A New York il design italiano non paga l'affitto

Design-Apart è un nuovo progetto che porterà in un loft di Manhattan le nuove frontiere dell'arredamento artigianale italiano

Aprire una showroom di design nel cuore di Manhattan senza spendere un centesimo di affitto è possibile. A dimostrarlo è Design-Apart, un progetto che mira a sviluppare un nuovo modo di produrre e distribuire l'arredamento made in Italy a livello internazionale.

Appoggiandosi a un'agenzia di comunicazione, Design-Apart ha lanciato un bando a New York per cercare un loft a disposizione per un anno, offrendo in cambio arredamento su misura realizzato da alcuni dei più conosciuti marchi di design italiani come Berto, Milldue, Technogel, TM Italia, .exnovo - la prima in Europa a lavorare con la stampa 3D - e Ermes-Ponti - azienda specializzata in interni di yacht che sta puntando al settore residenziale. Il risultato sono state decine di candidature, da Soho a Brooklyn, e un vincitore: una showroom di 250 metri quadri a disposizione dal primo settembre sulla 25esima Strada, a due passi dal Flatiron. "Vivrò lì, con mia moglie e mio figlio", ha raccontato Diego Paccagnella, il designer di origini padovane ideatore del progetto." Sará una living showroom, dove i clienti possono fare esperienza a 360 gradi del modo di vivere italiano, cucinare qualcosa se vogliono, sedersi sul divano e fermarsi a chiacchierare per ore". L'idea è quella di offrire arredamento - dalle cucine ai divani passando per le ceramiche - di aziende di design italiane che non solo lavorino "su misura", ma che riescano a fornire prodotti personalizzati al massimo, anche pensati appositamente per un solo cliente. La novità è che "un marchio come exnovo, grazie alla stampa 3D, è in grado di darti una lampada che esiste in 2-3 pezzi al mondo a un prezzo simile a quello dei prodotti industrializzati, di aziende tipo Flos o Artemide", ha spiegato Paccagnella. "Quanti prodotti si possono industrializziare in un anno? Tre, quattro. È questo il limite. Exnovo lavora anche con grandi aziende automobilistiche, come Ferrari e Maserati. La Ferrari il venerdì manda loro i disegni per fare 10 tipi di alettoni diversi e provare quale funziona meglio, e la cosa straordinaria è che la consegna dei prototipi avviene in tre giorni al massimo".

L'incontro tra nuove tecnologie - come la stampa 3D e il laser cut - con il gusto del design italiano legato al concetto del "su misura", è stato oggetto di una conferenza tenuta a San Francisco lo scorso 23 giugno, da Chris Anderson, guru della tecnologia e ex direttore di Wired Usa, e Stefano Micelli, autore del libro "Futuro Artigiano". "Siamo in California per convincere la Silicon Valley che ha bisogno dell'Italia per affrontare il problema della bellezza e da questa alleanza può nascere una terza rivoluzione industriale", aveva detto in un'intervista Piero Bassetti, presidente della fondazione milanese Giannino Bassetti e organizzatore dell'evento.

In effetti la stampa 3D sta conquistando tutti i settori che richiedono maggior "personalizzazione" dei prodotti, come quello medico. Nelle ultime settimane la stampa americana ha raccontato di esperimenti sorprendenti, dalla realizzazione di una protesi per un'anatra che aveva perso una zampa, alla più futuristica creazione di un orecchio bionico nei laboratori dell'università Princeton.

Tuttavia nel design non si tratta solo di rivoluzionare gli strumenti, ma anche la figura degli artigiani. Il gruppo "Ermes Ponti per esempio ha creato il 'falegname evoluto', un artigiano che riesce a portare a termine da solo tutto il processo, dalle misure alla produzione fino all’allestimento conclusivo", ha spiegato Paccagnella. "Andando a realizzare dei negozi di moda in Cina si è chiesto come facciano i cinesi a fare tutto in tre settimane e quindi ha semplificato il procedimento: essendo in grado di fare anche i rilievi, i falegnami ora riescono a consegnare tutto in meno di un mese. Anche se il risultato è rimasto invariato, i tempi di consegna sono competitivi con quelli di un contractor cinese, così come i prezzi: Ermes Ponti costa al massimo il 10 -15 per cento in più".

Alle aziende coinvolte nella showroom vivente di Design-Apart è richiesto, oltre a un pezzo per l'arredamento dello spazio da lasciare al proprietario, un contributo annuale che varia da 30 mila dollari - per i marchi che producono prodotti più "importanti", tipo divani e cucine - ai 10 mila, per coloro che invece forniscono oggetti e particolari decorativi, come le ceramiche. "Avendo coinvolto attivamente i proprietari immobiliari nel progetto siamo riusciti a ridurre sensibilmente tutti i costi iniziali solitamente necessari all'avvio di showroom internazionali", ha raccontato Paccagnella, "e con un capitale iniziale di 400.000 dollari riusciamo a guardare ad una prima fase di crescita senza la necessità di venture capital o altri operatori finanziari". Un prezzo molto basso, per conquistare una vetrina nel cuore di Manhattan, se si considera che a Soho per affittare uno spazio si deve spendere in media 6-700.000 dollari all'anno. "E poi qualsiasi showroom deve sostituire la roba dopo un anno e si trova costretta a svendere tutto, mentre noi lasciamo una casa completamente arredata a un proprietario che intende valorizzarla, e per di più azzeriamo tutti i costi aggiuntivi di trasporto", racconta Paccagnella. L'inizio dei lavori è fissato per il primo settembre, e fino all'inaugurazione, prevista per metà ottobre, lo spazio sarà aperto a scuole di design e studi di architettura newyorchesi che vogliono andare a seguire i lavori. E dopo un anno? "Ci sono già candidati per il 2014-1015- ha detto Paccagnella - e credo che la nostra scelta cadrà su un loft di Tribeca".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

Gli analisti temono un netto rialzo delle nuove richieste
AP

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

Powell: "Lavoriamo per sostenere gli americani, Usa forse già in recessione"

Il governatore della Fed intervistato dalla Nbc. Sull'ipotesi del presidente Trump di far ripartire il Paese entro Pasqua, non si sbilancia: "Seguiamo gli esperti"
AP

Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, si è rivolto agli americani durante un'intervista alla Nbc, assicurando che la banca centrale statunitense "sta lavorando duramente per sostenervi ora". Il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari approvato la scorsa notte al Senato darà un "sollievo immediato" ai lavoratori colpiti dalla chiusura delle attività provocata dall'epidemia di coronavirus, ha detto Powell.

Coronavirus, Kudlow: "Il terzo pacchetto di aiuti vale più di 2.000 miliardi di dollari"

Il piano è in discussione al Congresso, Trump spera in un'approvazione entro lunedì
Gage Skidmore /Gage Skidmore

Il terzo pacchetto di aiuti discusso al Congresso statunitense per contrastare l'impatto della pandemia di coronavirus vale più di 2.000 miliardi di dollari. Lo ha detto il massimo consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, parlando con i giornalisti prima di un incontro con i senatori repubblicani. Si tratta di un piano che, quindi, vale circa il 10% del Pil statunitense.

Il vicegovernatore del Texas: "Torniamo al lavoro, nonni pronti al 'sacrificio'"

Con le misure contro il coronavirus, l'economia Usa rischia di crollare. Anche il presidente Trump 'insofferente'

Il vicegovernatore del Texas, il repubblicano Dan Patrick, ha dichiarato ieri sera che gli Stati Uniti dovrebbero tornare al lavoro e che le persone con più di 70 anni sono pronte a "correre il rischio" di ammalarsi di Covid-19 per il bene dell'economia del Paese. Patrick, che sta per compiere 70 anni, ha detto che correrà il rischio come cittadino anziano per il bene degli Stati Uniti e di credere che ci siano "molti nonni nel Paese" che la pensano allo stesso modo. "Nessun me lo ha chiesto, ma se lo scambio è correre un rischio sulla mia sopravvivenza" per salvare l'economia per figli e nipoti, "io ci sto". 

Coronavirus, Usa: accordo in Senato su un piano di aiuti da 2.000 miliardi

Piano senza precedenti nella storia nazionale, che vale il 10% del Pil. Il passaggio alla Camera, però, potrebbe non essere senza ostacoli
Ap

Dopo giorni di trattative, i senatori statunitensi e l'amministrazione Trump hanno raggiunto un accordo sul più grande piano di aiuti nella storia del Paese, che avrà l'obiettivo di mitigare gli effetti devastanti della pandemia di coronavirus sull'economia nazionale; il piano vale circa 2.000 miliardi di dollari, ovvero il 10% del Pil nazionale.

Coronavirus, Trump: "Vorrei far ripartire il Paese entro Pasqua"

Il presidente Usa insofferente verso le misure restrittive: "Tenere distanza sociale e lavorare, si può"
Ap

"Mi piacerebbe riaprire il Paese entro Pasqua", ovvero il 12 aprile. Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, a Fox News. Il presidente ha più volte detto che "la cura non può essere peggio del problema", affermando poi che "si può mantenere la distanza sociale e tornare al lavoro".

Coronavirus, Fed: Qe illimitato, 300 miliardi di prestiti alle imprese

"Acquisteremo asset nella quantità necessaria"; servono, ha scritto la Banca centrale in un comunicato, "misure aggressive"

La Federal Reserve ha annunciato che acquisterà una quantità illimitata di titoli di Stato e titoli garantiti da ipoteche su immobili per sostenere il mercato finanziario, travolto dall'emergenza coronavirus, e facilitare una trasmissione efficiente della sua politica monetaria. Nella nota, la Fed ha comunicato che acquisterà asset "nella quantità necessaria", dopo aver precedentemente fissato un limite a 700 miliardi di dollari, e che aprirà nuove linee di prestito alle imprese, del valore di 300 miliardi di dollari. Nella nota, la Fed ha sottolineato che, per evitare le perdite di posti di lavoro e di reddito, servono "misure aggressive".

Coronavirus, Trump contro Gm e Ford: "Cominciate a produrre ventilatori, ora!"

Duro attacco del presidente Usa su Twitter, mentre l'emergenza negli Usa si allarga
Ap

Duro attacco del presidente statunitense Donald Trump contro General Motors e Ford, su Twitter, in un momento in cui il Paese cerca risorse e dispositivi per combattere il nuovo coronavirus. "General Motors deve immediatamente aprire la sua fabbrica stupidamente abbandonata di Lordstown in Ohio, o qualche altra fabbrica, e cominciare a produrre ventilatori, ora! Ford, inizia a fare i ventilatori, velocemente!".