Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata cos" disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

"I media ci attaccano perché non vogliono quello che stiamo facendo", ha aggiunto Trump. E invece, "la Casa Bianca è una macchina che funziona alla perfezione", peccato che però, "per essere onesto ho ereditato un disastro. Un disastro. A casa e all'estero. Un disastro", ha aggiunto il presidente facendo riferimento a Barack Obama. Un punto centrale della conferenza stampa oltre ai media è stata la questione russa. Trump, più volte, ha ripetuto di "non avere nulla a che fare con la Russia", di non aver alcun contatto con Mosca e di aver sentito Putin, persona che "stima e che reputa molto gentile", in due telefonate dopo la sua elezione. "Non ho nulla con la Russia, non ho affari, non ho prestiti con la Russia", ha ripetuto.

Quindi è arrivato a parlare di Flynn che resta "una brava persona" che "ha fatto il suo lavoro" telefonando ai diplomatici russi. Il punto per Trump sta nel fatto che Flynn abbia mentito al vicepresidente Mike Pence, sui contenuti delle discussioni con i russi. Flynn infatti, pur avendo discusso di sanzioni, ha sempre negato di averlo fatto. E qui, per Trump, si ritorna al punto di partenza, alla stampa che "illegalmente" ha pubblicato delle fughe di notizie.

Il presidente americano proprio su questo discorso è stato chiaro: "Ho chiesto al dipartimento di giustizia di aprire una inchiesta sulla fuga di notizie", aggiungendo che chi le ha fatte uscire e chi le ha pubblicate dovrebbe vergognarsene.

Ci sono stati poi scontri con altri reporter in sala: Jim Acosta è stato più volte interrotto, preso in giro e attaccato per essere un giornalista di Cnn, una "fabbrica di notizie false". Trump ha anche scherzato sul fatto che il reporter ha lo stesso cognome del segretario del Lavoro (Alexander Acosta) che Trump ha scelto e annunciato proprio all'inizio della conferenza stampa.

Resta infine la questione del bando all'immigrazione, fermato settimana scorsa da un tribunale di Appello. Trump ha promesso: "La prossima settimana faremo un nuovo ordine esecutivo molto esauriente per proteggere la nostra gente".

Quello attuale prevedeva di vietare l'ingresso per tre mesi ai cittadini provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana. Poco dopo la conferenza stampa il dipartimento di Giustizia ha detto che sta lavorando a un nuovo testo, che rispetto al precedente, sarà "rivisto notevolmente" e prenderà in considerazione le questioni sottolineate dal tribunale d'Appello.

Altri Servizi

Trump vuole un suo alleato per riformare l'intelligence Usa

Feinberg ha un forte legame con Bannon e Kushner. Le agenzie temono che il presidente voglia ridurre la loro autonomia

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe intenzione di assegnare a Stephen Feinberg, un miliardario di New York, cofondatore del Cerberus Capital Management, l'incarico di riformare il sistema dell'intelligence, secondo membri dell'amministrazione interpellati dal New York Times. L'intenzione di Trump, è il timore delle agenzie d'intelligence, sarebbe quello di ridurre la loro indipendenza e fermare il flusso di informazioni che, dall'accordo sul nucleare iraniano all'importanza della Nato, fino alla lotta contro i terroristi islamici, contraddice la Casa Bianca.

Cisco: conti del II trimestre sopra le stime grazie alle soluzioni di sicurezza

Vendite in calo nei servizi di switching e routing.

Cisco Systems ha saputo festeggiare a Wall Street una trimestrale superiore alle stime degli analisti. Nel dopo mercato il titolo del gruppo che offre soluzioni di rete ha prima ceduto l'1% circa per poi arrivare a guadagnare quasi il 2%; la seduta era finita in aumento dell'1,58% a 32,82 dollari. L'azienda ha annunciato un aumento del dividendo trimestrale di 3 centesimi a 29 centesimi per azione.

Trump incontra Netanyahu. "Per la pace in Medio Oriente non serve la soluzione dei due stati"

Il presidente Usa riceve il primo ministro israeliano alla Casa Bianca e per la prima volta dopo anni mette in dubbio la soluzione sostenuta dagli Stati Uniti. Poi assicura: "Faremo un grande accordo di pace"

Donald Trump e Benjamin Netanyahu sono concordi su tutto, ponendo le basi per una alleanza totale sui temi del terrorismo, della Palestina e dell'Iran. In questo modo il presidente americano ha voluto prendere le distanze dalle politiche di Barack Obama, soprattutto su Teheran e sulla questione Palestinese.

Trump alla Casa Bianca, primo mese tra caos e immobilismo

Polemiche e scandali, ordini esecutivi ma, in realtà, pochi fatti. Il senatore McCain: "Nessuno sa chi fa cosa"

Ordini esecutivi, polemiche, litigi, scandali, tribunali; infine, le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale. Donald Trump non ha ancora festeggiato il primo mese da presidente degli Stati Uniti, eppure le cronache sono già piene di episodi che mettono in dubbio le sue capacità, e quelle dell'intera amministrazione, di essere all'altezza del compito.

Trump accoglie Netanyahu: focus su una soluzione dei due Stati

Ha promesso di essere il presidente americano più vicino a Tel Aviv ma punta a ottenere la pace tra Israele e Palestina. Il forte legame tra i due alleati verrà ribadito così come gli attacchi all'Iran
AP

E' arrivato il giorno di Benjamin Netanyahu, in visita alla Casa Bianca di Donald Trump. Il premier israeliano è il quarto leader straniero ad essere accolto dal nuovo presidente americano dopo Theresa May, Shinzo Abe e Justin Trudeau, premier rispettivamente britannico, giapponese e canadese.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc

Il senatore repubblicano, John McCain, è intervenuto in difesa della stampa e ha attaccato nuovamente Donald Trump che, dopo i vari scontri delle ultime settimane con i giornalisti, aveva definito su Twitter i media statunitensi "nemici degli americani". Parole durissime, che hanno creato spaccature anche fra i suoi uomini con il segretario alla Difesa, John Mattis, che ha preso le distanze dal presidente. ''Sono preoccupato'', ha invece dichiarato McCain che ha poi tuonato sostenendo che è cos" che iniziano e hanno iniziato tutti i dittatori.

Trump tende la mano al Canada, ma il ‘caso’ Flynn spacca il suo gabinetto

Primo incontro tra Donald Trump e il premier canadese Justin Trudeau: ribadito l'impegno per la collaborazione sul fronte commerciale e della sicurezza. L'ombra di possibili contatti con Mosca si allunga sul consigliere della Sicurezza Michael Flynn

L’amministrazione Trump appare divisa e confusa sul consigliere per la sicurezza Michael Flynn. L’ex generale si trova infatti sotto i riflettori per i suoi rapporti con Mosca ed in particolare con il suo ambasciatore Sergey Kislyak, con cui avrebbe trattato - senza averne l’autorità - la questione delle sanzioni imposte al Cremlino da Barack Obama nel dicembre del 2016. Attorno alla questione sono così emersi due opposti schieramenti. Kellyanne Conway, senior advisor del presidente, ha garantito che Flynn gode della “massima fiducia” da parte di Trump, mentre il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer - che fa capo direttamente a Stephen Bannon, la figura al momento più vicina al presidente - si è mostrato molto meno ottimista. Il presidente “sta al momento valutando la situazione”, ha fatto sapere con un comunicato ufficiale. E’ la prima volta che il cerchio magico dei fedelissimi di Trump risulta essere così spaccato al suo interno; sullo sfondo si apre ovviamente la questione dei rapporti con Mosca, con cui Flynn intrattiene rapporti di vicinanza da parecchio tempo. Resta ora da vedere chi sarà a prevalere, e quale sarà il destino di Michael Flynn.

Gli Usa dicono addio a Norma McCorvey, l'attivista "accidentale" che aprì la strada alla legalizzazione dell'aborto

Nota come Jane Roe, si è spenta all’età di 69 anni per un problema al cuore

Il 18 febbraio è morta per un problema al cuore a Katy, in Texas, Norma Leah McCorvey, la cameriera texana che ha contribuito a cambiare il corso dei diritti delle donne statunitensi. McCorvey divenne famosa negli anni settanta con lo pseudonimo Jane Roe, usato in uno dei più famosi e importanti processi andati in scena nei tribunali americani negli ultimi decenni (Roe contro Wade) e che si concluse, con una sentenza emessa il 22 gennaio del 1973 che sancì di fatto il diritto all’aborto.