New York ama Renzo Piano

Un tour ha connesso i quattro importanti progetti con cui l'architetto genovese ha messo la firma su Manhattan

New York ama Renzo Piano. A lui ha affidato quattro progetti emblematici - l'estensione della storica Morgan Library, la sede del New York Times, il nuovo Whitney Museum e un campus scientifico della Columbia University - e lui in risposta ha creato quattro progetti permeabili con il tessuto urbano, aperti alla città. "E' l'archietto straniero di cui si sente maggiormente la presenza a New York", spiega Kyle Johnson, membro dell'American Institute of Architects, esperto di architettura newyorchese. Johnson è stata la guida di un tour alla scoperta dei progetti di Piano a Manhattan, un'iniziativa organizzata dalla Cattedra Inserra di Italianistica della Montclair State University in New Jersey e realizzata per l'anno della cultura italiana negli Stati Uniti in collaborazione con l'Istituto italiano di Cultura a New York e il New York Institute of Technology.

Il tour si è fermato nel cantiere per la nuova sede del Whitney Museum, tra l'Hudson River e il Meatpaking District, dove dal 2015 verranno conservate ed esposte le quasi 20.000 opere della collezione del museo ora nell'Upper East Side. La galleria del quinto piano "sarà la più grande di tutta New York", ha assicurato Kevin Shorn, architetto e ingegnere responsabile dell'andamento dei lavori per il museo. Parlando davanti allo scheletro di quello che entro il 2015 diventerà un monolite di cemento bianco e di vetro, il nuovo gioiello dell'arte contemporanea newyorchese, Shorn ha spiegato che il museo avrà diverse aree per la ricreazione e lo svago, compreso un giardino sul tetto dell'adiacente edificio adibito agli uffici amministrativi dell'High Line, il parco sopraelevato di Manhattan. Al piano terreno verrà poi a crearsi una vera propria piazza all'italiana, immersa nella luce naturale, con tanto di ristoranti e bar. A dare da subito un carattere forte e immersivo saranno i quattro ascensori, l'ultima opera dell'artista americano Richard Artschwager, che prima di morire ne ha progettato gli interni. L'arte sarà così parte integrante dell'architettura e del tessuto urbano al tempo stesso.

Tuttavia Piano a New York non sta mettendo la firma solo sul futuro dell'architettura museale, sta anche lavorando per realizzare una nuova sede per accogliere le migliori menti scientifiche del mondo, l'estensione verso Harlem del Campus della Columbia University tra la 125esima strada e la 133esima, non lontano dalla principale sede dell'università. E ha anche lavorato per rinnovare la sede di uno dei più importanti incubatori della memoria della città, la Morgan Library, la storica biblioteca nel cuore di Midtown. Nel 2006 Piano ha connesso tre edifici - realizzati tra la seconda metà del XIX secolo e la prima metà del XX - progettandone un'estensione. Ha fatto costruire un grande atrio vetrato, una piazza all'italiana, da cui si accede da un ingresso a misura d'uomo per poi trovarsi immersi in uno spazio ampio e luminoso, dove sedersi per un caffè o semplicemente fermarsi e guardare. Piano ha creato una struttura dove il confine tra il passato e il presente è trasparente, dove i dettagli catturano lo sguardo, ma poi quasi scompaiono lasciando posto alla luce naturale.

Non si tratta dell'unico progetto di questo tipo: anche a Boston, per l'Isabella Stewart Gardner Museum, Piano ha realizzato un'estensione del museo in vetro e rame ossidato, connettendola - con un lungo corridoio vetrato - all'elegante villa in stile veneziano che ospita la collezione lasciata da Isabella Stewart. L'atrio ampio, la "piazza" coperta che connette l'edificio con la strada, è un elemento che torna anche nel grattacielo realizzato per il New York Times, un'edificio di 52 piani inaugurato nel 2007 e ormai divenuto icona dell'architettura contemporanea a New York. Con un rigore che ricorda un altro emblema di Manhattan, il Seagram di Mies Van Der Rohe, l'edificio guarda al futuro con una struttura pensata per il risparmio energetico (un punto - quello della cura per l'ambiente - molto caro all'architetto genovese anche nell'ambito della sua agenda politica come senatore a vita). Il piano terreno, aperto al pubblico nei giorni lavorativi, è uno spazio permeabile con la strada, dove l'atrio, il giardino centrale e l'auditorium si possono catturare in una sola occhiata, separati solo da vetrate e colonne d'acciaio dal carattere post industriale, memore di quella Genova che Piano lo ha visto nascere.

Altri Servizi

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi a statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, non riceverà il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, dopo la decisione del presidente Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale d'Israele. L'ha confermato il consigliere diplomatico di Abu Mazen, Majdi al Khaldi. "Non ci sarà un incontro con il vicepresidente americano in Palestina" ha detto al Khaldi. "Gli Stati Uniti hanno superato la linea rossa con la decisione su Gerusalemme".

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La democrazia americana è sempre più fragile e potrebbe fare la fine della Germania nazista degli anni '30 del secolo scorso se non si agisce. E' stato sostanzialmente questo il messaggio lanciato da Barack Obama ai suoi concittadini. Senza mai fare alcun nome, il 44esimo presidente statunitense ha di fatto paragonato il suo successore, Donald Trump, ad Adolf Hitler.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

Bitcoin: in poche ore supera i 12.000 e i 13.000 dollari per la prima volta

Stephen Roach, ex economista di Morgan Stanley, avverte: è un "concetto tossico per gli investitori". Conto alla rovescia per il lancio di future

Il rally di Bitcoin non sembra conoscere sosta. La valuta virtuale ha prima superato i 12.000 dollari per la prima volta e poi si è spinto oltre i 13.000 dollari continuando a inanellare un record dietro l'altro. La soglia degli 11.000 punti era stata conquistata il 29 novembre, quella dei 10.000 dollari era stata raggiunta meno di 24 ore prima e soltanto a ottobre la criptovaluta valeva 5.000 dollari. Il 2017 era iniziato sotto i mille dollari.

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Il consigliere economico della Casa Bianca, Gary Cohn, ha tentato di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Donald Trump e gli Stati americani (soprattutto di orientamento democratico) preoccupati dall'eliminazione o riduzione di una deduzione fiscale che rischia di finire nella riforma fiscale su cui stanno lavorando i repubblicani al Congresso.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.