E dopo un anno? "Ci sono già candidati per il 2014-1015- ha detto Paccagnella - e credo che la nostra scelta cadrà su un loft di Tribeca".

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Trump firma documento per riportare uomo sulla Luna e promette Marte in futuro

Un nuovo programma di esplorazione spaziale. L'uomo non mette piede sulla Luna dal 1972 con Apollo 17. Ma continuano a esserci dubbi sui fondi

"Questa volta non pianteremo solo la nostra bandiera e lasceremo le nostre impronte [sulla Luna], ma stabiliremo delle basi da cui fare partire le missioni verso Marte e in futuro verso altri mondi". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmando un documento con il quale si impegna a rafforzare il programma spaziale americano e a riportare gli astronauti Usa sulla Luna e poi su Marte. Sarebbe la prima volta dal 1972, quando la missione Apollo 17 portò per l'ultima volta degli esseri umani sulla Luna. Oggi è il giorno dell'anniversario di Apollo 17, la cui navicella è atterrata sulla Luna l'11 dicembre di 45 anni fa.

New York, tentato attacco terroristico: uomo prova a farsi esplodere in stazione

Il nome dell'attentatore è Akayed Ullah, 27 anni; gravemente ferito, è stato arrestato. Ha fatto scoppiare un ordigno rudimentale poco prima delle 7:20, in un tunnel della fermata della metropolitana

Un consueto inizio di settimana si è trasformato, per molti newyorkesi, in quello che il governatore Andrew Cuomo ha definito "uno dei nostri peggiori incubi": un attentato nella metropolitana che, per fortuna, non ha avuto le conseguenze gravi che "si potevano temere inizialmente". "Questa è New York" ha ricordato il governatore, aggiungendo che la città è "un obiettivo per chi lotta contro la democrazia e la libertà. Chiunque oggi può andare su internet e costruire ordigni artigianali e dobbiamo convivere con questa realtà".

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gli Usa rispondono alla Russia: pronti a sviluppare nuovi missili nucleari

Trump in questo modo ricatta Mosca e spera che decida di tornare a rispettare il trattato sulla non proliferazione di missili di media gittata, firmato nel 1987. Questa settimana previsto un incontro bilaterale a Washington

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Russia che inizieranno a sviluppare nuovi missili nucleari a meno che Mosca non ritorni a rispettare il trattato di non proliferazione che è accusata di aver violato.

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, non riceverà il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, dopo la decisione del presidente Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale d'Israele. L'ha confermato il consigliere diplomatico di Abu Mazen, Majdi al Khaldi. "Non ci sarà un incontro con il vicepresidente americano in Palestina" ha detto al Khaldi. "Gli Stati Uniti hanno superato la linea rossa con la decisione su Gerusalemme".

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24
Unsplash /Oliver Cole