NY: Little Italy sta scomparendo

Non è colpa solo dei cinesi ma della gentrificazione, che spinge gli affitti alle stelle

Little Italy sta scomparendo e non per colpa della popolazione cinese che da tempo domina quella che è una delle mete turistiche a Manhattan, New York. Un tempo paradiso degli immigrati tricolore e mecca della cucina di ogni regione della Penisola, Little Italy si sta trasformando grazie o per colpa della gentrificazione. E' quanto emerge dai più recenti dati del censimento, come raccontato dal quotidiano New York Daily News.

Giovani professionisti scelgono sempre di più questa zona per aprire i loro uffici, loft costosi stanno diventando la prassi e boutique di abbigliamento stanno considerando l'apertura di negozi in quest'area. Persino Brooks Brothers - il marchio classico di camicie che quasi tutti i turisti italiani in visita a New York finiscono per comprare - sta pensando di aprire i battenti a Little Italy.

Il fatto che l'area sia sempre più piccola è dimostrato dal fatto che nessun residente è italiano. Anche la popolazione cinese è in declino (-31% dal Census del 2000) così come quella asiatica (-18,6%). Quello che sta crescendo è il reddito medio di chi vi abita: negli ultimi 10 anni i residenti che guadagnano annualmente oltre 100.000 dollari all'anno sono aumentati del 156%. Anche la popolazione di razza bianca è cresciuta (+33%). Secondo il quotidiano, la regista Sofia Coppola ha recentemente sondato il terreno del mercato immobiliare della zona alla ricerca di un appartamento milionario nel palazzo Brewster Carriage House.

La conseguenza di tutto ciò? Ristoranti e caffé italiani - ad oggi 44 - stanno piano piano chiudendo. E' il caso del caffè La Bella Ferrara. L'affitto mensile è passato da 7.000 a 17.000 in due anni spingendo il proprietario Frank Angileri a chiudere dopo 42 anni di attività. "Vendiamo dessert e caffè, non ce lo possiamo permettere", ha spiegato Angileri, 69 anni, al New York Daily News. "Ci hanno cacciato...gli esercizi commerciali italiani non possono sopravvivere qui con affitti in crescita e la congiuntura economica" non al top, ha aggiunto.

Anche il Ristorante S.P.Q.R. non ce l'ha fatta. Il suo manager Mike Ahmed ha ricordato i tempi gloriosi, quando turisti da tutto il mondo sceglievano di mangiare lì, i matrimoni erano la prassi grazie ai 500 posti a sedere e i pranzi di lavoro si svolgevano regolarmente davanti a un piatto di linguine di mare.

Le uniche iniziative che sembrano funzionare a Little Italy sono due: il festival dedicato a San Gennaro e i prodotti contraffatti venduti dai cinesi. "La beffa è che Little Italy è molto piccola e si sta riducendo sempre di più", ha detto Frank Medina, un agente immobiliare la cui clientela include Puglia Ristorante, che si è visto costretto a chiudere due sale del ristorante.

I newyorchesi non sono sorpresi da questo trend, ma i turisti sì. Come raccontato da un ragazzo che lavora in un caffè di Little Italy il cui menù è un'indicazione di come i sapori tricolori siano scomparsi, "i turisti entrano e chiedono dove è Little Italy. Dico loro che tecnicamente già ci sono arrivati".

Altri Servizi

L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti

Ci sono solo tre sopravvissuti nell'incidente di venerd" avvenuto a Cuba, dove un aereo con a bordo oltre 100 persone è precipitato poco dopo il decollo dall'aeroporto dell'Avana. Lo sostiene la televisione di stato cubana. L'aereo è caduto circa 20 chilometri dopo il decollo attorno alle 12.08 (ora locale) ed era diretto dalla parte est dell'isola, nella città di Holgu'n: sia i passeggeri che il personale sono stranieri, anche se non è ancora stata diffusa la nazionalità. Inoltre a bordo ci sarebbero almeno 5 bambini.

Gina Haspel è il nuovo capo della Cia, la prima donna

La sua nomina è stata molto contestata, soprattutto per il ruolo che ha avuto nelle torture di presunti terroristi dopo l'11 settembre. Fondamentale l'appoggio di alcuni democratici
Ap

Il Senato americano ha confermato la nomina di Gina Haspel alla guida della Cia, grazie al sostegno dei democratici che negli ultimi giorni in buona parte si sono schierati dalla parte della 61enne veterana dei servizi segreti americani che fino a ieri era il numero due all'interno dell'agenzia. I voti favorevoli sono stati 54, quelli contrari 45. Si tratta della prima donna alla guida della Cia.

Spari in una scuola di Santa Fe. Dieci morti, l'autore è uno studente

Il ragazzo di 17 anni è stato arrestato. Fermato anche un possibile complice. La polizia ha trovato materiale esplosivo dentro e fuori dalla scuola. È la ventiduesima sparatoria dall'inizio dell'anno in America, più di una alla settimana

Venerdì mattina all'interno di una scuola superiore di Santa Fe, in Texas, uno studente ha iniziato a sparare uccidendo almeno dieci persone, nove studenti e un insegnate. L'autore della strage si chiama Dimitrios Pagourtzis, che ha 17 anni, è stato arrestato dalla polizia ed è ferito. Insieme a lui è stata fermata un'altra persona che potrebbe aver aiutato il 17enne a portare a termine il piano.

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.

Le bambole Bratz volevano giocare con le Barbie ma non ci sono riuscite. Il gruppo MGA Entertainment puntava a fondersi con il rivale Mattel e mettere al vertice dell'azienda combinata Isaac Larian, l'uomo dietro alle Bratz, ma Mattel ha respinto la proposta. E' il Wall Street Journal a riferirlo dopo avere ottenuto documenti che dimostrano come Larian abbia fatto la sua proposta in una lettera datata 25 aprile. Mattel ha risposto dicendo che l'offerta non era nel migliore interesse dei suoi soci.

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Trump vuole la legge sul budget prima dell'estate: "E che abbia i fondi per il muro"

Il presidente su Twitter se la prende con i democratici per l'ostruzionismo su quasi 300 nomine per la sua amministrazione

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, vuole che il Congresso agisca per trovare un accordo per finanziare il governo federale prima della pausa estiva, o i deputati dovranno restare a Washington. Nello stesso tweet, il presidente ha inoltre detto che la proposta di legge dovrebbe includere anche i soldi per la costruzione del muro al confine con il Messico.

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock