Nordcorea: a rischio il summit Trump-Kim

Pyongyang critica l'esercitazione congiunta tra Usa e Seul: una "provocazione". Washington valuta (forse) di non fare volare jet B-52. Tattica per negoziare?

L'incontro storico tra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un rischia di saltare per via di un'esercitazione militare congiunta tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud iniziata venerdì scorso.

A mettere in dubbio un appuntamento previsto il 12 giugno a Singapore è stata la Corea del Nord, che ha fatto saltare all'ultimo minuto un meeting di alto livello previsto con funzionari di Seul mercoledì 16 maggio. Mentre la Casa Bianca preparava una risposta alle indiscrezioni giunte dalle agenzie di stampa nord e sudcoreane, il dipartimento di Stato diceva di non avere ricevuto indicazioni di un cambio dei piani e quindi a Washington ci si continua a prepare al faccia a faccia tra Trump e Kim. 

Heather Nauert, portavoce del dipartimento di Stato, ha detto in un briefing con la stampa che "Kim sa quanto siano importanti per gli Usa le esercitazioni, che conduciamo in tutto il mondo".

La Corea del Nord era rimasta insolitamente in silenzio in occasione dell'esercitazione congiunta iniziata il primo aprile scorso. A sorpresa, Pyongyang ha rispolverato una retorica dura definendo "una provocazione" l'ultima esercitazione, considerata (come sempre) una premessa per una invasione. Quell'esercitazione "va contro gli sviluppi politici positivi nella penisola coreana", ha fatto sapere la Central News Agency nordcoreana (Kcna) citata da Yonhap, agenzia di stampa sudcoreana.

"Gli Stati Uniti dovranno attentamente svolgere delle riflessioni sul destino del summit pianificato tra la Corea del Nord e gli Usa alla luce di questo agitazione militare provocatoria condotta insieme alle autorità sudcoreane", ha aggiunto Kcna.

La portavoce della Casa Bianca,Sarah Sanders, ha fatto sapere di essere a "conoscenza di quanto riferito dai media sudcoreani" e che gli Usa "guarderanno indipendentemente a cosa la Corea del Nord ha detto e continueranno a coordinarsi a stretto contatto con gli alleati". Intanto da Seul circolava voce che Washington stesse considerando di rimuovere i jet B-52 dall'esercitazione controversa, una concessione - se confermata - a Pyongyang.

Quello della Corea del Nord è un passo indietro o forse una tattica per negoziare. Nel corso dell'incontro storico e altamente simbolico avvenuto il 27 aprile scorso, il suo leader e il presidente sudcoreano Moon Jae-in si erano impegnati a rimuovere tutte le armi nucleari della penisola coreana; i due leader avevano anche detto di volere mettere fine ufficialmente alla guerra di Corea entro il 2018 (nel 1953 fu firmato solo un armistizio). L'intesa è giunta dopo che Kim aveva superato un confinte pesantemente armato diventando il primo leader nordcoreano a mettere piede in un territorio controllato da Seul. La nazione più isolata al mondo aveva poi teso la mano a Trump liberando tre cittadini Usa e iniziando a smantellare un sito usato per condurre test nucleari.

Altri Servizi

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Citi: 10mila posti di lavoro potrebbero essere sostituiti da robot

FT: a livello di settore, possibile un taglio di posti di lavoro maggiore di quello registrato tra il 2007 e il 2017, quando quasi 60mila posizioni furono eliminate in otto delle 10 principali banche d'investimento al mondo
iStock

L'automazione potrebbe portare alla perdita di 10mila posti di lavoro in Citi nei prossimi cinque anni. L'avvertimento è giunto da Jamie Forese, presidente della banca americana e responsabile del gruppo di clienti istituzionali.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

AT&T: giudice dà ok a merger con Time Warner, al via risiko dei media

Dura sconfitta per l'amministrazione Trump. Attesa l'offerta di Comcast sugli asset che 21st Century Fox ha promesso a Disney

AT&T e Time Warner possono convolare a nozze senza alcuna condizione. Un giudice federale ha dato il suo via libera a un merger da 80 miliardi di dollari, originariamente annunciato nell'ottobre 2016, spianando la strada a un risiko del settore dei media. Tra qualche ora Comcast - che controlla NBCUniversal - potrebbe lanciare la sua offerta in contanti per gli asset che 21st Century Fox ha già promesso a Walt Disney in un'operazione in azioni da 52,4 miliardi di dollari. Per l'amministrazione Trump, la decisione rappresenta un duro colpo: nel novembre 2017 la Giustizia Usa aveva bloccato il merger sostenendo che avrebbe leso i consumatori.

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano

Wall Street cauta dopo l'incontro Trump-Kim. Record per il Nasdaq

L'attenzione si sposta sulla riunione della Federal Reserve
iStock

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP