NY: Little Italy sta scomparendo

Non è colpa solo dei cinesi ma della gentrificazione, che spinge gli affitti alle stelle

Little Italy sta scomparendo e non per colpa della popolazione cinese che da tempo domina quella che è una delle mete turistiche a Manhattan, New York. Un tempo paradiso degli immigrati tricolore e mecca della cucina di ogni regione della Penisola, Little Italy si sta trasformando grazie o per colpa della gentrificazione. E' quanto emerge dai più recenti dati del censimento, come raccontato dal quotidiano New York Daily News.

Giovani professionisti scelgono sempre di più questa zona per aprire i loro uffici, loft costosi stanno diventando la prassi e boutique di abbigliamento stanno considerando l'apertura di negozi in quest'area. Persino Brooks Brothers - il marchio classico di camicie che quasi tutti i turisti italiani in visita a New York finiscono per comprare - sta pensando di aprire i battenti a Little Italy.

Il fatto che l'area sia sempre più piccola è dimostrato dal fatto che nessun residente è italiano. Anche la popolazione cinese è in declino (-31% dal Census del 2000) così come quella asiatica (-18,6%). Quello che sta crescendo è il reddito medio di chi vi abita: negli ultimi 10 anni i residenti che guadagnano annualmente oltre 100.000 dollari all'anno sono aumentati del 156%. Anche la popolazione di razza bianca è cresciuta (+33%). Secondo il quotidiano, la regista Sofia Coppola ha recentemente sondato il terreno del mercato immobiliare della zona alla ricerca di un appartamento milionario nel palazzo Brewster Carriage House.

La conseguenza di tutto ciò? Ristoranti e caffé italiani - ad oggi 44 - stanno piano piano chiudendo. E' il caso del caffè La Bella Ferrara. L'affitto mensile è passato da 7.000 a 17.000 in due anni spingendo il proprietario Frank Angileri a chiudere dopo 42 anni di attività. "Vendiamo dessert e caffè, non ce lo possiamo permettere", ha spiegato Angileri, 69 anni, al New York Daily News. "Ci hanno cacciato...gli esercizi commerciali italiani non possono sopravvivere qui con affitti in crescita e la congiuntura economica" non al top, ha aggiunto.

Anche il Ristorante S.P.Q.R. non ce l'ha fatta. Il suo manager Mike Ahmed ha ricordato i tempi gloriosi, quando turisti da tutto il mondo sceglievano di mangiare lì, i matrimoni erano la prassi grazie ai 500 posti a sedere e i pranzi di lavoro si svolgevano regolarmente davanti a un piatto di linguine di mare.

Le uniche iniziative che sembrano funzionare a Little Italy sono due: il festival dedicato a San Gennaro e i prodotti contraffatti venduti dai cinesi. "La beffa è che Little Italy è molto piccola e si sta riducendo sempre di più", ha detto Frank Medina, un agente immobiliare la cui clientela include Puglia Ristorante, che si è visto costretto a chiudere due sale del ristorante.

I newyorchesi non sono sorpresi da questo trend, ma i turisti sì. Come raccontato da un ragazzo che lavora in un caffè di Little Italy il cui menù è un'indicazione di come i sapori tricolori siano scomparsi, "i turisti entrano e chiedono dove è Little Italy. Dico loro che tecnicamente già ci sono arrivati".

Altri Servizi

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Pence: "L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è incrollabile, ma gli alleati facciano di più"

Il vicepresidente degli Stati Uniti è a Monaco di Baviera, dove è in corso la Conferenza per la Sicurezza. Washington vuole cercare un "nuovo terreno comune" con la Russia, ma Mosca deve rispettare gli accordi di Minsk

L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è "incrollabile". L'ha detto oggi il vicepresidente statunitense, Mike Pence, parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. Un discorso con cui l'ex governatore dell'Indiana ha voluto rassicurare gli alleati, dopo alcune dichiarazioni del presidente Donald Trump che sembravano poter mettere in discussione il ruolo di Washington.

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Azionario da record grazie a Trump ma i rialzi sono stati migliori con altri presidenti Usa

Nel primo mese con il miliardario alla Casa Bianca, Dj +4,02%: è la migliore performance dal 1945; S&P 500 +3,5%: rialzo maggiore dal 1997
AP

Donald Trump se ne vanta spesso: l'azionario americano è stato protagonista di un bel rialzo da quando è stato eletto. Gli indici hanno inanellato una serie di record con gli investitori che hanno scommesso su un taglio alle tasse, che ancora deve essere annunciato, e su uno stimolo fiscale che teoricamente permetterà all'economia Usa di crescere ancora di più. L'effetto Trump su Wall Street nel suo primo mese alla Casa Bianca lo ha misurato Dow Jones.

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Ivanka Trump Eau de Parfum, il profumo prodotto dalla figlia del presidente degli Stati Uniti, è il più venduto su Amazon da almeno tre giorni. Effetto della decisione della catena Nordstrom di non vendere più i vestiti e i profumi di Ivanka Trump nei suoi grandi magazzini di lusso. Altri prodotti Trump stanno ottenendo grande successo su Amazon, anche perché, come si legge in una recensione sul sito di e-commerce, "questo prodotto, prima, lo compravo da Nordstrom".

Trump vuole la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari? Non sarebbe il primo presidente Usa

Per l'Ap, ci sarebbe un piano senza precedenti per mobilitare 100.000 soldati. Esistono, comunque, dei precedenti con Bush figlio e Obama
iStock

Viaggio in Europa del vice Pence per rassicurare gli alleati

Ribadirà l'impegno degli Usa sulla Nato e l'importanza del rispetto da parte della Russia degli accordi di Minsk per la pace in Ucraina

Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta
Kraft