NY Times: Basilicata, Emilia Romagna e Sudtirol da visitare nel 2018

Sulle 52 destinazioni consigliate, si collocano rispettivamente al terzo, 40esimo e 50esimo posto. L'anno scorso nella classifica c'era solo la Calabria (al 37esimo gradino)
Matera Wikimedia Commons

Tra i 52 luoghi da visitare nel 2018, il New York Times ne consiglia tre in Italia. Nell'annuale classifica del quotidiano americano, il nostro Paese vince tra quelli stranieri con tre raccomandazioni contro l'unica fatta nell'edizione del 2017.

Se l'anno scorso la "Gray Lady" consigliava di andare in vacanza in Calabria (al 37esimo posto), in quello in corso suggerisce di recarsi prima di tutto in Basilicata e poi in Emilia Romagna e nel Südtirol.

La Regione che si affaccia sul Mar Ionio, tra la Puglia e la Calabria, si è aggiudicata il terzo posto dopo la città americana di New Orleans (Lousiana) e la Colombia e collocandosi davanti al mare dei Caraibi. L'Emilia Romagna si è piazzata al quarantesimo gradino e il Sudtirol al cinquantesimo.

La Basilicata
La Basilicata viene definita dal New York Times come la Regione "segreta" della parte meridionale dell'Italia. "Questa è l'occasione di visitarla prima che il mondo la scopra". Spiegando ai lettori che si trova "nell'arco del piede" del nostro Paese, il quotidiano sottolinea come "in tempi moderni sia sottovalutata nonostante il suo passato antico". Considerata "il segreto meglio conservato" della nazione, la Basilicata "è piena di spiagge bellissime, paesi antichi e una carenza del crimine organizzato". Il Nyt ricorda che Matera, un sito Unesco, nel 2019 sarà capitale europea della cultura. Vengono citate le grotte della Regione, un tempo usate come luogo per tenere al riparo il bestiame, poi usate come case primitive e ora come residenze private e hotel in stile Flintstone", riferimento al celebre cartone americano conosciuto anche in Italia.

Emilia Romagna
Dell'Emilia Romagna, il giornale parla come di una Regione "fertile" centrata su cinema e cibo. La breve descrizione del Nyt cita Rimini, dove il 20 gennaio, in occasione del compleanno di Federico Fellini, riaprirà il cinema Fulgor; là il regista "eroe" guardava i suoi primi film; la sala cinematografica è stata ideata dallo scenografo premio Oscar Dante Ferretti. Si parla anche di FICO Eataly World, il parco agroalimentare italiano alle porte di Bologna: è "un omaggio alla cucina italiana", spiega il Times.

Südtirol
Il Südtirol viene considerata una destinazione "wellness rinata". "Invece che essere in lutto per la perdita di turismo" dopo che tutti i voli sull'aeroporto di Bolzano sono stati cancellati nel 2015, "i tirolesi hanno sfruttato la pulizia nei cieli...diventando una destinazione per il benessere". Vengono citati vari hotel: Seehof Nature Retrea a Bressanone, "un villaggio di suite e saune attorno a un lago contornato da alberi di melo"; Montchalet a Ortisei "con letti meditativi galleggianti" e l'Alpenroyal Grand Hotel nella Val Gardena, che "ha alzato la posta aggiungendo 5.000 metri quadri di aerea benessere tra saune piene di fieno e bagni termali". Lo scorso settembre, conclude il Nyt, c'è stato l'Alto Adige Wine Summit, "sottolineando varietà di vini locali meno conosciuti" (forse a un pubblico americano che generalmente si limita a bere Pinot Grigio).

Altri Servizi

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Se non era chiaro a chi convenisse lo shutdown, nell'anno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, sembra invece evidente, ora, il vero sconfitto: Charles Schumer, il leader democratico in Senato. Molti suoi colleghi criticano la gestione dello scontro con i repubblicani: prima ha fatto chiudere le attività del governo per tre giorni, poi ha ceduto di fronte a minime concessioni del leader della maggioranza, Mitch McConnell, dando il via libera al finanziamento delle attività federali fino all'8 febbraio.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia cos" un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

Apple: dopo i ritardi, nei negozi arriva lo speaker intelligente HomePod

Dal 9 febbraio in Usa, Regno Unito e Australia. In primavera anche in Francia e Germania

Lo speaker intelligente con cui Apple intende sfidare Amazon e Google sta per arrivare finalmente nei negozi. L'azienda di Cupertino (California) ha annunciato che il suo "HomePod" sarà disponibile nei negozi a partire dal 9 febbraio al costo di 349 dollari. Gli ordini online sono possibili già dal prossimo venerdì. Il lancio però avverrà per il momento negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia mentre in Europa il debutto ci sarà in primavera in Francia e Germania.

Fmi alza le stime di crescita mondiale, grazie anche a riforma fiscale Usa

Migliorate anche le previsioni su Eurozona e Italia, dove però c'è incertezza politica per via delle prossime elezioni. Obstfeld avverte: prossima recessione potrebbe essere più vicina di quel che si pensi

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le stime della crescita globale per questo e il prossimo anno, grazie alle economie avanzate in generale e alle "sorprese particolarmente pronunciate nella crescita in Europa e Asia". L'istituto di Washington ha citato anche la riforma fiscale approvata prima di Natale in Usa, i cui "effetti sugli Stati Uniti e sui suoi partner commerciali - specialmente Canada e Messico - contribuiscono per circa la metà della revisione complessiva della crescita globale nel prossimo biennio". Il Fondo ha migliorato anche le prevesioni dell'Eurozona e dell'Italia.

Il direttore dell'Fbi ha minacciato le dimissioni per le pressioni di Trump

Il presidente vorrebbe il licenziamento del vice di Chris Wray, ovvero Andrew McCabe, legato all'ex capo del Bureau, James Comey

Il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, avrebbe minacciato di dimettersi, a causa delle pressioni del segretario alla Giustizia statunitense, Jeff Sessions, su indicazione del presidente Donald Trump, per licenziare il suo vice, Andrew McCabe. Lo riportano tre fonti del sito Axios.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.

Netflix vale oltre 100 miliardi di dollari, boom di abbonati

Nel quarto trimestre del 2017 utili in linea alle stime, ricavi migliori del previsto. Le guidance battono le attese. Gli investimenti nei contenuti fino a 8 miliardi di dollari nel 2018
iStock

Utili in linea alle previsioni, ricavi leggermente superiori alle stime, un boom degli abbonati migliore delle attese e guidance soddisfacenti hanno permesso a Netflix di correre nel dopo mercato raggiungendo nuovi record. La capitalizzazione del sito di video in streaming ha infatti superato i 100 miliardi di dollari per la prima volta.