NY, campagna pubblicitaria pro-Palestina paragona Israele al Sud Africa durante l'apartheid

I cartelloni affissi in 25 stazioni ferroviarie hanno suscitato polemiche: il loro debutto ha coinciso con l'inizio della Pasqua ebraica

Un gruppo pro-palestinese ha tapezzato 25 stazioni ferroviarie dell'area metropolitana di New York con cartelloni in cui Israele viene paragonato al Sud Africa ai tempi dell'apartheid. I poster, che hanno fatto il loro debutto ieri e resteranno in mostra per un mese, chiedono la "fine dell'apartheid adesso! Stop degli aiuti americani a Israele".

La tempistica della campagna di comunicazione è stata controversa: ha coinciso con il primo giorno del Passover - la Pasqua ebraica. Ma per l'American Muslims for Palestine - l'associazione a capo dell'iniziativa - è solo una coincidenza. "Il lancio segue mesi di pianificazione e preparazione e non ha nulla a che vedere con la festività ebraica come alcune organizzazioni sioniste sostengono", ha spiegato l'organizzazione in una nota. "La campagna contro il contributo [finanziario] americano ad Israele non ha nulla a che fare con gli ebrei né con il Passover ma piuttosto con l'apartheid e l'ingiustizia israeliane. E l'unico modo per onorare il Passover, che celebra la liberazione degli ebrei da un'antica oppressione, è quello di sostenere i diritti umani in Palestina adesso", si legge nel comunicato.

Il gruppo presieduto da Hatem Bazian ritiene che l'occupazione di Israele della West Bank e la costruzione di insiediamente sul territorio palestinese è simile all'apartheid - la prassi razzista con cui gli uomini di razza bianca hanno oppresso la maggioranza di colore nel Sud Africa. Per rafforzare il messaggio, l'affissione include una citazione del premio Nobel Desmond Tutu, che ha lottato contro l'apartheid stesso: "Sono stato profondamente sconvolto dalla mia visita nella Terra Santa. Mi ha ricordato così tanto di quanto accadde a noi persone di colore in Sud Africa".

Altri Servizi

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Huawei ha aiutato i governi di Uganda e Zambia a spiare oppositori politici (Wsj)

Il colosso cinese, che domina i mercati africani, ha respinto ogni accusa
AP