Non paga il conto al ristorante, turista italiano a New York finisce in carcere

E' successo alla steakhouse Smith and Wollensky. Sul caso interviene il capo della polizia Raymond Kelly con una diversa versione dei fatti

La seconda notte a New York, Graziano Graziussi, 43 anni, avvocato di Napoli, l'ha passata in carcere. Turista in vacanza, lunedì sera, è andato a cena in una delle bisteccherie simbolo della città, Smith and Wollensky, a Midtown East a Manhattan ma al momento di pagare il conto - 208 dollari esclusa la mancia - si è accorto di non avere il porfafogli.

Al personale del ristorante ha spiegato di averlo dimenticato in albergo, offrendo in pegno l'iPhone per il tempo necessario ad andarlo a recuperare. Ma non è bastato: al ristorante è stata invece chiamata la polizia che ha arrestato Graziussi con l'accusa di furto di servizi e lo ha tenuto in cella per una notte.

Il turista italiano ha provato a convincere gli agenti ad accompagnarlo a casa a prendere il denaro. "Mi hanno risposto che non sono tassisti - ha detto Graziussi al Daily News, uno dei tabloid di New York - e immediatamente mi hanno messo le manette ai polsi". Il passaggio Uptown lo ha avuto, ma fino alla 51ma strada, dove si trova la caserma.

L'iPhone non bastava? Secondo gli agenti no: "Come facevano a sapere che era davvero suo?" Ma la realtà è che i tentativi di consumare una cena al ristorante evitando il conto con una scusa sono piuttosto frequenti.

A dare la notizia per primo è stato il blog Honest Cooking che racconta l'esperienza della notte in carcere, terribile e in qualche misura interessante. "La prigione è stata un'esperienza orribile, è orribile per chiunque, sei dietro le sbarre, trattato come un animale per esserti dimenticato il portafogli". Ma "le persone che ho incontrato erano abbastanza civili. Era un po' come trovarsi in un film, è stata un'esperienza".

Un giudice, il mattino successivo, ha ritirato tutte le accuse riconvocandolo in tribunale dopo una settimana per pagare il conto del ristorante.

Aggiornamento: Il capo della polizia di New York Raymond Kelly ha corretto la versione dell'incidente data ieri dal tabloid Daily News, sulla scia del clamore suscitato dall'arresto del turista italiano. Graziano Graziussi il portafogli lo aveva con se, ma dentro c'erano appena 118 dollari, non abbastanza per pagare il conto, da 208 dollari, della steakhouse Smith and Wollensky. Graziussi "semplicemente non voleva pagare il conto" ha detto Kelly al Daily News "il ristorante ha chiesto di procedere con la denuncia e la procedura è stata seguita". America 24, che ha ripreso la notizia pubblicata da Daily News e Honest Cooking, ha cercato di mettersi in contatto con Graziussi per l'intera giornata, ieri, con l'intenzione di invitarlo a partecipare al programma di Mario Platero, che va in onda da lunedì a venerdì su Radio 24 ed è prodotto nella redazione de Il Sole 24 Ore di New York. Dopo l'intervento di Kelly sulla vicenda ci sono due versioni. Platero ne ha tratto spunto per parlare della questione in termini più generali nella trasmissione andata in onda il 28 gennaio.

 Il consiglio di America 24 per evitare circostanze simili? State alla larga da Smith and Wollensky e Peter Luger's (la bisteccheria più rinomata di New York) e andate direttamente in macelleria, la migliore della città si chiama Staubitz Market, 222 Court Street, Brooklyn, NY 11201 (718) 624-0014. Vende la stessa carne che ha Peter Luger's, ma con circa 25 dollari vi portate a casa la bistecca dei vostri sogni. Scegliete una porterhouse, una new york stripsteak o una rockport, cuocete su una graticola rovente 4 minuti da un lato e 4 dall'altro. And that's it.

(Ovviamente, andando in macelleria, non avrete la prima pagina sul Daily News come Graziussi).

Altri Servizi

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump, avrebbe mentito durante un interrogatorio con gli agenti dell'Fbi.

Wall Street non si ferma più

Ieri, altra giornata di record per il Dow Jones
AP
Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

Trump sceglie Dubke, uomo di Rove, come direttore della comunicazione

I fedelissimi del presidente irritati: "Premia chi lo ha ostacolato". L'incarico era stato inizialmente affidato a Jason Miller, che poi ha rifiutato

Un uomo di Karl Rove alla Casa Bianca. Mike Dubke, fondatore di Crossroads Media, sarebbe stato scelto dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per ricoprire l'incarico di direttore della comunicazione. Lo hanno riferito due funzionari dell'amministrazione alla Cnn. L'annuncio potrebbe essere dato già in giornata.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

La cooperazione con la Russia ci potrà anche essere ma alle condizioni decise dagli Stati Uniti. Anche se alla Casa Bianca è arrivato Donald Trump, disposto a tenere la mano a Vladimir Putin, la linea dettata da Washington per il momento ricalca quella dell'amministrazione precedente: Mosca deve rispettare gli accordi internazionali sull'Ucraina, a cui nel marzo 2014 strappò (dopo un referendum) la penisola di Crimea; quella mossa è stata criticata dalla comunità internazionale, che ha così imposto sanzioni.

Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata cos" disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

Sul NyTimes la storia del giudice italiano che separa i figli dai padri mafiosi

Per Roberto Di Bella tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i parenti possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

La storia di Roberto Di Bella, magistrato italiano di 53 anni, impegnato nella lotta alla mafia e dal settembre 2012 presidente del tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, è finita sul New York Times. Il quotidiano, che lo ha intervistato, racconta la convinzione del giudice che tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i genitori possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

Trump vuole un suo alleato per riformare l'intelligence Usa

Feinberg ha un forte legame con Bannon e Kushner. Le agenzie temono che il presidente voglia ridurre la loro autonomia

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe intenzione di assegnare a Stephen Feinberg, un miliardario di New York, cofondatore del Cerberus Capital Management, l'incarico di riformare il sistema dell'intelligence, secondo membri dell'amministrazione interpellati dal New York Times. L'intenzione di Trump, è il timore delle agenzie d'intelligence, sarebbe quello di ridurre la loro indipendenza e fermare il flusso di informazioni che, dall'accordo sul nucleare iraniano all'importanza della Nato, fino alla lotta contro i terroristi islamici, contraddice la Casa Bianca.

A Wall Street torna la cautela

Solo il Dj è riuscito a mettere a segno il sesto record di fila
AP