News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Nei tre mesi al 30 giugno scorso l'azienda editoriale ha registrato una perdita trimestrale di 355 milioni di dollari contro quella da 424 milioni dello stesso periodo dell'esercizio 2017. News Corp ha giustificato il buco citando la combinazione di Foxtel e Fox Sports Australia, ora una delle pay-tv più grandi d'Australia. Gli utili per azione al netto di voci straordinarie sono calati a 8 da 10 centesimi contro i 6 centesimi attesi dal mercato. I ricavi trimestrali sono saliti del 29% a 2,69 miliardi di dollari da 2,08 miliardi dello stesso arco temporale dell'esercizio precedente, oltre il consenso fermo a 2,65 miliardi.

Nell'intero esercizio la perdita è stata di 1,4 miliardi di dollari, superiore a quella da 643 milioni del 2017, colpa di svalutazioni per 998 milioni legate a Foxtel e, tra gli altri fattori, un impatto di 237 milioni dato dalla riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale. I ricavi sono invece saliti grazie ai servizi immobiliari digitali, "che continuano a fiorire", alla divisione libri e a un impatto positivo di 172 milioni di dollari dato dalle fluttuazioni valutarie. Le vendite sono state tenute a freno, secondo News Corp, da un calo della pubblicità su carta stampata e dal fatturato della divisione che produce informazione.

In particolare, la divisione "News and information" ha visto un aumento delle vendite trimestrali dell'1% annuo a 1,29 miliardi. In un anno i ricavi sono saliti dell'1% a 5,12 miliardi. In questa divisione, gli introiti da pubblicità sono scesi nel quarto trimestre fiscale del 2%, complice la decisione di mettere fine alle edizioni cartacee internazionali del Wsj. Le vendite in edicola e da abbonamenti sono salite del 5% grazie al contributo dell'agenzia Dow Jones e a un aumento degli abbonamenti alla versione digitale del Wall Street Journal. Hanno aiutato anche un aumento dei prezzi e i cambi valutari. Rispetto al fatturato totale di questa divisione, il 30% è arrivato dal digitale ossia il 4% in più sull'anno precedente. Il Wall Street Journal contava 1,590 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 giugno (100mila in più in tre mesi) contro 1,270 milioni di 12 mesi prima. Per un confronto al 30 giugno scorso il New York Times contava 3,8 milioni di abbonati totali, di cui 2,9 milioni solo digitali e secondo il Ceo Mark Thompson "presto" si arriverà a un totale di 4 milioni, di cui 3 milioni digitali.

Nella piccola ma in crescita divisione dei servizi immobiliari digitali, il giro d'affari è aumentato tra aprile e giugno del 19% a 299 milioni e nel 2018 c'è stato un +22% a 1,14 miliardi, merito dei siti REA Group e Move.

Nella divisione libri il fatturato trimestrale è cresciuto del 20% a 490 milioni di dollari; quello annuale è aumentato del 7% a 1,758 miliardi. Per il Ceo, il successo di HarperCollins "sottolinea l'importanza di editori intelligenti e di grandi scrittori che creano contenuti premium. Gli algoritmi non sono ancora capaci di scrivere bei libri".

In attesa dei conti, arrivati a mercati chiusi, il titolo di classe A di News Corp aveva guadagnato lo 0,79% a 15,26 dollari. Nel dopo mercato è sceso dello 0,39%. Da inizio anno ha perso il 5,86% ma in 12 mesi è salito del 7,69%.

Altri Servizi

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

AP

Vendite illecite di armi, consegne di carburanti fatte di nascosto, transazioni finanziarie proibite. L'Onu sostiene di avere a disposizione nuove prove che dimostrano come, attraverso le attività citate, la Corea del Nord stia continuando a violare le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal citando il contenuto di un nuovo rapporto ancora top secret preparato da un organismo del Palazzo di vetro che monitora la compliance delle sanzioni.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Sgarbo dei sauditi a Tesla: investono nella rivale Lucid Motors

Ironia vuole che la start-up californiana sia stata cofondata da un ex vicepresidente del gruppo di Elon Musk. Con il miliardo di dollari di Riad, punta a lanciare prima vettura elettrica nel 2020
Lucid Motors

Tesla soffre a Wall Street con un calo del 2% a 289,2362 dollari. A pesare sulle quotazioni non è solo "l'inferno" - così lo ha definito il Ceo Elon Musk - delle consegne (in ritardo) delle sue vetture ma anche e soprattutto il fatto che il fondo sovrano saudita abbia investito in un'azienda rivale ironicamente co-fondata nel 2007 da un ex vicepresidente e membro del cda di Tesla (Bernard Tse).

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.