Nfl in difficoltà, ma l'America crede nel football: nel 2019 al via un nuovo campionato (primaverile)

Il prossimo anno partirà l'Alliance of American Football, che non sarà nemmeno l'unica novità. Finora, le alternative alla National Football League hanno sempre fallito

Ascolti televisivi in calo, cause in tribunale per i danni permanenti lasciati dalle commozioni cerebrali, fan in rivolta per le proteste dei giocatori durante l'esecuzione dell'inno statunitense, che hanno scatenato anche l'ira del presidente Donald Trump. Per la Nfl non è certamente il momento migliore. C'è però chi continua a credere nel football, e a investirci. Così, il prossimo anno partirà un nuovo campionato, l'Alliance of American Football, al via la domenica successiva al Super Bowl, trasmesso da piattaforme digitali e dalla Cbs.

Football in primavera, dunque. Dall'Usfl alla World League e alla Xfl, l'esperimento è stato più volte tentato, senza fortuna. Ma l'Alliance of American Football ha, per gli esperti, maggiori chance di successo, grazie alle persone coinvolte nel progetto.

L'Alliance è una creazione dell'ex giocatore Bill Polian, divenuto poi uno dei dirigenti più rispettati e di successo nella storia della Nfl, e di Charlie Ebersol, un navigato produttore televisivo e cinematografico. Il padre di Ebersol, Dick, ha creato il Sunday Night Football e ha diretto la programmazione di Nbc Sports per oltre due decenni; Dick Ebersol, un pioniere anche della trasmissione televisiva delle Olimpiadi, farà parte del consiglio di amministrazione. Ex giocatori come Justin Tuck, Hines Ward e Jared Allen avranno un ruolo significativo nella lega.

Polian, che ha trasformato i Bills, i Colts e i Panthers in squadre da Super Bowl, si occuperà delle questioni strettamente legate al football, aiutato dall'ex giocatore e manager J.K. McKay, già coinvolto in altre startup. Il campionato avrà otto squadre, che giocheranno in città e stadi ancora da definirea, anche se si sa che saranno complementari a quelli della Nfl; si giocherà tra febbraio e la fine di aprile, con un clima ben diverso da quello rigido affrontato dalle squadre e dai tifosi della National Football League.

Le squadre saranno composte dai giocatori tagliati dalla Nfl, dai ragazzi del college non scelti durante il draft, da giocatori pronti a tornare nel mondo professionistico e da quelli provenienti dalla Canadian Football League o da altri campionati. "Ci sono decine di migliaia di giocatori che non hanno un lavoro e questo si traduce in centinaia di Kurt Warner" ha detto Ebersol, citato dal New York Times, riferendosi al famoso giocatore che trascorse degli anni nel campionato indoor di football, prima di affermarsi nella Nfl.

L'Alliance sarà proprietaria di tutti i contratti e i giocatori saranno assegnati secondo diversi criteri; per esempio, se un giocatore ha giocato al college o da professionista in Florida, giocherà probabilmente per una franchigia in Florida. Rispetto alla Nfl, il nuovo campionato prevede delle modifiche nel regolamento che serviranno a rendere il gioco più sicuro e veloce, andando incontro alle necessità di atleti e tifosi.

Ebersol ha lavorato per tre anni al progetto Alliance. Lui e Polian, sostenuti dai numeri che mostrano la passione degli statunitensi per questo sport, credono esista un grosso vuoto che la nuova lega potrà riempire. "Il football è dominante per sei mesi. Ci sono milioni di fan che smettono di seguire lo sport quando il campionato Nfl finisce. Quindi milioni di fan di football che non vogliono vedere altro. E ci sono 59 milioni di persone che giocano ai fantasy sport (simile al fantacalcio), ma in 29 milioni smettono quando il football finisce" ha detto Ebersol, citato da Fox Sport.

Per affermarsi, l'Alliance of American Football dovrà superare gli ostacoli contro cui sono andate a sbattere le altre leghe: spese molto alte, copertura mediatica limitata, mancanza di tifosi. Dovrà anche competere con un nuovo campionato per i giovani che vogliono saltare il college e giocare subito a livello professionistico, ovvero il Pacific Pro Football, messo in piedi dall'agente di Tom Brady, Don Yee; inoltre, nel 2020, dovrebbe ripartire la Xfl, la lega che punta a rendere le partite più spettacolari con maggiori scontri fisici: non a caso, il fondatore è Vince McMahon, ex wrestler e promoter, che ha deciso di riprovarci a quasi 20 anni dall'unico campionato disputato (2001).

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.