Niente collusione tra Trump e Russia, almeno per i repubblicani

E' la conclusione a cui sono giunti i membri del Gop della commissione Intelligence della Camera, che così si prepara a chiudere le sue indagini
AP

La Russia avrà anche interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e magari continuerà a farlo in altre occasioni ma non ci sono prove che Donald Trump o persone a lui associate si siano macchiati di collusione con Mosca. E' questa la conclusione a cui sono giunti i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera, e che è destinata a sollevare le critiche dell'opposizione democratica. Non solo perché intendono chiudere cos" l'inchiesta ma anche perché quei repubblicani sono convinti che le azioni del Cremlino non siano state pensate per favorire il miliardario di New York nella sfida contro la democratica Hillary Clinton nella corsa verso la Casa Bianca, tesi opposta a quella sostenuta dall'intelligence Usa.

Preparandosi a chiudere l'inchiesta, i legislatori del Gop parte della commissione hanno preparato la bozza di un rapporto - ancora non condiviso con i colleghi democratici parte del panel - in cui hanno scritto le loro conclusioni.

Mike Conaway, repubblicano del Texas che sin dalla scorsa primavera ha guidato questa indagine, ha spiegato alla stampa che la cosa peggiore che si è verificata è stata la mancanza di accortezza in aggiunta a "incontri inappropriati" tra membri della campagna di Trump e russi. Nonostante ciò, nulla porta a una collusione. Conaway ha citato l'incontro controverso avvenuto nel giugno 2016 alla Trump Tower tra un avvocato russo legato al Cremlino e membri della campagna di Trump sostenendo che "non sarebbe mai dovuto esserci. Non c'è dubbio. Ma non riusciamo a trovare qualcosa che ci porti alla collusione".

Nella bozza del rapporto, i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera hanno scritto che la Russia ha realizzato "misure attive" per interferire nella campagna del 2016 ma nulla porta a credere che Mosca stesse cercando di aiutare Trump. Questa conclusione contrasta con quella emersa da un rapporto del gennaio 2017 dell'intelligence Usa, secondo cui il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato una campagna per influenzare l'esito delle elezioni in favore di Trump.

Le conclusioni dei repubblicani parte di questa commissione sono giunte mentre l'inchiesta parallela da parte del procuratore speciale Robert Mueller si intensifica. Tuttavia Conaway non intende aspettare sviluppi, ignorando gli avvertimenti dei colleghi democratici secondo cui l'indagine della commissione Intelligence della Camera non dovrebbe essere chiusa prima del termine di quella di Mueller. Il repubblicano del Texas ha chiarito che se i democratici si aspettano che lui "se ne stia seduto e attenda che qualcosa accada", la sua risposta è "no". Conaway ha spiegato ai media che la bozza del rapporto verrà data ai democratici parte della commissione domani, marted" 13 marzo, in attesa di commenti e suggerimenti. Poi il documento verrà presentato alla comunità d'intelligence, a cui verrà lasciato il compito di decidere cosa cancellare e cosa no prima che venga reso pubblico, probabilmente non prima di aprile.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali

La guerra con la Cina non sembra destinata a concludersi
iStock

Trattative Cina-Usa a rischio dopo l'ultima minaccia di Trump

Già oggi potrebbero essere annunciati dazi per 200 miliardi di dollari. Pechino: non negozieremo "con la pistola alla tempia"
iStock

La Cina potrebbe decidere di non partecipare a un quinto round di negoziati commerciali con gli Stati Uniti alla luce dell'ultima minaccia di Donald Trump, quella di fare scattare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Pechino non è pronta a trattare "con la pistola puntata alla tempia". Ad anticipare che i negoziati sono a rischio è stato il Wall Street Journal, secondo cui già lunedì 17 settembre il presidente americano potrebbe introdurre le tariffe doganali.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Katrina e Florence, Dean e Harvey: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista

In principio furono quelli dei santi. Poi, si preferirono femminili. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Il magazine Time venduto per 190 milioni di dollari

A venderlo dopo solo quasi otto mesi, Meredith. A comprarlo, il fondatore di Salesforce

La rivista Time ha un nuovo proprietario. Dopo quasi otto mesi dall'acquisto del gruppo Time, Meredith ha deciso di cedere l'omonimo magazine per 190 milioni di dollari. A comprarlo è il co-fondatore di Salesforce, Marco Benioff, insieme alla moglie Lynne.

Wall Street spera nei negoziati Usa-Cina

L'inflazione rallenta. Sussidi di disoccupazione ai minimi del 1969
iStock

Fed: Richard Clarida ha giurato, è vicepresidente

Global strategic adviser di Pimco nonché professore di economia alla Columbia University, prende il posto lasciato nell'ottobre 2017 da Stanley Fischer

La poltrona di vicepresidente della Federal Reserve, lasciata vuota da Stanley Fischer nell'ottobre 2017, è stata ufficialmente riempita. Il vertice della banca centrale Usa è così completato in vista della riunione del 25 e 26 settembre prossimi in cui dovrebbe essere annunciato il terzo rialzo dei tassi del 2018.

Tentato stupro, Kavanaugh respinge le accuse. Trump lo difende

Il giudice nominato per la Corte Suprema dal presidente Usa accusato da una donna per fatti risalenti agli anni Ottanta. Lui è "pronto" a difendersi al Senato Usa

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha respinto le accuse della donna che afferma di essere stata aggredita sessualmente da lui negli anni '80, quando entrambi erano adolescenti. "È un'accusa completamente falsa. Non ho mai fatto niente di simile né all'accusatrice, né a qualsiasi altra persona" ha dichiarato Kavanaugh, attraverso un comunicato diffuso dalla Casa Bianca. Il giudice ha poi detto di voler affrontare la questione davanti alla commissione Giustizia del Senato, per "confutare questa falsa accusa e difendere la mia integrità". "Visto che non è mai successo, non avevo idea di chi potesse aver fatto questa accusa, finché non è uscita allo scoperto".

Wall Street torna a sperare nei negoziati commerciali

Ottimismo del Canada su negoziati con gli Usa. La Cina rassicura le aziende americane
iStock

Bloomberg potrebbe candidarsi alle presidenziali 2020 come democratico

La sua candidatura creerebbe imbarazzo tra i progressisti e i leader del partito
iStock

L'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, potrebbe candidarsi alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, come democratico. Le sue opinioni su diversi argomenti, però, metterebbero a disagio l'establishment e una parte dell'elettorato del partito. "Ma è impossibile immaginare che possa candidarmi come repubblicano" ha dichiarato il fondatore dell'omonimo gruppo mediatico al New York Times.