Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata così disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

"I media ci attaccano perché non vogliono quello che stiamo facendo", ha aggiunto Trump. E invece, "la Casa Bianca è una macchina che funziona alla perfezione", peccato che però, "per essere onesto ho ereditato un disastro. Un disastro. A casa e all'estero. Un disastro", ha aggiunto il presidente facendo riferimento a Barack Obama. Un punto centrale della conferenza stampa oltre ai media è stata la questione russa. Trump, più volte, ha ripetuto di "non avere nulla a che fare con la Russia", di non aver alcun contatto con Mosca e di aver sentito Putin, persona che "stima e che reputa molto gentile", in due telefonate dopo la sua elezione. "Non ho nulla con la Russia, non ho affari, non ho prestiti con la Russia", ha ripetuto.

Quindi è arrivato a parlare di Flynn che resta "una brava persona" che "ha fatto il suo lavoro" telefonando ai diplomatici russi. Il punto per Trump sta nel fatto che Flynn abbia mentito al vicepresidente Mike Pence, sui contenuti delle discussioni con i russi. Flynn infatti, pur avendo discusso di sanzioni, ha sempre negato di averlo fatto. E qui, per Trump, si ritorna al punto di partenza, alla stampa che "illegalmente" ha pubblicato delle fughe di notizie.

Il presidente americano proprio su questo discorso è stato chiaro: "Ho chiesto al dipartimento di giustizia di aprire una inchiesta sulla fuga di notizie", aggiungendo che chi le ha fatte uscire e chi le ha pubblicate dovrebbe vergognarsene.

Ci sono stati poi scontri con altri reporter in sala: Jim Acosta è stato più volte interrotto, preso in giro e attaccato per essere un giornalista di Cnn, una "fabbrica di notizie false". Trump ha anche scherzato sul fatto che il reporter ha lo stesso cognome del segretario del Lavoro (Alexander Acosta) che Trump ha scelto e annunciato proprio all'inizio della conferenza stampa.

Resta infine la questione del bando all'immigrazione, fermato settimana scorsa da un tribunale di Appello. Trump ha promesso: "La prossima settimana faremo un nuovo ordine esecutivo molto esauriente per proteggere la nostra gente".

Quello attuale prevedeva di vietare l'ingresso per tre mesi ai cittadini provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana. Poco dopo la conferenza stampa il dipartimento di Giustizia ha detto che sta lavorando a un nuovo testo, che rispetto al precedente, sarà "rivisto notevolmente" e prenderà in considerazione le questioni sottolineate dal tribunale d'Appello.

Altri Servizi

Nordcorea: Pompeo ha incontrato Kim in vista del vertice con Trump

Allo studio cinque luoghi per il faccia a faccia storico. Discussioni di "alto livello" in corso. Abe vuole denuclearizzazione
Mike Pompeo Ap

Tra la Corea del Nord e l'amministrazione Trump ci sono già state trattive dirette di "livello molto alto" in vista del potenziale incontro tra il leader americano e quello della nazione più isolata al mondo. E' stato il leader Usa a dirlo ieri, durante un incontro con il premier giapponese Shinzo Abe.

La procura di NY 'interroga' 13 exchange di criptovalute

Chieste informazioni perché "troppo spesso i consumatori non hanno le notizie di base di cui hanno bisogno per valutare l'integrità e la sicurezza delle piattaforme di trading"

Il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, ha annunciato l'avvio di un'indagine sugli exchange di criptovalute come Bitcoin (che su Coinbase si mantiene sopra gli 8.000 dollari).

Starbucks chiude per un giorno oltre 8mila negozi Usa per formazione antirazzismo

Succederà il 29 maggio nel pomeriggio americano. La mossa segue l'incidente in cui due afroamericani seduti in un punto vendita sono finiti in manette senza avere fatto nulla di sbagliato
Starbucks

Starbucks corre ai ripari e dopo le scuse del suo Ceo passa all'azione per prevenire fenomeni razzisti all'interno dei propri punti vendita.

Wall Street, anche Goldman Sachs batte le stime

Attenzione rivolta alle nuove stime del Fmi sulla crescita mondiale
iStock

Espulsioni facili, la Corte Suprema Usa boccia Trump sugli immigrati con il voto del "suo" giudice

Il presidente ha nominato Neil Gorsuch al posto di Antonin Scalia, morto nel 2016. Proprio il voto di Gorsuch ha spezzato l'equilibrio in favore dei liberali
Immigration and Customs Enforcement

La Corte Suprema ha bocciato la clausola residuale della legge sull'immigrazione statunitense (Immigration and Nationality Act) che rende più facile l'espulsione degli immigrati che hanno commesso dei "crimini violenti". Il massimo tribunale, con 5 voti a favore e 4 contro, ha sentenziato che quel passaggio della legge è troppo vago per essere applicato; la sua applicazione, per i giudici, creerebbe incertezza e arbitrarietà, in violazione della Costituzione. Sconfitta l'amministrazione Trump, caduta sotto il 'fuoco amico': a spezzare l'equilibrio è stato Neil Gorsuch, nominato dal presidente Donald Trump, che ha votato insieme ai giudici di orientamento liberale.

Facebook verso class action miliardaria per uso immagini biometriche

Il social network raccoglie e conserva milioni di dati sui volti dei suoi utenti attraverso la tecnologia "tag suggestions". E secondo alcuni cittadini violerebbe una legge dell'Illinois
AP

Sembra che i problemi per Facebook non siano finiti. Anzi, dopo lo scandalo Cambridge Analytica, adesso il social network potrebbe dover affrontare una class action per l'uso che fa del riconoscimento facciale.

Wall Street, attenzione rivolta alla crisi siriana

Un attacco da parte degli Usa non sembra più imminente
iStock

Ibm: crescono gli utili ma delude nell'outlook, crolla in borsa

Non batte le attese degli analisti sulle previsioni del 2018

Le azioni di Ibm a Wall Street sono crollate di oltre il 5% nel dopo mercato, a causa della pubblicazione di conti trimestrali poco convincenti, soprattutto per quando riguarda le revisioni dei prossimi mesi e nonostante il gruppo sia riuscito a continuare la tendenza iniziata nell'ultimo trimestre del 2017 quando i suoi ricavi erano tornati a crescere dopo cinque anni. Nei primi tre mesi dell'anno il gruppo informatico americano ha messo a segno ricavi per 19,1 miliardi di dollari, contro attese per 18,84 miliardi di dollari. Sono in rialzo del 5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Wall Street, si attenuano le preoccupazioni sulla Siria

Oggi, trimestrali di Bank of America e Netflix
iStock

Goldman Sachs compra Clarity Money, app per la finanza personale

La banca di Wall Street si avvicina sempre più a Main Street
AP

Goldman Sachs punta sempre di più su Main Street. La banca di Wall Street ha comprato una app che dice di aiutare un milione circa di persone in Usa a prendere decisioni finanziairie migliori. L'app si chiama Clarity Money ed è gratuita. I termini finanziari della transazione non sono stati svelati.