Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

In una nota, lo United States Citizenship and Immigration Services (Uscis) - che fa parte del dipartimento per la Sicurezza interna e si occupa di visti, naturalizzazioni, asilo - ha informato che "fino a ulteriore comunicazione" il Daca "sarà in funzione secondo i termini in vigore prima che fosse abrogato il 5 settembre 2017" per volontà del presidente Donald Trump.

Non si tratta - come scritto da molti media italiani, ndr - di una marcia indietro di Trump, travolto dalle polemiche per aver definito "luoghi di merda" i Paesi centroamericani e africani durante un vivace scontro con i senatori statunitensi sull'immigrazione (circostanza smentita dal presidente, ma confermata da alcuni presenti), ma di una semplice 'presa d'atto', dopo che un giudice federale della California ha emesso un'ingiunzione, ordinando all'amministrazione Trump di far ripartire il Daca e "mantenerlo su base nazionale", in attesa che si concludano le cause contro la decisione dell'attuale amministrazione. Non a caso, l'Uscis ha specificato che la decisione "è dovuta all'ordine di un tribunale federale". 

Su Twitter, il presidente aveva reagito alla decisione del tribunale definendo il sistema giudiziario "guasto e ingiusto" e attaccando i suoi oppositori, che si rivolgono "sempre al Nono circuito (i distretti giudiziari sono organizzati in circuiti regionali, ndr) e vincono quasi sempre, prima che la decisione sia ribaltata da tribunali di grado superiore". Al momento, il dipartimento di Giustizia non ha presentato appello e nemmeno la richiesta di sospensione dell'ingiunzione.

Il programma Daca "è probabilmente morto", ha comunque scritto Trump, dopo l'annuncio dell'Uscis, "perché i democratici non lo vogliono veramente, vogliono solo parlare e togliere denaro al nostro esercito, che ne ha disperatamente bisogno". "In quanto presidente, voglio che le persone che vengono nel nostro Paese ci aiutino a essere più forti e di nuovo grandi, persone che arrivino attraverso un sistema basato sul merito. Basta lotterie! #America first (L'America viene prima)".

Il giudice ha scritto che ai precedenti beneficiari del Daca, conosciuti come Dreamers, deve essere consentito il rinnovo del permesso, mentre il governo non dovrà accettare le domande di immigrati che non hanno mai usufruito del programma. Il giudice ha poi specificato che l'amministrazione potrà continuare a impedire ai beneficiari del Daca di tornare negli Stati Uniti, se lasciano il Paese.

Seguendo le indicazioni del giudice, lo United States Citizenship and Immigration Services ha reso noto che le persone in possesso di un permesso scaduto dopo il 5 settembre 2017 potranno richiederne il rinnovo; coloro a cui il permesso è scaduto prima, non potranno rinnovarlo, ma richiederne uno nuovo. Non saranno invece accettate le domande presentate da persone che non hanno mai ottenuto il Daca.

A settembre, Trump ha deciso di mettere fine al programma, definendo l'azione di Obama incostituzionale, dando sei mesi di tempo al Congresso per trovare una soluzione appropriata per le 689.800 persone interessate dal provvedimento (è l'ultima stima del governo, al 4 settembre 2017) e consentendo entro il 5 ottobre un ultimo rinnovo alle persone con un permesso in scadenza. Tutti i permessi Daca sarebbero scaduti, seguendo i tempi dettati da Trump, entro la fine del settembre 2019.

Trump ha più volte detto di voler proteggere i Dreamers, ma di volere in cambio i fondi per la costruzione (o, per meglio dire, del completamento) del muro con il Messico e il rafforzamento delle regole e dei controlli alle frontiere. Un gruppo bipartisan di senatori gli ha presentato una proposta di legge, che lo ha fatto infuriare perché prevede anche di dare alle persone che godono del Temporary Protected Status la possibilità di ottenere una Green Card, ovvero un permesso di residenza permanente. A quel punto, il presidente avrebbe detto: "Perché prendiamo tutte queste persone da Paesi di merda?".

Giorni prima, l'amministrazione Trump ha deciso di cancellare il Temporary Protected Status (Tps), un permesso di residenza temporaneo, a circa 200.000 salvadoregni, molti dei quali vivono negli Stati Uniti da oltre 15 anni. Il Tps è un programma che fornisce una speciale protezione agli stranieri, soprattutto provenienti dall'America Centrale, che emigrano per fuggire da guerre, disastri naturali o catastrofi, entrati negli Stati Uniti senza documenti. Nelle settimane passate, la protezione è stata cancellata a 60.000 haitiani e a 2.500 nicaraguensi; la decisione sul futuro di circa 57.000 honduregni che vivono negli Stati Uniti è stata invece rinviata di 6 mesi.

Altri Servizi

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Bank of America: utile IV trim. cala, ma batte stime, 2,9 mld oneri da riforma

"Una crescita responsabile ha prodotto risultati solidi nel 2017", ha detto l'amministratore delegato Brian Moynihan.