Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata così disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

"I media ci attaccano perché non vogliono quello che stiamo facendo", ha aggiunto Trump. E invece, "la Casa Bianca è una macchina che funziona alla perfezione", peccato che però, "per essere onesto ho ereditato un disastro. Un disastro. A casa e all'estero. Un disastro", ha aggiunto il presidente facendo riferimento a Barack Obama. Un punto centrale della conferenza stampa oltre ai media è stata la questione russa. Trump, più volte, ha ripetuto di "non avere nulla a che fare con la Russia", di non aver alcun contatto con Mosca e di aver sentito Putin, persona che "stima e che reputa molto gentile", in due telefonate dopo la sua elezione. "Non ho nulla con la Russia, non ho affari, non ho prestiti con la Russia", ha ripetuto.

Quindi è arrivato a parlare di Flynn che resta "una brava persona" che "ha fatto il suo lavoro" telefonando ai diplomatici russi. Il punto per Trump sta nel fatto che Flynn abbia mentito al vicepresidente Mike Pence, sui contenuti delle discussioni con i russi. Flynn infatti, pur avendo discusso di sanzioni, ha sempre negato di averlo fatto. E qui, per Trump, si ritorna al punto di partenza, alla stampa che "illegalmente" ha pubblicato delle fughe di notizie.

Il presidente americano proprio su questo discorso è stato chiaro: "Ho chiesto al dipartimento di giustizia di aprire una inchiesta sulla fuga di notizie", aggiungendo che chi le ha fatte uscire e chi le ha pubblicate dovrebbe vergognarsene.

Ci sono stati poi scontri con altri reporter in sala: Jim Acosta è stato più volte interrotto, preso in giro e attaccato per essere un giornalista di Cnn, una "fabbrica di notizie false". Trump ha anche scherzato sul fatto che il reporter ha lo stesso cognome del segretario del Lavoro (Alexander Acosta) che Trump ha scelto e annunciato proprio all'inizio della conferenza stampa.

Resta infine la questione del bando all'immigrazione, fermato settimana scorsa da un tribunale di Appello. Trump ha promesso: "La prossima settimana faremo un nuovo ordine esecutivo molto esauriente per proteggere la nostra gente".

Quello attuale prevedeva di vietare l'ingresso per tre mesi ai cittadini provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana. Poco dopo la conferenza stampa il dipartimento di Giustizia ha detto che sta lavorando a un nuovo testo, che rispetto al precedente, sarà "rivisto notevolmente" e prenderà in considerazione le questioni sottolineate dal tribunale d'Appello.

Altri Servizi

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022. Il gruppo di Detroit accelera notevolmente i suoi piani. Offrirà "una gamma molto ampia" di veicoli elettrici in Europa e in Usa, incluse macchine sportive

Ford Motor ha deciso di premere l'acceleratore sui veicoli elettrici, per cui investirà 11 miliardi di dollari al 2022 contro i 4,5 miliardi che si era impegnato a spendere entro il 2020. Fornendo tali cifre, Ford è diventato uno dei pochi gruppi ad avere dato la portata del proprio investimento in questo campo. Travolta dallo scandalo dieselgate nel settembre 2015, la tedesca Volkswagen si è impegnata a spendere 40 miliardi di dollari tra auto elettriche, veicoli autonomi e servizi di mobilità nuovi entro il 2022.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Siria, gli Usa aiutano i curdi a costruire una forza per controllare i confini. Furia della Turchia

Nuovo esercito con 30.000 soldati per controllare le frontiere con Turchia e Iraq. Ankara convoca il chargé d'affaires statunitense
iStock

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con le milizie siriane alleate per dare vita a una forza di 30.000 soldati che controllino i confini. Si tratta di una mossa che ha ulteriormente alimentato la rabbia turca per il sostegno statunitense alle forze curde nel Paese vicino.

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Si allunga la lista di banche centrali preoccupate per l'effetto-bitcoin. L'ultima in ordine di tempo a lanciare l'allarme su possibili rischi posti alla stabilità del sistema finanziario è stata la Bank Indonesia, che ha parlato delle possibili forti perdite per chi investe e per l'intero mercato.

NY Times: Basilicata, Emilia Romagna e Sudtirol da visitare nel 2018

Sulle 52 destinazioni consigliate, si collocano rispettivamente al terzo, 40esimo e 50esimo posto. L'anno scorso nella classifica c'era solo la Calabria (al 37esimo gradino)
Matera Wikimedia Commons

Tra i 52 luoghi da visitare nel 2018, il New York Times ne consiglia tre in Italia. Nell'annuale classifica del quotidiano americano, il nostro Paese vince tra quelli stranieri con tre raccomandazioni contro l'unica fatta nell'edizione del 2017.

Manning si candida al Senato, sfida all'establishment democratico

L'ex analista militare, graziata da Obama dopo 7 anni di carcere per aver rivelato informazioni riservate, ha presentato domanda per correre in Maryland. Alle primarie, dovrà battere il senatore Cardin. Per ora, da parte sua, nessun annuncio ufficiale
Ap

Chelsea Manning, l'ex analista militare graziata da Barack Obama dopo sette anni di carcere, si è registrata per candidarsi come democratica al Senato federale statunitense. Manning, che trasmise a Wikileaks centinaia di migliaia di documenti riservati - compresi quelli sulle operazioni statunitensi in Iraq e Afghanistan - ha presentato la domanda per candidarsi nello Stato del Maryland, dove vive da quando è uscita dal carcere, e sfidare alle primarie il senatore Ben Cardin, che cercherà di ottenere il suo terzo mandato.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Ancora guai per il presidente americano Donald Trump, che dopo la bufera scatenata dalle parole volgari usate parlando di Paesi poveri (ha definito Haiti un "paese di merda", salvo poi bollare come false le indiscrezioni di stampa), è di nuovo nell'occhio del ciclone per questioni a sfondo sessuale.

Wall Street, ottimismo da record

Prosegue il momento d'oro per gli indici statunitensi. Oggi prezzi al consumo e vendite al dettaglio
AP

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso

Le azioni di Facebook perdono il 5% a Wall Street, dopo che il gruppo ha annunciato grandi cambiamenti al suo News Feed. Descrivendo le trasformazioni, l'amministratore delegato, Mark Zuckerberg, ha detto che il nuovo News Feed darà la precedenza a "interazioni sociali sensate" piuttosto che a "contenuti rilevanti".

Un tempo combatteva i diritti degli afroamericani, ora il profondo Sud li promuove per turismo

In occasione del Martin Luther King Day, è stato presentato ufficialmente lo U.S. Civil Rights Trail, un percorso tra 130 luoghi in 14 Stati (più il District of Columbia) che raccontano la lotta per l'affermazione dei diritti civili
Ap