News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Secondo il miliardario proprietario del Wall Street Journal attraverso il gruppo News Corp, il social network e la controllata di Alphabet "hanno popolarizzato fonti scurrili di informazione attraverso algoritmi che sono redditizi per quelle piattaforme ma sono intrinsecamente non affidabili. Riconoscere un problema è il primo passo verso la cura ma le misure correttive che entrambe le aziende hanno fino ad ora proposto sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico".

In un comunicato diffuso da News Corp, di cui è presidente esecutivo, Murdoch ha tacitamente fatto riferimento alle recenti novità introdotte da Facebook, che vuole dare maggiore visibilità ai post di amici e parenti dei suoi due miliardi e più di utenti a scapito di quelli dei gruppi media. Il social network inoltre vuole che siano i suoi iscritti a giudicare l'affidibilità di una fonte di informazione. Lo scorso settembre, invece, Google aveva teso la mano verso gli editori mettendo fine a un programma che consentiva agli internauti di leggere gratuitamente articoli trovati su Google Notizie altrimenti sottoposti a un paywall. Il Wall Street Journal però si lamentò sostenendo che Google discriminava i suoi contenuti.

Murdoch ha detto di non avere dubbi che il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, "sia una persona sincera" ma secondo lui "c'è ancora una mancanza seria di trasparenza che dovrebbe preoccupare gli editori e coloro che sono consapevoli dei preconcetti politici diffusi in queste piattaforme potenti".

Ecco allora che il magnate dei media offre una soluzione: "Se Facebook vuole riconoscere editori 'di fiducia' allora dovrebbe pagare a quegli editori una commissione simile al modello adottato dalle società via cavo". Colui che è anche a capo del colosso dell'intrattenimento 21st Century Fox si ispira al sistema adottato da televisioni via cavo: distributori come Comcast e AT&T pagano commissioni ai proprietari di reti tv che attraggono spettatori.

Per Murdoch, "gli editori stanno ovviamente potenziando il valore e l'integrità di Facebook attraverso le loro notizie e i loro contenuti ma non sono adeguatamente ricompensati per questi loro servizi".

Il titolo Facebook da inizio anno ha guadagnato il 4% e negli ultimi 12 mesi il 45%. Le azioni di Classe A di News Corp nel 2018 sono salite di oltre il 5% e nell'ultimo anno di quasi il 43%. Il titolo di Classe A di Alphabet, controllante di Google, da inizio mese ha aggiunto il 10% e negli ultimi 12 mesi il 40%.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock