Newt Gingrich fiamma repubblicana del momento

L’ex presidente della Camera ha vinto il dibattito sulla sicurezza nazionale, ma ha preso un rischio sul tema dell’immigrazione clandestina.

Newt Gingrich è stato il vincitore del dibattito repubblicano tenutosi martedì sera a Washington e trasmesso in diretta da CNN. L’ex presidente della Camera è apparso più che mai sicuro di sé, certo rinvigorito anche dai risultati degli ultimi sondaggi, che lo danno ora in testa davanti a Mitt Romney. L’ex governatore del Massachusetts, dal canto suo, è stato meno protagonista del solito, ma la cosa probabilmente non gli dispiace. A questo punto della stagione elettorale, Romney mira a mostrarsi solido e attento, ma non a fare notizia in questa apparentemente infinita serie di faccia-a-faccia televisivi. La sua strategia sembra fondata sulla convinzione che i rivali costruiranno e distruggeranno, saliranno e scenderanno nei sondaggi, ma, al momento buono, si faranno da parte per lasciare spazio a lui.

Tra gli altri, si sono distinti Ron Paul, cui è stato concesso più tempo per illustrare le proprie posizioni in fatto di sicurezza nazionale, peculiari rispetto al resto del gruppo, e Jon Huntsman, che ha offerto forse la performance migliore dell’anno, puntando sulla propria esperienza in politica estera. È stata una buona serata anche per Michele Bachmann, competente e sorprendentemente misurata in particolare sulla questione Pakistan. Deludenti, invece, Herman Cain e Rick Perry, che sono apparsi come due pesci fuori d’acqua. Neutro, infine, Rick Santorum, che ha aggiunto poco all’evento, se non un paio di gaffe.

Nonostante il tema della serata fosse la sicurezza nazionale, si è parlato pochissimo della Cina e non è mai stata citata la crisi finanziaria nell’Eurozona e le ripercussioni che potrebbe avere sugli Stati Uniti.

Forse perché, in questo ciclo elettorale, tutto quello che riguarda gli esteri importa relativamente poco agli americani, data la centralità delle questioni economiche e finanziarie, gli otto partecipanti hanno preso parte a un dibattito più di contenuti e meno di slogan del solito, mostrando anche grosse divergenze di opinioni.

Gli scambi più vivaci della serata hanno avuto come oggetto il Pakistan, che Bachmann, convinta della necessità di preservare la difficile relazione tra Washington e Islamabad, ha definito “troppo nucleare per fallire”, mentre altri, a partire da Perry, sarebbero pronti a abbandonare, privandolo degli aiuti americani.

Sull’Afganistan, si sono scontrati Huntsman, che vuole lasciarvi solo 10-15 mila soldati americani, soprattutto per fini di intelligence e addestramento delle forze armate locali, e Romney, che invece sostiene che non si può permettere che questo paese sia “una piattaforma di lancio per i terroristi”.

Il momento più delicato si è registrato forse durante la discussione sull’immigrazione clandestina. Gingrich, altrimenti fedele alla linea del partito, ha preso, invece, un rischio le cui conseguenze si valuteranno solo nei prossimi giorni. L’ex presidente della Camera ha, infatti, scelto di distanziarsi dall’ortodossia repubblicana sugli “illegali”, proponendo che a una parte degli undici milioni di immigrati senza permesso di soggiorno che vivono oggi negli Stati Uniti, quelli che sono qui da più tempo, pagano le tasse e hanno famiglia, sia concessa la possibilità di diventare legali. “Il partito della famiglia non può adottare politiche sull’immigrazione che distruggono la famiglia”, ha dichiarato Gingrich.

Va ricordato che, in seguito a un altro dibattito, Perry è stato duramente attaccato per aver difeso la propria scelta da governatore del Texas di permettere ai figli degli immigrati clandestini di iscriversi all’università statale alle stesse condizioni dei ragazzi americani.

Tutti d’accordo con la linea dura sull’Iran, anche se, a parte un irrigidimento delle sanzioni già in vigore, nessuno dei candidati alla nomination del GOP pare avere idee particolarmente nuove in merito. E c'è intesa anche sul fatto che i sospettati di terrorismo non hanno diritto a avere le stesse protezioni legali di cui godono i normali criminali americani. Su questo tema, l’unica voce discordante è quella di Paul, che su questo genere di questioni non è un repubblicano, ma piuttosto un libertario, isolazionista in politica estera e difensore delle libertà civili ad ogni costo.

Tra le stranezze, Santorum ha chiamato l’Africa “un paese” e si è detto preoccupato dell’alleanza tra militanti socialisti e fondamentalisti islamici in America centrale; Perry si è soffermato a lungo sulle relazioni tra Iran, Hezbollah, Venezuela e Messico; e Romney ha dichiarato che il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad dovrebbe essere processato per “genocidio”.

Altri Servizi

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Trump attacca Maduro e corteggia il voto latinoamericano

Il presidente Usa alla Florida International University per parlare a due platee: gli espatriati e i generali venezuelani

Il presidente statunitense Donald Trump, durante un discorso in programma a Miami, chiederà a Nicolas Maduro di lasciare il potere in Venezuela. Lo farà parlando a due diversi pubblici: i generali che mantengono alla guida del Paese il presidente non più riconosciuto dagli Stati Uniti e le decine di migliaia di venezuelani espatriati, che potrebbero essere decisivi, in Florida, alle elezioni presidenziali del 2020.