Nike: vendite in calo in Nord America frenano gli utili, comunque sopra le stime

Il colosso americano dell'abbigliamento sportivo soffre la concorrenza di Adidas nel suo mercato di riferimento. Punta su vendite dirette ai consumatori
AP

A causa di margini lordi in calo, di spese amministrative in aumento e dell'andamento delle vendite nordamericane che continua a essere negativo, Nike ha chiuso il secondo trimestre dell'anno fiscale 2018 con utili in ribasso anche se meno delle stime degli analisti. Il colosso americano dell'abbigliamento sportivo continua a soffrire un contesto retail difficile e la competizione di rivali come Adidas. Per questo punta a vendere direttamente ai consumatori.

Nei tre mesi finiti il 30 novembre scorso, Nike ha registrato utili netti per 767 milioni di dollari, in calo del 9% rispetto al risultato pari a 842 milioni dello stesso periodo del 2016 ma meglio delle stime per 665 milioni. I profitti per azione sono scesi dell'8% a 47 da 51 centesimi; al netto di voci straordinarie, il dato è passato a 46 da 50 centesimi di dollaro, sopra le attese degli analisti per 40 centesimi.

In quello che per il colosso americano dell'abbigliamento sportivo è stato il secondo trimestre fiscale del 2018, i ricavi hanno raggiunto gli 8,55 miliardi di dollari, in aumento del 5% rispetto agli 8,18 miliardi dell'anno precedente; le stime del mercato erano per vendite a 8,39 miliardi. In particolare, il fatturato generato dal marchio Nike è salito del 4% annuo a 8,1 miliardi di dollari grazie alle regioni Europa, Medio Oriente e Africa e Asia Pacifico/America Latina. Le vendite legate al marchio Converse sono invece scese del 4% a 408 milioni di dollari, colpa soprattutto dei declini in Nord America; in questo mercato, quello di riferimento, i ricavi complessivi sono scesi del 5% a 3,48 miliardi.

A pesare sono stati anche una serie di fattori aggiuntivi: un declino di 120 punti base dei margini lordi, arrivati al 43% a causa soprattutto di cambi valutari sfavorevoli che hanno annullato l'effetto di prezzi di vendita più alti; spese in aumento (quelle amministrative e promozionali sono tornate a salire, del 10% a 2,8 miliardi).

Mark Parker, amministratore delegato, presidente e presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda, ha sottolineato l'accelerazione della crescita internazionale. Per la seconda parte dell'anno fiscale Parker è convinto che "l'innovazione dei prodotti Nike sia forte come non mai e continuereno a dare forma al settore retail attraverso esperienze diverse".

Il 15 giugno scorso Nike aveva deciso di snellire la sua organizzazione in una mossa che risulterà nella riduzione del 2% della sua forza lavoro globale di oltre 70.000 dipendenti. Il punto è che il colosso americano dell'abbigliamento sportivo continua a soffrire la competizione di rivali come Adidas, le cui vendite in Nord America sono aumentate.

Come se non bastasse i negozi di articoli sportivi che vendono prodotti Nike hanno registrato vendite deboli. Non è un caso che Nike punti a vendere di più direttamente ai consumatori. In concomitanza alla pubblicazione dei conti del quarto trimestre dell'esercizio 2017 l'azienda aveva annunciato di avere ceduto ad Amazon: i suoi prodotti sono ora venduti sul sito di commercio elettronico (l'intento di Nike è di eliminare rivenditori terzi dei suoi prodotti sul sito stesso).

In attesa dei conti, arrivati a mercati chiusi, Nike ha guadagnato l'1,9% a 64,77 dollari. Nel dopo mercato ha aggiunto mezzo punto percentuale circa dopo un iniziale ribasso. Da inizio anno è salito del 27,4% e negli ultimi 12 mesi ha aggiunto il 23,8%.

Altri Servizi

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia cos" un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

Netflix vale oltre 100 miliardi di dollari, boom di abbonati

Nel quarto trimestre del 2017 utili in linea alle stime, ricavi migliori del previsto. Le guidance battono le attese. Gli investimenti nei contenuti fino a 8 miliardi di dollari nel 2018
iStock

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Democratici Usa rassicurati sui Dreamers, ecco perché finisce lo shutdown

"Tra poche ore, il governo riaprirà" ha detto il leader della minoranza democratica, Chuck Schumer

A San Francisco, il Winter Fancy Food torna a parlare italiano

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all'evento commerciale dedicato alle specialità alimentari nella costa occidentale statunitense

Fmi alza le stime di crescita mondiale, grazie anche a riforma fiscale Usa

Migliorate anche le previsioni su Eurozona e Italia, dove però c'è incertezza politica per via delle prossime elezioni. Obstfeld avverte: prossima recessione potrebbe essere più vicina di quel che si pensi

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere