La Niaf a New York con una tavola rotonda sull'economia globale

Linda Carlozzi, avvocato di Jackson Lewis, parla della Niaf, degli italoamericani e della congiuntura italiana
Barack Obama alla cena di gala Niaf a Washington

Una serie di iniziative per rafforzare i legami tra l'Italia e l'America, come già si fa con l'evento annuale a Washington in autunno: è quello che ha messo in cantiere la Niaf, la maggiore associazione che rappresenta gli italiani e gli italoamericani negli Stati Uniti. E in un momento cruciale per l'economia e la politica italiana, americana e mondiale, era logico partire da una tavola rotonda sul futuro dell'economia globale, organizzata a New York per il prossimo 10 aprile. L'idea è quella di aprire un dialogo in particolare sul settore manifatturiero e sulle politiche commerciali in realtà differenti come quella italiana, americana e cinese, cercando di evidenziare l'impatto che queste possono avere in un contesto che va al di là dei singoli Paesi.

Di questo, ma anche del valore dell'italianità, del significato nell'America di oggi dell'avere radici italiane e del dibattito sul lavoro che tiene banco in Italia abbiamo parlato con Linda Carlozzi, americana di nascita e italiana nel cuore ("sono italoamericana di prima generazione, i miei genitori sono entrambi nati in Italia, sento molto il legame con la mia terra di origine", dice), avvocato dello studio legale Jackson Lewis, per cui lavora dal 1997 e dove si occupa di diritto del lavoro e fa da consulente nei rapporti con i sindacati .

Da oltre 25 anni (fin da quando era studentessa alla Fordham University di New York) impegnata per sostenere la comunità italoamericana negli Stati Uniti, è da tempo nel Board della Niaf ed è stata in precedenza membro del Board della National Organization of Italian American Women. "La Niaf è il ponte ideale tra l'Italia e gli italiani e italoamericani negli Stati Uniti", dice, ricordando il lavoro dell'associazione nel cercare di ridimensionare "gli stereotipi negativi di cui siamo inondati, cercando di promuovere gli aspetti positivi, che sono tanti, perché l'Italia siede su una miniera d'oro e di platino: tutti vanno pazzi per i prodotti italiani, la moda, la cultura, l'arte e il cibo".

Carlozzi parla dagli uffici di Manhattan, racconta quanto sia differente crescere in Italia o da italoamericani negli Stati Uniti. "Gli italoamericani hanno un forte senso della Patria, un orgoglio che chi vive in Italia ha sicuramente, ma che alle volte dimentica, dando per scontate molte cose. Vivendo lontano si vedono le cose diversamente, forse anche con nostalgia, in qualche modo si ha la fortuna di avere il meglio dei due Paesi. Per questo si tiene sempre in mente l'orgoglio che per chi vive in Italia emerge forte in alcune determinate occasioni", dice, facendo riferimento anche alle differenze tra il sistema (legale, politico, economico, sociale) italiano e americano.

E proprio sulle tematiche sociali, sul lavoro in particolare (il terreno su cui è più forte, vista la sua professione), si sofferma quando parla dell'Italia. "In Italia alcune riforme sono necessarie, non possono avvenire dall'oggi al domani, ma ci devono essere. Il problema dell'Italia è la crescita e l'attuale organizzazione del lavoro in qualche modo contribuisce allo stallo", dice Carlozzi, tornando a sottolineare le profonde differenze con il sistema americano, dove per esempio i licenziamenti sono sì in qualche modo più facili, ma esistono leggi molto stringenti contro la discriminazione che li limitano. "Quello che ha fatto l'attuale Governo ha una portata storica, ma certo occorre tempo perché passi comunque necessari vengano 'digeriti' da un tessuto sociale e culturale molto radicato" e che affonda le proprie radici in consuetudini vecchie di decenni.

Altri Servizi

Wall Street riscopre la cautela

Ieri, altra giornata di record per il Dow Jones. Primo calo dopo sette giornate in rialzo per S&P 500 e Nasdaq
AP

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump, avrebbe mentito durante un interrogatorio con gli agenti dell'Fbi.

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

Lo staff della Casa Bianca usa Confide, ma l'app di messaggi non è così sicura

Secondo una fonte di BuzzFeed, è "il trionfo del marketing sulla sostanza"

Diversi membri dello staff del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, starebbero usando Confide, un'app di messaggistica 'criptata' che ha la caratteristica di cancellare i messaggi appena letti. Questa app, però, non sarebbe poi tanto sicura, secondo gli esperti interpellati da BuzzFeed.

Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta
Kraft

Due dei più grandi produttori al mondo di beni al consumo si preparano a una potenziale battaglia. L'anglo-olandese Unilever non ha accettato un'offerta di acquisto per 143 miliardi di dollari da parte dell'americana Kraft Heinz, il colosso nato nel 2015 e controllato da Warren Buffett e 3G Capital.

Trump sceglie Dubke, uomo di Rove, come direttore della comunicazione

I fedelissimi del presidente irritati: "Premia chi lo ha ostacolato". L'incarico era stato inizialmente affidato a Jason Miller, che poi ha rifiutato

Un uomo di Karl Rove alla Casa Bianca. Mike Dubke, fondatore di Crossroads Media, sarebbe stato scelto dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per ricoprire l'incarico di direttore della comunicazione. Lo hanno riferito due funzionari dell'amministrazione alla Cnn. L'annuncio potrebbe essere dato già in giornata.

Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

La cooperazione con la Russia ci potrà anche essere ma alle condizioni decise dagli Stati Uniti. Anche se alla Casa Bianca è arrivato Donald Trump, disposto a tenere la mano a Vladimir Putin, la linea dettata da Washington per il momento ricalca quella dell'amministrazione precedente: Mosca deve rispettare gli accordi internazionali sull'Ucraina, a cui nel marzo 2014 strappò (dopo un referendum) la penisola di Crimea; quella mossa è stata criticata dalla comunità internazionale, che ha così imposto sanzioni.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata cos" disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

Trump vuole un suo alleato per riformare l'intelligence Usa

Feinberg ha un forte legame con Bannon e Kushner. Le agenzie temono che il presidente voglia ridurre la loro autonomia

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe intenzione di assegnare a Stephen Feinberg, un miliardario di New York, cofondatore del Cerberus Capital Management, l'incarico di riformare il sistema dell'intelligence, secondo membri dell'amministrazione interpellati dal New York Times. L'intenzione di Trump, è il timore delle agenzie d'intelligence, sarebbe quello di ridurre la loro indipendenza e fermare il flusso di informazioni che, dall'accordo sul nucleare iraniano all'importanza della Nato, fino alla lotta contro i terroristi islamici, contraddice la Casa Bianca.