Nuove accuse contro Facebook: riconoscimento facciale viola privacy

iStock

Nuovo grattacapo per Facebook, da metà marzo alle prese con lo scandalo legato a Cambridge Analytica ossia la società di dati londinese che secondo il social network ha "impropriamente condiviso" le informazioni di 87 milioni di suoi utenti (di cui un massimo di 2,7 milioni sono europei).

Tredici organizzazioni di consumatori hanno depositato un reclamo contro la tecnologia per il riconoscimento facciale usata dal gruppo. Il reclamo è stato fatto alla Federal Trade Commission (Ftc), l'agenzia governativa per la protezione dei consumatori statunitensi che ha già aperto un'inchiesta per valutare se l'uso dei dati di Facebook da parte di Cambridge Analytica abbia violato un accordo firmato dal social network con la stessa agenzia nel 2011. L'accordo impone a Facebook di informare gli utenti e di ricevere da loro il permesso esplicito a condividere i dati personali oltre i limiti da loro specificati nelle impostazioni sulla privacy.

Le organizzazioni sostenendo che il software per il riconoscimento facciale usato da Facebook per identificare le persone nelle fotografia caricate sulla piattaforma viola la privacy. Il software che permette al social network di suggerire chi taggare - è la tesi della coalizione capitanata dall'Electronic Privacy Information Center - "è indesiderato, non necessario e pericoloso". Stando al reclamo, "Facebook punta ad avanzare le sue tecniche di riconoscimento facciale per portare in modo ingannevole gli utenti ad assegnare identità nelle immagini fotografiche". Per le organizzazioni di consumatori, quel modo di identificare le persone "minaccia la privacy degli utenti, ignora le preferenze esplicite degli utenti di Facebook ed è contrario alla legge in vari Stati e parti del mondo".

Per la coalizione, Facebook ha così violato l'accordo firmato dall'azienda nel 2011 con la Ftc; se quest'ultima dovesse appurare la violazione, Facebook rischierebbe fino a 40.000 dollari di multa per ogni violazione.

Rob Sherman, vice direttore della privacy in Facebook, ha detto al Wall Street Journal che "la nostra tecnologia per il riconoscimento facciale aiuta la gente a gestire la propria identità su Facebook". Secondo lui, "le persone possono scegliere se consentire o meno [il funzionamento di] questa tecnologia e possono cambiare idea in ogni momento. Quando viene disattivata, non usiamo questa tecnologia per identificare persone nelle foto".

Le tredici organizzazioni di consumatori sperano che Facebook arrivi a fornire "rimedi appropriati" agli utenti. Il loro reclamo è simile a un'altro depositato nel 2011 che però non portò ad alcuna azione della Ftc.

Negli ultimi anni, inoltre, varie cause legali sono state lanciate contro il software incriminato ma senza successo. Anche nel caso in cui dovesse dimostrare che Facebook ha usato informazioni biometriche senza il suo consenso, un querelante dovrebbe dimostrare anche di avere subito danni concreti.

Altri Servizi

Bruce Springsteen e Taylor Swift arrivano su Netflix

I concerti di The Boss al teatro Walter Kerr di New York e il tour Usa "Reputation" disponibili sul sito di video in streaming
iStock

Il mercato immobiliare a New York scricchiola ma tiene (per ora)

Effetto Trump e l'arrivo di Amazon con il secondo quartier generale. Intervista ad Andrea Pedicini, 36enne di Pordenone e agente immobiliare in Usa dal 2010

La riforma fiscale di Trump: le opportunità entro il 2018

Strategie di pianificazione per massimizzare il risparmio con il Tax Cuts and Jobs Act
AP

La leadership rosa di Deloitte in Usa verso la fine

Cathy Engelbert è stata la prima donna alla guida di una delle Big Four della revisione contabile in America. Il cda del gruppo ha nominato il numero uno delle attività contabili come prossimo Ceo.

L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP
Starbucks