Nfl in difficoltà, ma l'America crede nel football: nel 2019 al via un nuovo campionato (primaverile)

Il prossimo anno partirà l'Alliance of American Football, che non sarà nemmeno l'unica novità. Finora, le alternative alla National Football League hanno sempre fallito

Ascolti televisivi in calo, cause in tribunale per i danni permanenti lasciati dalle commozioni cerebrali, fan in rivolta per le proteste dei giocatori durante l'esecuzione dell'inno statunitense, che hanno scatenato anche l'ira del presidente Donald Trump. Per la Nfl non è certamente il momento migliore. C'è però chi continua a credere nel football, e a investirci. Così, il prossimo anno partirà un nuovo campionato, l'Alliance of American Football, al via la domenica successiva al Super Bowl, trasmesso da piattaforme digitali e dalla Cbs.

Football in primavera, dunque. Dall'Usfl alla World League e alla Xfl, l'esperimento è stato più volte tentato, senza fortuna. Ma l'Alliance of American Football ha, per gli esperti, maggiori chance di successo, grazie alle persone coinvolte nel progetto.

L'Alliance è una creazione dell'ex giocatore Bill Polian, divenuto poi uno dei dirigenti più rispettati e di successo nella storia della Nfl, e di Charlie Ebersol, un navigato produttore televisivo e cinematografico. Il padre di Ebersol, Dick, ha creato il Sunday Night Football e ha diretto la programmazione di Nbc Sports per oltre due decenni; Dick Ebersol, un pioniere anche della trasmissione televisiva delle Olimpiadi, farà parte del consiglio di amministrazione. Ex giocatori come Justin Tuck, Hines Ward e Jared Allen avranno un ruolo significativo nella lega.

Polian, che ha trasformato i Bills, i Colts e i Panthers in squadre da Super Bowl, si occuperà delle questioni strettamente legate al football, aiutato dall'ex giocatore e manager J.K. McKay, già coinvolto in altre startup. Il campionato avrà otto squadre, che giocheranno in città e stadi ancora da definirea, anche se si sa che saranno complementari a quelli della Nfl; si giocherà tra febbraio e la fine di aprile, con un clima ben diverso da quello rigido affrontato dalle squadre e dai tifosi della National Football League.

Le squadre saranno composte dai giocatori tagliati dalla Nfl, dai ragazzi del college non scelti durante il draft, da giocatori pronti a tornare nel mondo professionistico e da quelli provenienti dalla Canadian Football League o da altri campionati. "Ci sono decine di migliaia di giocatori che non hanno un lavoro e questo si traduce in centinaia di Kurt Warner" ha detto Ebersol, citato dal New York Times, riferendosi al famoso giocatore che trascorse degli anni nel campionato indoor di football, prima di affermarsi nella Nfl.

L'Alliance sarà proprietaria di tutti i contratti e i giocatori saranno assegnati secondo diversi criteri; per esempio, se un giocatore ha giocato al college o da professionista in Florida, giocherà probabilmente per una franchigia in Florida. Rispetto alla Nfl, il nuovo campionato prevede delle modifiche nel regolamento che serviranno a rendere il gioco più sicuro e veloce, andando incontro alle necessità di atleti e tifosi.

Ebersol ha lavorato per tre anni al progetto Alliance. Lui e Polian, sostenuti dai numeri che mostrano la passione degli statunitensi per questo sport, credono esista un grosso vuoto che la nuova lega potrà riempire. "Il football è dominante per sei mesi. Ci sono milioni di fan che smettono di seguire lo sport quando il campionato Nfl finisce. Quindi milioni di fan di football che non vogliono vedere altro. E ci sono 59 milioni di persone che giocano ai fantasy sport (simile al fantacalcio), ma in 29 milioni smettono quando il football finisce" ha detto Ebersol, citato da Fox Sport.

Per affermarsi, l'Alliance of American Football dovrà superare gli ostacoli contro cui sono andate a sbattere le altre leghe: spese molto alte, copertura mediatica limitata, mancanza di tifosi. Dovrà anche competere con un nuovo campionato per i giovani che vogliono saltare il college e giocare subito a livello professionistico, ovvero il Pacific Pro Football, messo in piedi dall'agente di Tom Brady, Don Yee; inoltre, nel 2020, dovrebbe ripartire la Xfl, la lega che punta a rendere le partite più spettacolari con maggiori scontri fisici: non a caso, il fondatore è Vince McMahon, ex wrestler e promoter, che ha deciso di riprovarci a quasi 20 anni dall'unico campionato disputato (2001).

Altri Servizi

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock
AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

La Cina tende la mano agli Usa, il Messico annuncia dazi

Pechino pronta ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli ed energetici americani a patto che Trump non imponga tariffe. La nazione dell'America centrale reagisce ai dazi fatti scattare da Washington su acciaio e alluminio
AP

Mentre la Cina ha teso la mano agli Usa, il Messico ha preso contromisure contro la prima economia al mondo.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro