A New York il design italiano non paga l'affitto

Design-Apart è un nuovo progetto che porterà in un loft di Manhattan le nuove frontiere dell'arredamento artigianale italiano

Aprire una showroom di design nel cuore di Manhattan senza spendere un centesimo di affitto è possibile. A dimostrarlo è Design-Apart, un progetto che mira a sviluppare un nuovo modo di produrre e distribuire l'arredamento made in Italy a livello internazionale.

Appoggiandosi a un'agenzia di comunicazione, Design-Apart ha lanciato un bando a New York per cercare un loft a disposizione per un anno, offrendo in cambio arredamento su misura realizzato da alcuni dei più conosciuti marchi di design italiani come Berto, Milldue, Technogel, TM Italia, .exnovo - la prima in Europa a lavorare con la stampa 3D - e Ermes-Ponti - azienda specializzata in interni di yacht che sta puntando al settore residenziale. Il risultato sono state decine di candidature, da Soho a Brooklyn, e un vincitore: una showroom di 250 metri quadri a disposizione dal primo settembre sulla 25esima Strada, a due passi dal Flatiron. "Vivrò lì, con mia moglie e mio figlio", ha raccontato Diego Paccagnella, il designer di origini padovane ideatore del progetto." Sará una living showroom, dove i clienti possono fare esperienza a 360 gradi del modo di vivere italiano, cucinare qualcosa se vogliono, sedersi sul divano e fermarsi a chiacchierare per ore". L'idea è quella di offrire arredamento - dalle cucine ai divani passando per le ceramiche - di aziende di design italiane che non solo lavorino "su misura", ma che riescano a fornire prodotti personalizzati al massimo, anche pensati appositamente per un solo cliente. La novità è che "un marchio come exnovo, grazie alla stampa 3D, è in grado di darti una lampada che esiste in 2-3 pezzi al mondo a un prezzo simile a quello dei prodotti industrializzati, di aziende tipo Flos o Artemide", ha spiegato Paccagnella. "Quanti prodotti si possono industrializziare in un anno? Tre, quattro. È questo il limite. Exnovo lavora anche con grandi aziende automobilistiche, come Ferrari e Maserati. La Ferrari il venerdì manda loro i disegni per fare 10 tipi di alettoni diversi e provare quale funziona meglio, e la cosa straordinaria è che la consegna dei prototipi avviene in tre giorni al massimo".

L'incontro tra nuove tecnologie - come la stampa 3D e il laser cut - con il gusto del design italiano legato al concetto del "su misura", è stato oggetto di una conferenza tenuta a San Francisco lo scorso 23 giugno, da Chris Anderson, guru della tecnologia e ex direttore di Wired Usa, e Stefano Micelli, autore del libro "Futuro Artigiano". "Siamo in California per convincere la Silicon Valley che ha bisogno dell'Italia per affrontare il problema della bellezza e da questa alleanza può nascere una terza rivoluzione industriale", aveva detto in un'intervista Piero Bassetti, presidente della fondazione milanese Giannino Bassetti e organizzatore dell'evento.

In effetti la stampa 3D sta conquistando tutti i settori che richiedono maggior "personalizzazione" dei prodotti, come quello medico. Nelle ultime settimane la stampa americana ha raccontato di esperimenti sorprendenti, dalla realizzazione di una protesi per un'anatra che aveva perso una zampa, alla più futuristica creazione di un orecchio bionico nei laboratori dell'università Princeton.

Tuttavia nel design non si tratta solo di rivoluzionare gli strumenti, ma anche la figura degli artigiani. Il gruppo "Ermes Ponti per esempio ha creato il 'falegname evoluto', un artigiano che riesce a portare a termine da solo tutto il processo, dalle misure alla produzione fino all’allestimento conclusivo", ha spiegato Paccagnella. "Andando a realizzare dei negozi di moda in Cina si è chiesto come facciano i cinesi a fare tutto in tre settimane e quindi ha semplificato il procedimento: essendo in grado di fare anche i rilievi, i falegnami ora riescono a consegnare tutto in meno di un mese. Anche se il risultato è rimasto invariato, i tempi di consegna sono competitivi con quelli di un contractor cinese, così come i prezzi: Ermes Ponti costa al massimo il 10 -15 per cento in più".

Alle aziende coinvolte nella showroom vivente di Design-Apart è richiesto, oltre a un pezzo per l'arredamento dello spazio da lasciare al proprietario, un contributo annuale che varia da 30 mila dollari - per i marchi che producono prodotti più "importanti", tipo divani e cucine - ai 10 mila, per coloro che invece forniscono oggetti e particolari decorativi, come le ceramiche. "Avendo coinvolto attivamente i proprietari immobiliari nel progetto siamo riusciti a ridurre sensibilmente tutti i costi iniziali solitamente necessari all'avvio di showroom internazionali", ha raccontato Paccagnella, "e con un capitale iniziale di 400.000 dollari riusciamo a guardare ad una prima fase di crescita senza la necessità di venture capital o altri operatori finanziari". Un prezzo molto basso, per conquistare una vetrina nel cuore di Manhattan, se si considera che a Soho per affittare uno spazio si deve spendere in media 6-700.000 dollari all'anno. "E poi qualsiasi showroom deve sostituire la roba dopo un anno e si trova costretta a svendere tutto, mentre noi lasciamo una casa completamente arredata a un proprietario che intende valorizzarla, e per di più azzeriamo tutti i costi aggiuntivi di trasporto", racconta Paccagnella. L'inizio dei lavori è fissato per il primo settembre, e fino all'inaugurazione, prevista per metà ottobre, lo spazio sarà aperto a scuole di design e studi di architettura newyorchesi che vogliono andare a seguire i lavori. E dopo un anno? "Ci sono già candidati per il 2014-1015- ha detto Paccagnella - e credo che la nostra scelta cadrà su un loft di Tribeca".

Altri Servizi

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Trump: "Cancelliamo" accordo Obama-Cuba ma è una mezza verità

Maggiori restrizioni su viaggi e business ma le relazioni diplomatiche restano aperte come le rispettive ambasciate

Donald Trump ha attaccato l'amministrazione precedente, quella democratica di Barack Obama, rea dal suo punto di vista di avere realizzato un disgelo con il regime cubano per la prima volta in mezzo secolo. Come suo solito il presidente Usa vuole dettare le sue condizioni rendendo più complicato per gli americani viaggiare sull'isola comunista e per le aziende fare business all'Avana. Ma anche se ha promesso di "cancellare completamente" le misure volute dal suo predecessore, alcune di loro restano in vigore.

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

L'ordine allo staff di Trump: conservare il materiale utile alle indagini sulla Russia

Per il Nyt, è un'altra prova che l'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, si è ampliata

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo riferisce il New York Times, citando un documento ottenuto.