La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise in vendita per connettere i fan alle squadre

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).

L'azienda dello swoosh è entrata di prepotenza nella gestione del marchio sportivo più conosciuto al mondo, quello della pallacanestro nordamericana, portando la Nba nell'era del basket digitale. Nelle canottiere in vendita delle 30 franchigie è stato cucito un chip che permetterà al tifoso di avere accesso a una serie di contenuti esclusivi, come quelli sopracitati.

Una canottiera digitale e iperconnessa, l'arma segreta, forse, per conquistare il mercato dei millennials e della generazione X. "Un balzo in avanti nel rapporto con i nostri tifosi, una svolta che li porterà a condividere con noi direttamente gli allenamenti, le passioni e le partite" ha detto Kevin Durant, il campione dei Golden State Warriors, durante la conferenza stampa di lancio a Los Angeles.

Il nuovo sistema, chiamato NikeConnect, sarà inserito sia nelle canottiere in versione replica sia in quelle 'authentic', che costeranno rispettivamente 110 e 200 dollari, in vendita dal 29 settembre. Per accedere ai contenuti, i tifosi dovranno scaricare la app e connettersi con il loro account NikePlus. Tra le novità, quella che permette a chi ha comprato la canottiera di un determinato giocatore di avere un bonus da utilizzare giocando al videogame NBA2K18, che rende quel cestista più forte.

"L'applicazione consente altri tipi di interazione: permette per esempio - ha spiegato Adam Sussman, chief digital officer di Nike - di comprare i biglietti per le partite, prenotarne la visione sullo smartphone o di sfruttare offerte commerciali ad hoc". L'idea - ha dichiarato Adam Silver, il Commissioner della Nba - "è stabilire un nuovo standard di coinvolgimento e connessione tra i fan e i team". "Stiamo modernizzando e rivoluzionando il look di questo sport, spingendone un po' più avanti i confini" ha detto Mark Parker, amministratore delegato del colosso d'abbigliamento sportivo.

Si tratta di una rivoluzione nell'abbigliamento sportivo, nel rapporto tra giocatori e tifosi e nel marketing. I confini sono stati spinti un po' più avanti anche sulla privacy: la Nike avrà accesso a informazioni mai avute prima sugli acquirenti, di cui conoscerà preferenze, città di residenza e spostamenti. D'altra parte, l'accordo con la Nba costerà, in tutto, un miliardo di dollari.

La canottiera digital non sarà l'unica novità della stagione che sta per cominciare: per la prima volta, sull'uniforme delle squadre Nba sarà presente il marchio dell'azienda che le produce (lo swoosh della Nike) e, soprattutto, potrà essere presente uno sponsor. Al momento, 14 franchigie hanno deciso di 'sporcare' la loro canottiera con una patch: l'accordo più redditizio è stato firmato dai campioni dei Golden State Warriors, che riceveranno da Rakuten, azienda giapponese di e-commerce, 20 milioni di dollari a stagione per tre anni, quasi il doppio di quanto incasseranno i Cleveland Cavs grazie a Goodyear.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Fare shopping online costerà di più in Usa. La Corte Suprema, il massimo organo giudiziario degli Stati Uniti, ha deciso che gli Stati americani possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax, l'equivalente dell'italiana Imposta generale sulle entrate (quella che ha preceduto l'Imposta sul valore aggiunto). Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.