A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Dopo le violenze esplose il 12 agosto scorso a Charlottesville, la città della Virginia dove suprematisti bianchi si erano riuniti per protestare contro la rimozione di una statua di un leader sudista, le statue di Cristoforo Colombo sono diventate improvvisamente un tema scottante. La sua reputazione controversa non è mai stata un segreto: il famoso storico , nel suo "A people's history of the United States", ha fornito un resoconto dettagliato dell'arrivo dell'esploratore nelle Americhe il 12 ottobre 1492, del suo incontro con gli indiani Arawak, della costruzione (sotto la sua supervisione) della prima base militare europea nell'emisfero occidentale e di quello che Zinn ha definito i suoi due principali obiettivi: "schiavi e oro". Eppure con la crescente popolarità in Usa di nazionalisti bianchi e di espressioni d'odio, anche Colombo è finito nel calderone delle polemiche. E diverse città tra cui Los Angeles hanno deciso di cancellare il Columbus Day dal calendario delle festività cittadine; nella città della California, il secondo lunedì di ottobre d'ora in poi sarà dedicato a commemorare "le popolazioni indigene, aborigene e native, vittime del genocidio". A New York City si teme che si possa arrivare a tanto. E, nel breve termine, che le statue dell'esploratore - recentemente vandalizzate - vengano rimosse. Perché dopo i fatti di Charlottesville, de Blasio ha istituito una commissione (che si riunirà martedì prossimo) per decidere il destino di monumeti controversi.

All'evento di ieri all'insegna dei colori della bandiera italiana, de Blasio si è guardato bene dal menzionare il nome dell'esploratore. Nonostante la sua rielezione il 7 novembre prossimo sia garantita, il primo cittadino democratico ha chiaramente preferito evitare le polemiche. Sul fatto che il suo ricevimento sia stato boicottato, lui ha detto a margine: "Questo è un Paese libero. Se scelgono di non venire a un evento che onora il nostro passato, è una loro scelta". Accogliendo i presenti alla "casa del popolo", il primo cittadino i cui nonni sono arrivati in Usa da Grassano (Matera) e a Sant'Agata dei Goti (Benevento) si è detto "orgoglioso" dei "contributi incredibili" che gli italoamericani hanno dato alla città e alla nazione intera. Ha ricordato le discriminazioni vissute dagli italiani appena sbarcati in Usa il secolo scorso e della "fierezza" di chi si è appigliato comunque alle proprie origini per resistere. "Ancora oggi nei media ci sono stereotipi" negativi, ha detto dal palco spiegando che le poche "mele cattive" contrastano con i "25 milioni di italoamericani che lavorano sodo e rispettano la legge". A chi, come lui, è "fortunato di essere italoamericano", de Blasio ha consigliato di portare i figli nei luoghi italiani di origine come ha fatto lui con Dante e Chiara: perché serve "preservare" anche la lingua italiana e non solo la cultura e il cibo di cui il nostro Paese è famoso in Usa.

E' stato "l'ospite molto speciale" della serata, l'ambasciatore italiano in Usa Armando Varricchio, a non limitarsi a dirsi "orgoglioso" dei risultati e dei successi degli italiani e degli italoamericani in Usa. Dopo il ministro degli Esteri Angelino Alfano, che durante la settimana dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite aveva visitato la statua di Colombo a Columbus Circle, il diplomatico è arrivato appositamente a New York da Washington per dire che tutti "dovrebbero essere orgogliosi di questo esploratore, che ha alzato le vele, con una tecnologia all'epoca scarsa, andando a Ovest per raggiungere l'Est e arrivando su questa costa grandiosa" che fu poi il fiorentino Amerigo Vespucci a capire che era un continente diverso dall'Asia. Per Varricchio, Colombo "ha contribuito alla connessione" tra il Vecchio e il Nuovo mondo "permettendo scambi commerciali e di idee". Dopo tanti secoli, ha concluso l'ambasciatore, Italia e Usa sono in prima linea "nell'innovazione, nella prosperità, nella crescita; i nostri militari lavorano fianco a fianco per portare pace e stabilità nel mondo", un mondo che "vogliamo sia in pace e prospero per tutti". Stando al diplomatico, "non c'è altra alleanza come questa che ci tiene insieme; essa ha una lunga storia e un futuro altrettanto lungo davanti a sé".

Quando lo ha ringraziato per il suo discorso, De Blasio ha fatto finta di niente. Un mese fa era stato un altro italoamericano a difendere le statue di Colombo a New York: il governatore Andrew Cuomo; per lui sono "semplicemente un modo per onorare gli italoamericani". Mentre gli agenti di polizia sono stati piazzati a difendere da potenziali attacchi la statua di Colombo al lato sudoccidentale di Central Park, la vicenda potrebbe chiudersi con tanto rumore per nulla. L'ufficio del sindaco italoamericano ha detto ad America24 che "non c'è alcun piano di toccare la statua di [Cristoforo] Colombo" a Columbus Circle. Quanto alla commissione, la settimana prossima "non fornirà alcuna raccomandazione specifica o linea guida fino alla fine di un periodo di revisione di 90 giorni, ossia fino a dicembre", hanno fatto sapere dall'amministrazione de Blasio. Al posto della rimozione della statua, il piano B potrebbe essere semplicemente quello di aggiungerci una targa che fornisca il contesto storico legato alle avventure dell'esploratore.

Altri Servizi

Processo a Manafort, senza verdetto la prima giornata in camera di consiglio della giuria

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre. La prima giornata in camera di consiglio è finita senza verdetto. I giurati hanno chiesto chiarimenti al giudice, anche sulla definizione di "colpevolezza oltre ogni ragionevole dubbio".

Quale era l'intento reale di Elon Musk quando, il 7 agosto scorso, ha scritto una serie di tweet annunciando la sua intenzione di delistare la sua Tesla con una maxi operazione di buyout per la quale a sua detta i fondi erano "garantiti"? E' questa la domanda a cui la Securities and Exchange Commission sta cercando di rispondere.

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade