Nuove sanzioni Usa contro l'Iran. Trump agli alleati: "Conseguenze gravi" se non le rispettate. La Ue si organizza

Dal 7 agosto presi di mira il settore auto, oro e metalli preziosi. Dal 5 novembre puniti settori energetico e bancario. Il presidente americano "aperto" a un nuovo accordo con Teheran, ma "cambi comportamento"

Scatterà oggi alla mezzanotte di Washington, le sei del mattino del 7 agosto in Italia, il primo round delle nuove sanzioni americane contro l'Iran. E la Ue prepara un cambiamento della sua normativa per permettere alle aziende sul suo territorio di non dovere rispettare le misure americane, che seguono il ritiro, annunciato lo scorso 8 maggio, degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare iraniano siglato nell'estate 2015 dalle principali potenze mondiali e pensato per contenere le ambizioni nucleari di Teheran in cambio della rimozione di sanzioni.

Ad essere presi di mira da queste prime sanzioni Usa sono vari settori dell'economia iraniana, dalle auto all'oro e altri metalli prezioso. Le sanzioni contro i settori petrolifero, energetico e bancario scatteranno invece dal 5 novembre prossimo. Con esse sarà impedita anche qualsiasi transazione da parte di istituzioni finanziarie straniere con la banca centrale iraniana.

Ancora convinto che il cosiddetto Comprehensive Plan of Action (JCPOA) sia "orribile", il presidente americano Donald Trump intende aumentare la pressione su Teheran affinché "cambi la sua condotta". Preannunciando l'introduzione di nuove sanzioni contro Teheran, il leader Usa ha spiegato che Washington "lavorerà a stretto contatto con le nazioni che fanno business con l'Iran per fare in modo che rispettino a pieno la compliance. Gli individui o i soggetti che falliranno nel ridurre a zero le loro attività con l'Iran rischiano conseguenze gravi". Trump fa pressing "su tutte le nazioni" affinché lascino il mercato iraniano mettendo fine, tra le altre cose, alle importazioni di greggio iraniano "per chiarire al regime iraniano che si trova di fronte a una scelta: cambiare il suo comportamento minaccioso e destabilizzante e reintegrarsi nell'economia globale, o continuare sulla strada dell'isolamento economico".

Sostenendo che l'Iran minaccia l'America e i suoi alleati, Trump ha aggiunto di "restare aperto a un accordo più completo che affronta una vasta gamma delle attività maligne del regime, incluso il suo programma missilistico e il suo sostegno al terrorismo. Gli Usa danno il benvenuto alla partnership di nazioni che la pensano allo stesso modo".

La Ue, che dell'accordo sul nucleare iraniano è un difensore, ha già preso le distanze da Washington. Dalla mezzanotte aggiornerà una legge degli anni '90 che permette alle aziende europee di non rispettare le misure Usa. Le stesse aziende colpite dalle sanzioni secondarie americane potranno portare gli Usa in tribunali Ue per ottenere risarcimenti.

In una nota congiunta i ministri degli Esteri di Germania, Francia e Regno Unito insieme a Federica Mogherini, il capo della diplomazia europea, hanno criticato le mosse della Casa Bianca: "preservare l'accordo nucleare con l'Iran significa rispettare accordi internazionali e tutelare la sicurezza internazionale". Nonostante l'iniziativa Ue, ci sono dubbi sulla capacità di Bruxelles di difendere le aziende europee dalle sanzioni Usa

Altri Servizi

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo
©Ap

Il rapper R. Kelly si è consegnato alla polizia di Chicago ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato con dieci capi d'accusa per abusi sessuali su quattro donne. Tre delle presunte vittime, che lo hanno denunciato per episodi risalenti a diversi anni fa e che vanno dal 1998 al 2010, erano minorenni all'epoca fatti e avevano tra i 13 e i 16 anni.

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Nfl, scandalo a luci rosse sul proprietario dei New England Patriots

Robert Kraft incriminato per sfruttamento della prostituzione e traffico di esseri umani
©Ap

A meno di tre settimane dalla conquista del Super Bowl, il proprietario dei New England Patriots, Robert Kraft, è finito al centro di uno scandalo a luci rosse assieme a un’altra ventina di ricchi imprenditori americani. Il proprietario della franchigia del Massachusetts è stato infatti incriminato dalla polizia della Florida per "sfruttamento della prostituzione" e "traffico di esseri umani".

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Trump nomina Kelly Knight Craft ambasciatrice all'Onu


Dopo l’incarico in Canada prenderà il posto di Nikki Haley
©WikimediaCommons

Il Presidente americano Donald Trump ha scelto l'ambasciatrice in Canada, Kelly Knight Craft, come nuova rappresentante permanente all'Onu, al posto della dimissionaria Nikki Haley. Non si tratta in realtà di una prima scelta visto che la prima opzione del Tycoon era l’ex consigliera Dina Powell, che ha però rinunciato all’incarico, e la seconda, Heather Nauert, è stata costretta a ritirarsi dopo che si è scoperto che aveva assunto una babysitter giamaicana illegale.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.