Nordcorea: a rischio il summit Trump-Kim

Pyongyang critica l'esercitazione congiunta tra Usa e Seul: una "provocazione". Washington valuta (forse) di non fare volare jet B-52. Tattica per negoziare?

L'incontro storico tra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un rischia di saltare per via di un'esercitazione militare congiunta tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud iniziata venerdì scorso.

A mettere in dubbio un appuntamento previsto il 12 giugno a Singapore è stata la Corea del Nord, che ha fatto saltare all'ultimo minuto un meeting di alto livello previsto con funzionari di Seul mercoledì 16 maggio. Mentre la Casa Bianca preparava una risposta alle indiscrezioni giunte dalle agenzie di stampa nord e sudcoreane, il dipartimento di Stato diceva di non avere ricevuto indicazioni di un cambio dei piani e quindi a Washington ci si continua a prepare al faccia a faccia tra Trump e Kim. 

Heather Nauert, portavoce del dipartimento di Stato, ha detto in un briefing con la stampa che "Kim sa quanto siano importanti per gli Usa le esercitazioni, che conduciamo in tutto il mondo".

La Corea del Nord era rimasta insolitamente in silenzio in occasione dell'esercitazione congiunta iniziata il primo aprile scorso. A sorpresa, Pyongyang ha rispolverato una retorica dura definendo "una provocazione" l'ultima esercitazione, considerata (come sempre) una premessa per una invasione. Quell'esercitazione "va contro gli sviluppi politici positivi nella penisola coreana", ha fatto sapere la Central News Agency nordcoreana (Kcna) citata da Yonhap, agenzia di stampa sudcoreana.

"Gli Stati Uniti dovranno attentamente svolgere delle riflessioni sul destino del summit pianificato tra la Corea del Nord e gli Usa alla luce di questo agitazione militare provocatoria condotta insieme alle autorità sudcoreane", ha aggiunto Kcna.

La portavoce della Casa Bianca,Sarah Sanders, ha fatto sapere di essere a "conoscenza di quanto riferito dai media sudcoreani" e che gli Usa "guarderanno indipendentemente a cosa la Corea del Nord ha detto e continueranno a coordinarsi a stretto contatto con gli alleati". Intanto da Seul circolava voce che Washington stesse considerando di rimuovere i jet B-52 dall'esercitazione controversa, una concessione - se confermata - a Pyongyang.

Quello della Corea del Nord è un passo indietro o forse una tattica per negoziare. Nel corso dell'incontro storico e altamente simbolico avvenuto il 27 aprile scorso, il suo leader e il presidente sudcoreano Moon Jae-in si erano impegnati a rimuovere tutte le armi nucleari della penisola coreana; i due leader avevano anche detto di volere mettere fine ufficialmente alla guerra di Corea entro il 2018 (nel 1953 fu firmato solo un armistizio). L'intesa è giunta dopo che Kim aveva superato un confinte pesantemente armato diventando il primo leader nordcoreano a mettere piede in un territorio controllato da Seul. La nazione più isolata al mondo aveva poi teso la mano a Trump liberando tre cittadini Usa e iniziando a smantellare un sito usato per condurre test nucleari.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.