New York: Italia grande protagonista del Summer Fancy Food Show 2017

Trecento imprese alla fiera dedicata a specialità food e beverage. Verso numero record di visitatori

Conto alla rovescia per la 63esima edizione del Summer Fancy Food Show, la fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande più grande del Nord America e in programmazione dal 25 al 27 giugno 2017 presso il Jacob Javits Center di New York. Ancora una volta l'Italia sarà protagonista con un suo padiglione dove, alla presenza di 300 imprese, ci si aspetta un nuovo record di presenze. La prima novità di quest'anno sta negli stand, con un design nuovo e moderno pensato per espositori e visitatori che troveranno gli spazi ancora più orientati al business. L'altra novità il lancio della prima edizione dell'Italian Food Awards USA 2017, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Usa che fino ad ora si è svolto in Europa; questa edizione del premio è stato istituito dalla rivista Italianfood.net, in collaborazione con Universal Marketing e il sostegno di Specialty Food Association (Sfa) e l'agenzia ICE. Nel corso della cerimonia di premiazione, Marco de Ceglie - Ceo Usa dell’azienda olearia Filippo Berio, che quest'anno celebra i suoi 150 anni di attività - consegnerà il Premio speciale “Welcome to USA‟. "Siamo felici, perché anche quest’anno il famoso talento italiano per l'innovazione e per lo stile sarà in mostra al Summer Fancy Food Show", ha dichiarato Phil Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, che in una nota si è detta "molto lieta di presentare Italian Food Awards durante il salone di quest’anno. Sarà la prima volta che il premio sarà presentato in America. L'Italia rappresenta la più grande presenza internazionale nel nostro Show, è il primo evento che riunisce i produttori italiani e buyer americani. L’Italian Food Awards certamente aggiunge novità e innovazione al nostro Salone".

"Anche nel 2017 l'Italia è leader al Summer Fancy Food di New York", ha aggiunto Maurizio Forte, direttore Agenzia ICE New York e Coordinamento USA. "Con oltre 300 imprese che esporranno sotto l'ombrello del marchio distintivo 'The Extraordinary Italian Taste' il nostro Paese conferma il forte interesse per il mercato Usa che nel 2016 ha assorbito 4,553 miliardi di dollari di prodotti italiani in crescita del 4% rispetto al 2015. L’Italia si è distinta come primo fornitore di vino, olio d’oliva, pasta, formaggi e acqua minerale", ha continuato. "E’ un'edizione speciale questa del Summer Fancy Food Show 2017 a New York", ha dichiarato Donato Cinelli, agente unico per l'Italia della Specialty Food Association e produttore del padiglione italiano. "Abbiamo ripesanto al layout del Padiglione Italia, nato seguendo innanzitutto le esigenze di chi lavora durante i giorni di fiera; abbiamo riscontrato il particolare gradimento da parte degli espositori, entusiasti di questa importante innovazione". In più - ha continuato Cinelli - "abbiamo contribuito a portare al Fancy Food, l'Italian Food Awards il premio internazionale dedicato alle aziende italiane che operano negli Usa. Anno dopo anno contribuiamo a migliorare un evento come il Fancy Food Show che ormai è uno dei saloni del Food tra i più importanti al mondo". Barbara Bosini, Project Manager di ItalianFood.net, si è detta onorata "che la prima edizione statunitense degli Italian Food Awards abbia luogo al Summer Fancy Food Show e che sia questo evento a dare voce ai prodotti italiani più innovativi. Per noi sarà anche molto interessante osservare come gli operatori del retail e del food service negli Stati Uniti, il mercato più ricettivo al mondo sul fronte delle nuove tendenze mondiali, valuteranno la creatività dei prodotti italiani per ogni categoria del food & beverage”.



Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

Gli analisti temono un netto rialzo delle nuove richieste
AP

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

Powell: "Lavoriamo per sostenere gli americani, Usa forse già in recessione"

Il governatore della Fed intervistato dalla Nbc. Sull'ipotesi del presidente Trump di far ripartire il Paese entro Pasqua, non si sbilancia: "Seguiamo gli esperti"
AP

Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, si è rivolto agli americani durante un'intervista alla Nbc, assicurando che la banca centrale statunitense "sta lavorando duramente per sostenervi ora". Il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari approvato la scorsa notte al Senato darà un "sollievo immediato" ai lavoratori colpiti dalla chiusura delle attività provocata dall'epidemia di coronavirus, ha detto Powell.

Coronavirus, Kudlow: "Il terzo pacchetto di aiuti vale più di 2.000 miliardi di dollari"

Il piano è in discussione al Congresso, Trump spera in un'approvazione entro lunedì
Gage Skidmore /Gage Skidmore

Il terzo pacchetto di aiuti discusso al Congresso statunitense per contrastare l'impatto della pandemia di coronavirus vale più di 2.000 miliardi di dollari. Lo ha detto il massimo consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, parlando con i giornalisti prima di un incontro con i senatori repubblicani. Si tratta di un piano che, quindi, vale circa il 10% del Pil statunitense.

Il vicegovernatore del Texas: "Torniamo al lavoro, nonni pronti al 'sacrificio'"

Con le misure contro il coronavirus, l'economia Usa rischia di crollare. Anche il presidente Trump 'insofferente'

Il vicegovernatore del Texas, il repubblicano Dan Patrick, ha dichiarato ieri sera che gli Stati Uniti dovrebbero tornare al lavoro e che le persone con più di 70 anni sono pronte a "correre il rischio" di ammalarsi di Covid-19 per il bene dell'economia del Paese. Patrick, che sta per compiere 70 anni, ha detto che correrà il rischio come cittadino anziano per il bene degli Stati Uniti e di credere che ci siano "molti nonni nel Paese" che la pensano allo stesso modo. "Nessun me lo ha chiesto, ma se lo scambio è correre un rischio sulla mia sopravvivenza" per salvare l'economia per figli e nipoti, "io ci sto". 

Coronavirus, Fed: Qe illimitato, 300 miliardi di prestiti alle imprese

"Acquisteremo asset nella quantità necessaria"; servono, ha scritto la Banca centrale in un comunicato, "misure aggressive"

La Federal Reserve ha annunciato che acquisterà una quantità illimitata di titoli di Stato e titoli garantiti da ipoteche su immobili per sostenere il mercato finanziario, travolto dall'emergenza coronavirus, e facilitare una trasmissione efficiente della sua politica monetaria. Nella nota, la Fed ha comunicato che acquisterà asset "nella quantità necessaria", dopo aver precedentemente fissato un limite a 700 miliardi di dollari, e che aprirà nuove linee di prestito alle imprese, del valore di 300 miliardi di dollari. Nella nota, la Fed ha sottolineato che, per evitare le perdite di posti di lavoro e di reddito, servono "misure aggressive".

Coronavirus, Trump contro Gm e Ford: "Cominciate a produrre ventilatori, ora!"

Duro attacco del presidente Usa su Twitter, mentre l'emergenza negli Usa si allarga
Ap

Duro attacco del presidente statunitense Donald Trump contro General Motors e Ford, su Twitter, in un momento in cui il Paese cerca risorse e dispositivi per combattere il nuovo coronavirus. "General Motors deve immediatamente aprire la sua fabbrica stupidamente abbandonata di Lordstown in Ohio, o qualche altra fabbrica, e cominciare a produrre ventilatori, ora! Ford, inizia a fare i ventilatori, velocemente!".

Coronavirus, Usa: accordo in Senato su un piano di aiuti da 2.000 miliardi

Piano senza precedenti nella storia nazionale, che vale il 10% del Pil. Il passaggio alla Camera, però, potrebbe non essere senza ostacoli
Ap

Dopo giorni di trattative, i senatori statunitensi e l'amministrazione Trump hanno raggiunto un accordo sul più grande piano di aiuti nella storia del Paese, che avrà l'obiettivo di mitigare gli effetti devastanti della pandemia di coronavirus sull'economia nazionale; il piano vale circa 2.000 miliardi di dollari, ovvero il 10% del Pil nazionale.

Coronavirus, Trump: "Vorrei far ripartire il Paese entro Pasqua"

Il presidente Usa insofferente verso le misure restrittive: "Tenere distanza sociale e lavorare, si può"
Ap

"Mi piacerebbe riaprire il Paese entro Pasqua", ovvero il 12 aprile. Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, a Fox News. Il presidente ha più volte detto che "la cura non può essere peggio del problema", affermando poi che "si può mantenere la distanza sociale e tornare al lavoro".