Nordcorea: a rischio il summit Trump-Kim

Pyongyang critica l'esercitazione congiunta tra Usa e Seul: una "provocazione". Washington valuta (forse) di non fare volare jet B-52. Tattica per negoziare?

L'incontro storico tra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un rischia di saltare per via di un'esercitazione militare congiunta tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud iniziata venerdì scorso.

A mettere in dubbio un appuntamento previsto il 12 giugno a Singapore è stata la Corea del Nord, che ha fatto saltare all'ultimo minuto un meeting di alto livello previsto con funzionari di Seul mercoledì 16 maggio. Mentre la Casa Bianca preparava una risposta alle indiscrezioni giunte dalle agenzie di stampa nord e sudcoreane, il dipartimento di Stato diceva di non avere ricevuto indicazioni di un cambio dei piani e quindi a Washington ci si continua a prepare al faccia a faccia tra Trump e Kim. 

Heather Nauert, portavoce del dipartimento di Stato, ha detto in un briefing con la stampa che "Kim sa quanto siano importanti per gli Usa le esercitazioni, che conduciamo in tutto il mondo".

La Corea del Nord era rimasta insolitamente in silenzio in occasione dell'esercitazione congiunta iniziata il primo aprile scorso. A sorpresa, Pyongyang ha rispolverato una retorica dura definendo "una provocazione" l'ultima esercitazione, considerata (come sempre) una premessa per una invasione. Quell'esercitazione "va contro gli sviluppi politici positivi nella penisola coreana", ha fatto sapere la Central News Agency nordcoreana (Kcna) citata da Yonhap, agenzia di stampa sudcoreana.

"Gli Stati Uniti dovranno attentamente svolgere delle riflessioni sul destino del summit pianificato tra la Corea del Nord e gli Usa alla luce di questo agitazione militare provocatoria condotta insieme alle autorità sudcoreane", ha aggiunto Kcna.

La portavoce della Casa Bianca,Sarah Sanders, ha fatto sapere di essere a "conoscenza di quanto riferito dai media sudcoreani" e che gli Usa "guarderanno indipendentemente a cosa la Corea del Nord ha detto e continueranno a coordinarsi a stretto contatto con gli alleati". Intanto da Seul circolava voce che Washington stesse considerando di rimuovere i jet B-52 dall'esercitazione controversa, una concessione - se confermata - a Pyongyang.

Quello della Corea del Nord è un passo indietro o forse una tattica per negoziare. Nel corso dell'incontro storico e altamente simbolico avvenuto il 27 aprile scorso, il suo leader e il presidente sudcoreano Moon Jae-in si erano impegnati a rimuovere tutte le armi nucleari della penisola coreana; i due leader avevano anche detto di volere mettere fine ufficialmente alla guerra di Corea entro il 2018 (nel 1953 fu firmato solo un armistizio). L'intesa è giunta dopo che Kim aveva superato un confinte pesantemente armato diventando il primo leader nordcoreano a mettere piede in un territorio controllato da Seul. La nazione più isolata al mondo aveva poi teso la mano a Trump liberando tre cittadini Usa e iniziando a smantellare un sito usato per condurre test nucleari.

Altri Servizi

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.