Niente collusione tra Trump e Russia, almeno per i repubblicani

E' la conclusione a cui sono giunti i membri del Gop della commissione Intelligence della Camera, che così si prepara a chiudere le sue indagini
AP

La Russia avrà anche interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e magari continuerà a farlo in altre occasioni ma non ci sono prove che Donald Trump o persone a lui associate si siano macchiati di collusione con Mosca. E' questa la conclusione a cui sono giunti i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera, e che è destinata a sollevare le critiche dell'opposizione democratica. Non solo perché intendono chiudere cos" l'inchiesta ma anche perché quei repubblicani sono convinti che le azioni del Cremlino non siano state pensate per favorire il miliardario di New York nella sfida contro la democratica Hillary Clinton nella corsa verso la Casa Bianca, tesi opposta a quella sostenuta dall'intelligence Usa.

Preparandosi a chiudere l'inchiesta, i legislatori del Gop parte della commissione hanno preparato la bozza di un rapporto - ancora non condiviso con i colleghi democratici parte del panel - in cui hanno scritto le loro conclusioni.

Mike Conaway, repubblicano del Texas che sin dalla scorsa primavera ha guidato questa indagine, ha spiegato alla stampa che la cosa peggiore che si è verificata è stata la mancanza di accortezza in aggiunta a "incontri inappropriati" tra membri della campagna di Trump e russi. Nonostante ciò, nulla porta a una collusione. Conaway ha citato l'incontro controverso avvenuto nel giugno 2016 alla Trump Tower tra un avvocato russo legato al Cremlino e membri della campagna di Trump sostenendo che "non sarebbe mai dovuto esserci. Non c'è dubbio. Ma non riusciamo a trovare qualcosa che ci porti alla collusione".

Nella bozza del rapporto, i repubblicani parte della commissione Intelligence della Camera hanno scritto che la Russia ha realizzato "misure attive" per interferire nella campagna del 2016 ma nulla porta a credere che Mosca stesse cercando di aiutare Trump. Questa conclusione contrasta con quella emersa da un rapporto del gennaio 2017 dell'intelligence Usa, secondo cui il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato una campagna per influenzare l'esito delle elezioni in favore di Trump.

Le conclusioni dei repubblicani parte di questa commissione sono giunte mentre l'inchiesta parallela da parte del procuratore speciale Robert Mueller si intensifica. Tuttavia Conaway non intende aspettare sviluppi, ignorando gli avvertimenti dei colleghi democratici secondo cui l'indagine della commissione Intelligence della Camera non dovrebbe essere chiusa prima del termine di quella di Mueller. Il repubblicano del Texas ha chiarito che se i democratici si aspettano che lui "se ne stia seduto e attenda che qualcosa accada", la sua risposta è "no". Conaway ha spiegato ai media che la bozza del rapporto verrà data ai democratici parte della commissione domani, marted" 13 marzo, in attesa di commenti e suggerimenti. Poi il documento verrà presentato alla comunità d'intelligence, a cui verrà lasciato il compito di decidere cosa cancellare e cosa no prima che venga reso pubblico, probabilmente non prima di aprile.

Altri Servizi

In Europa, il 25 maggio di quest’anno, è divenuto efficace il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati 679/2016, noto come GDPR. La nuova normativa ha dato vita ad una corsa all’adeguamento per la maggior parte delle società europee, e non solo.

La Cina risponde a Trump: al via i dazi sui prodotti Usa

Oggi sono entrati in vigore i dazi reciproci tra Washington e Pechino, che ha deciso di rispondere alle tariffe statunitensi

La guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina è ufficialmente iniziata. Pechino ha annunciato di aver cominciato a imporre tariffe doganali di ritorsione sui beni statunitensi dopo l'entrata in vigore dei dazi per 34 miliardi dollari sulle importazioni cinesi voluti dall'amministrazione Trump. Misure già in vigore ma di cui non sono stati forniti dettagli da Pechino. In ogni caso decisioni che avranno conseguenze sull'economia mondiale, secondo David Qu, economista: "Quello che gli Stati Uniti stano facendo avrà conseguenze di lungo termine sul commercio mondiale. La Cina dovrà considerare come sarà il nuovo modello economico in futuro". All'orizzonte, altri mercati capaci di rimpiazzare quello cinese, non se ne vedono. "Io non vedo nessuna economia che può sostituire la Cina a breve termine per sostituire tutte le mancanze che provocherà questo scenario. Quindi gli Usa dovranno acquistare ancora dalla Cina e dunque i dazi faranno male anche a loro".

Nato, Stoltenberg: è interesse degli Usa mantenere un forte legame con gli alleati

"Abbiamo cominciato a fare" quello che ha chiesto Trump

Il presidente statunitense, Donald Trump, incontrerà gli alleati della Nato la prossima settimana, al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio. Al centro delle discussioni ci sarà senza dubbio la spesa insufficiente dedicata alla difesa della maggior parte dei membri della Nato. Trump, da mesi, chiede agli alleati di rispettare l'impegno a dedicare il 2% del Pil alla difesa e si è recentemente lamentato sia al G7 in Canada, sia nelle lettere che ha inviato a giugno ai capi di Stato e di governo.

Wall Street attende le minute della Fed

La Banca centrale, probabilmente, ignorerà le richieste di rallentare il passo dei rialzi dei tassi
iStock

Dazi Usa-Cina, Wall Street preoccupata

Entrate in vigore le tariffe reciproche tra Washington e Pechino
iStock

Più carceri per i migranti, più affari per i sostenitori di Trump

Buone notizie per le società che hanno sostenuto il presidente

La decisione del presidente Donald Trump di creare nuovi centri di detenzione per migranti irregolari negli Stati Uniti darà una notevole spinta agli affari degli operatori di carceri private che hanno sostenuto il capo di Stato. A parlarne è il Wall Street Journal. Il valore delle azioni di CoreCivic e Geo Group, che hanno donato 250.000 dollari ciascuno per le celebrazioni in occasione dell'inaugurazione del mandato di Trump, è notevolmente aumentato lo scorso mese, dopo che l'Immigation and Customs Enforcement (Ice) ha annunciato che potrebbe chiedere 15.000 nuovi letti per le famiglie, dopo che Trump ha imposto, con un ordine esecutivo, che i bambini non siano separati dai genitori, in attesa del procedimento penale nei loro confronti. Dall'inizio dell'anno, il valore delle azioni di Geo è cresciuto del 14%, quello dei titoli di CoreCivic del 4,8 per cento.

Usa 2016, la commissione Intelligence del Senato conferma: Mosca ha interferito in aiuto di Trump

Confermate le conclusioni dei servizi segreti; le indagini vanno avanti per scoprire eventuali collusioni tra il Cremlino e lo staff dell'attuale presidente

La commissione intelligence del Senato statunitense, controllata dei repubblicani, ha pubblicato il rapporto sulle elezioni presidenziali, sostenendo la conclusione di tre agenzie d'intelligence, secondo cui la Russia cercò di aiutare Donald Trump a vincere.

Facebook da record, Zuckerberg diventa la terza persona più ricca del mondo

Superato Buffett: è la prima volta che i tre più ricchi (gli altri sono Bezos e Gates) provengono dal settore tecnologico

Il rialzo del titolo Facebook sul Nasdaq ha consentito al suo amministratore delegato, Mark Zuckerberg, di superare l'investitore Warren Buffett in termini di patrimonio e di diventare la terza persona più ricca del mondo, confermando che il settore tecnologico è il maggior creatore di benessere. Venerd", il titolo ha guadagnato sul Nasdaq il 2,41%, raggiungendo la chiusura record di 203,23 dollari. Il valore delle azioni di Facebook sta aumentando costantemente da giugno, nonostante le pressioni e le polemiche in seguito al cosiddetto scandalo Cambridge Analytica, che alla fine di marzo aveva spinto in ribasso il titolo fino a 152,22 dollari.

Cinque fatti poco conosciuti sul 4 Luglio, giorno dell'Indipendenza statunitense

Dalla reale giornata che andrebbe festeggiata alle curiosità su presidenti e hot dog: ecco quello che nemmeno molti cittadini statunitensi sanno
iStock

Le celebrazioni per il 4 Luglio, cominciate 241 anni fa per il primo anniversario del giorno dell'Indipendenza, si sono evolute nel corso dei decenni: gli statunitensi, per esempio, hanno sostituito la zuppa di tartaruga e gli spari di cannone con hot dog e fuochi d'artificio. Ci sono degli elementi costanti e imprescindibili, che si ripetono ogni anno, come i barbecue e le parate, e ci sono anche cinque fatti relativi al 4 Luglio poco conosciuti agli stessi statunitensi.

Ottimismo a Wall Street, incoraggiata dal rapporto sull'occupazione

Attesa per la scelta del presidente Trump per la Corte Suprema
iStock