News Corp torna all'utile, al lavoro con Google e Facebook per attirare abbonati

Nel suo primo trimestre fiscale, profitti superiori alle stime. Bene anche i ricavi. Il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre
iStock

Grazie a un calo delle spese a fronte di una contrazione degli introiti pubblicitari su carta stampata, News Corp è riuscito a tornare all'utile nel suo primo trimestre fiscale dell'esercizio 2018.

L'azienda che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha registrato profitti attribuibili ai suoi soci di 68 milioni di dollari nei tre mesi al 30 settembre scorso contro un rosso da 15 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. Gli utili per azione sono stati di 12 centesimi contro una perdita di 3 centesimi dell'anno precedente. Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono passati a 7 centesimi da una perdita di 1 centesimo del periodo luglio-settembre 2016. Le stime degli analisti sono state superate di 6 centesimi.

I ricavi trimestrali sono saliti del 5% a 2,06 miliardi di dollari da 1,97 miliardi dello stesso arco temporale dell'esercizio precedente, oltre il consenso fermo a 1,98 miliardi. In particolare, la divisione "News and information", quella che genera poco meno di due terzi del fatturato totale, ha visto un aumento delle vendite del 2% a 1,24 miliardi. In questa divisione, gli introiti da pubblicità sono rimasti fermi rispetti a 12 mesi prima dopo vari trimestri in calo, con un "modesto" incremento per quelli digitali che è stato controbilanciato dalla "debolezza" di quelli su carta stampata; le vendite in edicola e da abbonamenti sono salite del 3% grazie al contributo dell'agenzia Dow Jones e a un aumento del prezzo di copertina nelle controllate News Corp Australia e News UK. Rispetto al fatturato totale di questa divisione, il 27% è arrivato dal digitale ossia il 3% in più sull'anno precedente. Nel periodo di riferimento il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre contro i 967 mila di 12 mesi prima.

Nella piccola ma in crescita divisione dei servizi immobiliari digitali, il giro d'affari è aumentato del 20% a 271 milioni. Per il Ceo Robert Thomson, queste attività "sono sulla strada giusta per una crescita significativa nei trimestri a venire". Nella divisione libri il fatturato è cresciuto del 3% a 401 milioni di dollari. Nella divisione delle reti via cavo le vendite sono salite del 13% a 145 milioni.

Thomson ha spiegato di "avere buone ragioni per essere ottimista sul futuro delle nostre attività media premium, alla luce dei notevoli cambiamenti accordati con Google nell'indicizzazione di contenuti d'informazione". Il riferimento è alla disponibilità di Google a mettere fine al programma chiamato First Click Free, che consentiva agli internauti di leggere gratuitamente articoli trovati su Google Notizie altrimenti sottoposti a un paywall. La mossa potrebbe portare a un aumento degli abbonamenti sui siti che richiedono una registrazione, una fonte di ricavi essenziale in tempi di inserzioni pubblicitarie in calo su carta stampata. Il Ceo di News Corp ha spiegato che "questi cambiamenti seguono quasi un decennio di pressing fatto da News Corp, che ha portato il mondo a comprendere la minaccia a e le opportunità per il giornalismo di qualità nell'era digitale. Stiamo continuando le nostre discussioni con Google e Facebook su come facilitare ulteriormente gli abbonamenti e la condivisione consentita di dati personali", cosa che permetterebbe (grazie anche all'intelligenza artificiale) ai gruppi editoriali di affinare la vendita di abbonamenti rendendoli su misura. Thomson si è detto pronto a servire gli inserzionisti con "dati che sono affidabili, non risibili".

In attesa dei conti, arrivati a mercati chiusi, i titoli di classe B di News Corp avevano guadagnato il 2% a 14,75 dollari. Nel dopo mercato sono saliti dello 0,3%. Da inizio anno hanno guadagnato il 25% e in 12 mesi il 19,4%.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Russiagate, Media Usa: il viceministro della Giustizia si dimette prima di essere licenziato

Rosenstein ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca
AP

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, avrebbe presentato verbalmente le proprie dimissioni al capo di gabinetto, John Kelly, prima di essere licenziato dal presidente Donald Trump. Lo rivela Axios, citando una fonte a conoscenza dei fatti. "Si aspetta di essere licenziato" e, per questo, ha intenzione di dimettersi, ha aggiunto la fonte.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock