Non paga il conto al ristorante, turista italiano a New York finisce in carcere

E' successo alla steakhouse Smith and Wollensky. Sul caso interviene il capo della polizia Raymond Kelly con una diversa versione dei fatti

La seconda notte a New York, Graziano Graziussi, 43 anni, avvocato di Napoli, l'ha passata in carcere. Turista in vacanza, lunedì sera, è andato a cena in una delle bisteccherie simbolo della città, Smith and Wollensky, a Midtown East a Manhattan ma al momento di pagare il conto - 208 dollari esclusa la mancia - si è accorto di non avere il porfafogli.

Al personale del ristorante ha spiegato di averlo dimenticato in albergo, offrendo in pegno l'iPhone per il tempo necessario ad andarlo a recuperare. Ma non è bastato: al ristorante è stata invece chiamata la polizia che ha arrestato Graziussi con l'accusa di furto di servizi e lo ha tenuto in cella per una notte.

Il turista italiano ha provato a convincere gli agenti ad accompagnarlo a casa a prendere il denaro. "Mi hanno risposto che non sono tassisti - ha detto Graziussi al Daily News, uno dei tabloid di New York - e immediatamente mi hanno messo le manette ai polsi". Il passaggio Uptown lo ha avuto, ma fino alla 51ma strada, dove si trova la caserma.

L'iPhone non bastava? Secondo gli agenti no: "Come facevano a sapere che era davvero suo?" Ma la realtà è che i tentativi di consumare una cena al ristorante evitando il conto con una scusa sono piuttosto frequenti.

A dare la notizia per primo è stato il blog Honest Cooking che racconta l'esperienza della notte in carcere, terribile e in qualche misura interessante. "La prigione è stata un'esperienza orribile, è orribile per chiunque, sei dietro le sbarre, trattato come un animale per esserti dimenticato il portafogli". Ma "le persone che ho incontrato erano abbastanza civili. Era un po' come trovarsi in un film, è stata un'esperienza".

Un giudice, il mattino successivo, ha ritirato tutte le accuse riconvocandolo in tribunale dopo una settimana per pagare il conto del ristorante.

Aggiornamento: Il capo della polizia di New York Raymond Kelly ha corretto la versione dell'incidente data ieri dal tabloid Daily News, sulla scia del clamore suscitato dall'arresto del turista italiano. Graziano Graziussi il portafogli lo aveva con se, ma dentro c'erano appena 118 dollari, non abbastanza per pagare il conto, da 208 dollari, della steakhouse Smith and Wollensky. Graziussi "semplicemente non voleva pagare il conto" ha detto Kelly al Daily News "il ristorante ha chiesto di procedere con la denuncia e la procedura è stata seguita". America 24, che ha ripreso la notizia pubblicata da Daily News e Honest Cooking, ha cercato di mettersi in contatto con Graziussi per l'intera giornata, ieri, con l'intenzione di invitarlo a partecipare al programma di Mario Platero, che va in onda da lunedì a venerdì su Radio 24 ed è prodotto nella redazione de Il Sole 24 Ore di New York. Dopo l'intervento di Kelly sulla vicenda ci sono due versioni. Platero ne ha tratto spunto per parlare della questione in termini più generali nella trasmissione andata in onda il 28 gennaio.

 Il consiglio di America 24 per evitare circostanze simili? State alla larga da Smith and Wollensky e Peter Luger's (la bisteccheria più rinomata di New York) e andate direttamente in macelleria, la migliore della città si chiama Staubitz Market, 222 Court Street, Brooklyn, NY 11201 (718) 624-0014. Vende la stessa carne che ha Peter Luger's, ma con circa 25 dollari vi portate a casa la bistecca dei vostri sogni. Scegliete una porterhouse, una new york stripsteak o una rockport, cuocete su una graticola rovente 4 minuti da un lato e 4 dall'altro. And that's it.

(Ovviamente, andando in macelleria, non avrete la prima pagina sul Daily News come Graziussi).

Altri Servizi

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Nel corso della manifestazione della destra nazionalista e suprematista di Charlottesville, in Virginia, un video di YouTube mostra una delle persone presenti alla dimostrazione con una maglietta con la scritta "Bashar’s Barrel Delivery Co.", in riferimento all'uso di gas da parte del regime siriano di Bashar al Assad contro i suoi oppositori. Nel corso della manifestazione sono stati pronunciati altri slogan in favore di Assad. Il quotidiano online The Intercept racconta come glie stremisti di destra americani siano sostenitori del regime di Damasco.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

Repubblicani su tutte le furie dopo accordo Trump-democratici

Le probabilità di una riforma fiscale entro fine anno calano. Lo speaker alla Camera, Paul Ryan, getta dubbi sull'aliquota al 15% delle aziende promossa dal presidente
AP

"Ci ha fottuto". Questo commento dà l'idea dell'aria che tira dentro il partito repubblicano all'indomani dell'accordo siglato tra Donald Trump e l'opposizione democratica. E' la dimostrazione di come l'ostilità tra il Gop al Congresso e il presidente americano abbia raggiunto nuovi livelli. E c'è chi insinua che ora l'approvazione entro fine anno di una riforma fiscale tanto cara al leader Usa sembri meno probabile. Non solo: non manca chi a Washington si aspetta che nelle elezioni di metà mandato del 2018 i democratici riprendano il controllo della Camera (perso nel 2010). Così facendo Capitol Hill non sarebbe più interamente rosso come lo è dal 2014 ma anche blu (il colore del partito democratico).

Cohn al posto di Yellen? Trump cambia idea

Secondo il Wsj, al presidente non sarebbero piaciute le critice del suo consigliere economico sui suoi commenti sulle violenze di Charlottesville
AP

Difficilmente Donald Trump nominerà Gary Cohn alla guida della Federal Reserve. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui il presidente americano è disposto a prendere in considerazione altri candidati per la poltrona che sarà ricoperta fino al prossimo febbraio da Janet Yellen. Il nome del consigliere economico della Casa Bianca era visto in pole position da quando, in una intervista del 25 luglio scorso, Trump aveva spiegato al giornale finanziario che stava valutando la promozione di Cohn al comando della banca centrale Usa oltre a una conferma della stessa Yellen. Le cose sono cambiate dopo la critica fatta dall'ex presidente di Goldman Sachs al leader Usa in merito alle violenze esplose il 12 agosto scorso a Charlottesville.

Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

Fed: il vicepresidente Fischer dà le dimissioni. E avverte Trump

Ha scritto al presidente comunicando la sua decisione e ricordandogli che con i requisiti stringenti imposti dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è più solido. Yellen: gli sono grata, ci mancherà. Istituto centrale verso una rivoluzione
Wikimedia Commons

Intorno al 13 ottobre prossimo, Stanley Fischer non sarà più il vicepresidente della Federal Reserve né membro del suo Board. Lo ha annunciato lui stesso dando le sue dimissioni per motivi personali. Intende stare più vicino alla moglie. Il mandato all'interno del Board della banca centrale del 73enne nominato da Barack Obama il 28 maggio 2014 doveva scadere il 31 gennaio 2020. Il suo mandato da braccio destro di Janet Yellen sarebbe scaduto il 12 giugno 2018. Quello della prima donna alla guida della Fed finirà nel febbraio del prossimo anno. Questo significa che nell'istituto forse più importante al mondo si preannuncia un giro di poltrone non indifferente che chiama in causa la Casa Bianca (le nomine passato dal suo inquilino).

Mondiali in Russia, possibile Siria-Usa nello spareggio qualificazione

Necessario, per gli asiatici, battere prima l'Australia in un doppio confronto, mentre i nordamericani dovrebbero concludere al quarto posto il girone della Concacaf
Ap

È un'ipotesi che continua a farsi spazio, turno dopo turno, ed è la più suggestiva che si possa immaginare per una partita di calcio: Stati Uniti e Siria potrebbero contendersi la qualificazione ai prossimi Mondiali. E se a questo si aggiunge che la Coppa del Mondo si terrà in Russia, il quadro politico-calcistico è davvero completo. Il potenziale narrativo sarebbe senza precedenti, alla luce di una guerra civile che dura da oltre sei anni e che ha coinvolto anche Washington e Mosca, divise sui crimini, e sulla sorte, del presidente Bashar al-Assad, ma faticosamente unite nella lotta contro l'Isis. Come unita, ora, appare la nazionale siriana: alcuni giocatori vi avevano rinunciato in opposizione al presidente, ma sono poi tornati per "dare gioia alla nostra gente", come ha spiegato l'attaccante Omar Al Soma, che ha realizzato l'ultimo gol, quello per il decisivo pareggio contro l'Iran (altro incrocio significativo per il conflitto siriano).

L'uragano Irma spaventa Wall Street

Ieri, chiusura mista. Dati in programma oggi: credito al consumo e scorte di magazzino all'ingrosso
AP

Nessun dubbio, l'uragano Irma "colpirà la Florida" ed è "una minaccia che devasterà gli Usa"

Lo ha detto il capo della Fema, la protezione civile statunitense. Stop ai voli da sabato pomeriggio. Jeb Bush: "C'è sempre chi vuole vincere il premio Darwin"

Il capo della Fema, la protezione civile statunitense, ha detto che non ci sono dubbi, ora, sul fatto che l'uragano Irma colpirà almeno una parte della Florida. "Non è in dubbio il fatto che la Florida sarà colpita; la questione è quanto duramente sarà colpita" ha detto Brock Long, durante una conferenza stampa.

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

Jacqui Sands, il curatore della casa di Ernest Hemingway alle Key West, si rifiuta di abbandonare l'area, nonostante le isole a sud di Miami saranno tra quelle maggiormente colpite dal passaggio dell'uragano Irma. Sands, 72 anni, ha detto che la casa è un luogo sicuro, "si trova nella zona più sicura delle Key West e per questo motivo non la lascerò". Si tratta della casa, oggi museo, dove lo scrittore visse insieme alla moglie Pauline tra il 1931 e il 1939, prima di trasferirsi a Cuba.