Niente collusione tra Trump e Russia, almeno per i repubblicani

E' la conclusione a cui sono giunti i membri del Gop della commissione Intelligence della Camera, che così si prepara a chiudere le sue indagini
AP

La Russia avrà anche interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e magari continuerà a farlo in altre occasioni ma non ci sono prove che Donald Trump o persone a lui associate si siano macchiati di collusione con Mosca. E' questa la conclusione a cui sono giunti i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera, e che è destinata a sollevare le critiche dell'opposizione democratica. Non solo perché intendono chiudere cos" l'inchiesta ma anche perché quei repubblicani sono convinti che le azioni del Cremlino non siano state pensate per favorire il miliardario di New York nella sfida contro la democratica Hillary Clinton nella corsa verso la Casa Bianca, tesi opposta a quella sostenuta dall'intelligence Usa.

Preparandosi a chiudere l'inchiesta, i legislatori del Gop parte della commissione hanno preparato la bozza di un rapporto - ancora non condiviso con i colleghi democratici parte del panel - in cui hanno scritto le loro conclusioni.

Mike Conaway, repubblicano del Texas che sin dalla scorsa primavera ha guidato questa indagine, ha spiegato alla stampa che la cosa peggiore che si è verificata è stata la mancanza di accortezza in aggiunta a "incontri inappropriati" tra membri della campagna di Trump e russi. Nonostante ciò, nulla porta a una collusione. Conaway ha citato l'incontro controverso avvenuto nel giugno 2016 alla Trump Tower tra un avvocato russo legato al Cremlino e membri della campagna di Trump sostenendo che "non sarebbe mai dovuto esserci. Non c'è dubbio. Ma non riusciamo a trovare qualcosa che ci porti alla collusione".

Nella bozza del rapporto, i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera hanno scritto che la Russia ha realizzato "misure attive" per interferire nella campagna del 2016 ma nulla porta a credere che Mosca stesse cercando di aiutare Trump. Questa conclusione contrasta con quella emersa da un rapporto del gennaio 2017 dell'intelligence Usa, secondo cui il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato una campagna per influenzare l'esito delle elezioni in favore di Trump.

Le conclusioni dei repubblicani parte di questa commissione sono giunte mentre l'inchiesta parallela da parte del procuratore speciale Robert Mueller si intensifica. Tuttavia Conaway non intende aspettare sviluppi, ignorando gli avvertimenti dei colleghi democratici secondo cui l'indagine della commissione Intelligence della Camera non dovrebbe essere chiusa prima del termine di quella di Mueller. Il repubblicano del Texas ha chiarito che se i democratici si aspettano che lui "se ne stia seduto e attenda che qualcosa accada", la sua risposta è "no". Conaway ha spiegato ai media che la bozza del rapporto verrà data ai democratici parte della commissione domani, marted" 13 marzo, in attesa di commenti e suggerimenti. Poi il documento verrà presentato alla comunità d'intelligence, a cui verrà lasciato il compito di decidere cosa cancellare e cosa no prima che venga reso pubblico, probabilmente non prima di aprile.

Altri Servizi

L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Continua l'esodo dalla Casa Bianca di Donald Trump. A passo record. Negli ultimi 40 anni mai così tante persone hanno lasciato, più o meno forzatamente, il loro incarico nel primo anno in carica di un presidente. E gli addii non sono ancora finiti mentre Trump sta per iniziare il suo terzo anno in carica.

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

La leadership rosa di Deloitte in Usa verso la fine

Cathy Engelbert è stata la prima donna alla guida di una delle Big Four della revisione contabile in America. Il cda del gruppo ha nominato il numero uno delle attività contabili come prossimo Ceo.

La leadership americana di Deloitte non sarà più rosa. Cathy Engelbert, la prima donna alla guida di una delle Big Four della revisione contabile in Usa, il prossimo giugno terminerà il suo primo e unico mandato (iniziato nel 2015). Poi sarà sostituita con ogni probabilità da Joseph Ucuzoglu, dal 2015 a capo delle pratiche contabili del gruppo. Anche Engelbert aveva ricoperto quell'incarico in un gruppo in cui entrò nel 1986.

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.