A New York la consegna del 2016 Fiac Excellency Award a Davide Gasparotto e Eike Schmidt

Un veneto a Los Angeles e un tedesco a Firenze: ecco i vincitori del premio americano per l'arte italiana

Il 26 gennaio si è svolta al Tennis and Racquet Club di New York la cerimonia di consegna del "2016 Fiac Excellency Award", il premio voluto dalla Foundation for Italian Art & Culture (Fiac) per onorare figure di primo piano nella cultura italiana che operino sia in Italia sia negli Stati Uniti. Il riconoscimento, che è stato istituito nel 2005, premia per la prima volta un tedesco come vincitore "italiano" e un italiano come vincitore "americano". I due premiati sono il direttore della Galleria degli Uffizi di Firenze Eike Schmidt, e il Senior Curator del dipartimento di pittura del Getty Museum di Los Angeles Davide Gasparotto. 

Gasparotto ha studiato Storia dell'Arte e Archeologia Classica all'Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore ed è stato il Direttore della Fondazione Piero della Francesca a Sansepolcro. E' stato per dodici anni curatore presso la Galleria Nazionale di Parma e la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Parma e Piacenza, e in seguito è stato direttore della Galleria Estense di Modena, dove ha supervisionato il restauro completo del museo e della collezione d’arte dopo il terremoto del 2012. Ha pubblicato estesamente sull’arte toscana, veneta, emiliana e lombarda dal XVI al XVIII secolo. Recentemente è stato uno dei curatori delle mostre "Louis Style. French Frames 1610-1792" (Getty Museum, 2015) e "The Shimmer of Gold: Giovanni di Paolo in Renaissance Siena" (Getty Museum, 2016). Attualmente sta lavorando ad una mostra su Giovanni Bellini che si terrà al Getty nell'autunno 2017. La sua prima acquisizione di pittura per il Getty Museum è stata Danae (circa 1621-1623) di Orazio Gentileschi.

Schmidt è uno storico dell’arte tedesco nato a Friburgo. Ha lavorato e vissuto a lungo in Italia, in particolare a Firenze, dove dal 1994 al 2001 è stato borsista e ricercatore presso il Deutsches Kunsthistorisches Institut. Dal 2001 al 2006 è stato curatore e ricercatore alla National Gallery of Art di Washington, e poi curatore del Dipartimento di Sculture e Arti Decorative al J. Paul Getty Museum di Los Angeles. In seguito è stato direttore e capo del Dipartimento di Scultura e Arti Applicate Europee a Sotheby’s (Londra) e curatore e capo del Dipartimento di Scultura, Arti Applicate e Tessili al Minneapolis Institute of Arts. Nel 2009 ha conseguito con lode il dottorato di ricerca in storia dell’arte alla Ruprecht-Karls-Universität con una tesi su “La collezione medicea di sculture in avorio nel Cinquecento e Seicento”. Dal 2011 al 2015 è stato membro del Comitato Scientifico della fiera “TEFAF – The European Fine Art Fair” di Maastricht, Paesi Bassi. Dal novembre del 2015 è direttore delle Gallerie degli Uffizi di Firenze. Esperto di fama internazionale in arte fiorentina, ha pubblicato svariate monografie e decine di saggi. E' stato sette volte vincitore dei “Museum Acquisitions of the Year” della rivista “Apollo” con opere d’arte acquistate per il J. Paul Getty Museum e il Minneapolis Institute of Arts.

"Il Dr. Eike Schmidt e il Dr. Davide Gasparotto hanno promosso il più alto livello di arte italiana negli Stati Uniti e in Italia ", ha detto Alain Elkann, presidente di Fiac. "Entrambi hanno dedicato la loro vita all'arte italiana e FIAC è onorata di consegnare loro questo premio".

A consegnare il riconoscimento, oltre al presidente Elkann, ci sarà il chairman Daniele Bodini.

Fiac è un’associazione no-profit che ha sede a New York, fondata nel 2003. Il suo scopo principale è quello di promuovere la conoscenza e l'apprezzamento delle tradizioni culturali e artistiche italiane dal periodo classico ai tempi moderni negli Stati Uniti. L’attivita’ di FIAC è iniziata con il prestito della Fornarina di Raffaello alla Frick Collection di New York nel 2004. L'anno successivo, FIAC ha contribuito a portare al Metropolitan Museum of Art tre capolavori di Antonello da Messina, tra cui La Madonna dell'Annunziata. Altri prestiti importanti sono stati l'Antea del Parmigianino alla Frick Collection nel 2008, e in seguito, La Schiava Turca del Parmigianino presso la Frick Collection nel 2014 e La Bella di Tiziano al Kimbell Art Museum, Nevada Museum of Art e Portland Museum of Art nel 2011-2012. Più di recente, il Ritratto la dama con un unicorno di Raffaello della Galleria Borghese di Roma è stato in mostra presso il Cincinnati Art Museum e il Fine Arts Museum di San Francisco da ottobre ad aprile 2016. In seguito, la morte di Cleopatra del Cagnacci e’ stata in mostra presso l'Istituto Italiano di Cultura di New York fino al 19 gennaio 2017. Fiac sta attualmente lavorando ad un’opera di Caravaggio per la primavera 2017. Lavora a stretto contatto con il Ministero della Cultura italiana per il conseguimento della propria missione. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.fiacfoundation.org.

 

Altri Servizi

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.

Wall Street digerisce le minute della Fed

La Federal Reserve ha pubblicato i verbali della riunione del 31 gennaio e del primo febbraio. Atteso un rialzo dei tassi "relativamente presto"
AP

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

Apple: da aprile apre il campus futuristico voluto da Steve Jobs

Ci vorranno sei mesi per trasferire gli oltre 12.000 dipendenti. L'edificio di vetro alimentato interamente da energie rinnovabili
Apple

I dipendenti di Apple inizieranno a trasferirsi nel nuovo quartier generale dal prossimo aprile. Ci vorranno sei mesi per il trasferimento di oltre 12.000 persone nel cosiddetto Apple Park, il campus nel cuore della Santa Clara Valley (California) voluto dal fondatore ed ex numero uno Steve Jobs come "centro di creatività e collaborazione".

Washington Post, nuovo slogan anti-Trump sul sito: "La democrazia muore nell'oscurità"

La scritta è apparsa sotto il nome della testata. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente, invece, "l'oscurità è una cosa buona"
AP

"La democrazia muore nell'oscurità". Da ieri sera, questa scritta appare, in corsivo, sotto il nome della testata della versione online del Washington Post, che porta a un ulteriore livello lo scontro con Donald Trump. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente degli Stati Uniti, invece, "l'oscurità è una cosa buona".

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.