Nyt: basta trattare la marijuana come l'eroina

L’editoriale del quotidiano americano si scaglia contro la decisione della Dea che classifica le due droghe nella stessa categoria

I sostenitori di una più sana politica nei confronti della marijuana, il cui uso medico è legale in 25 stati americani mentre quattro (oltre a Washington Dc) hanno legalizzato anche l’uso ricreativo, hanno ottenuto una piccola vittoria questa settimana grazie ad un’apertura dell’amministrazione Obama che consentirà maggiori ricerche sulla cannabis finalizzata alla medicina.

Eppure, secondo il New York Times, si è persa una grande occasione per un grande e sostanziale cambiamento quando giovedì la Drug Enfocement Administration (Dea), agenzia federale antidroga statunitense che fa capo al dipartimento di giustizia ha respinto due petizioni (una congiunta mossa dai governatori di Washington e Rhode Island e l’altra dai residenti del New Mexico) di rimuovere la marijuana dalla tabella 1 del Controlled Substances Act.

Si tratta di un atto del 1970 che ha raggruppato tutte le leggi federali sulla droga in un'unica misura completa, classificando la marijuana alla pari di droghe quali eroina, Lsd e cocaina. Come ricorda il quotidiano americano, si tratta di una classificazione fuorviante visto e considerato le prove scientifiche, oltre al parere di esperti e dello stesso presidente Obama che hanno più volte dichiarato che la cannabis non è più pericolosa dell’alcol.

Il Nyt punta però il dito contro il Congresso e i procuratori che nel corso degli anni hanno sempre più spesso demandato alle competenze della Dea per tutte le decisioni in materia di droga, rafforzando di fatto il suo potere decisionale e legislativo. È la Dea ad esempio a decidere chi può coltivare marijuana a scopo scientifico e chi no. La stessa agenzia che si è rifiutata di prendere in considerazione gli sforzi degli scienziati, dei legislatori federali e dei dipendenti statali che hanno da sempre spinto ad una riclassificazione della marijuana.

Seppure la Dea ha aperto a maggiori ricerche sulla marijuana da parte degli scienziati, ciò che lascia interdetti molti di loro, e che dà prova di una mancanza di coerenza da parte dell’ente, è che ci siano molte più facilitazioni nello studio di oppiacei e altre droghe più pericolose (meno dal punto di vista della classificazione) che sono invece all’interno della tabelle che vanno dalla due alla cinque.

L’amministrazione Obama, secondo il Nyt, ha fatto la scelta giusta facilitando gli sforzi degli stati che hanno voluto legalizzare la marijuana anche se c’è il rischio che il prossimo presidente possa non apprezzare questa politica. Se Hillary Clinton ha più volte detto che sposa il trend intrapreso dai regolatori dei singoli stati e che vuole una riclassificazione della marijuana, Donald Trump si è sempre opposto alla legalizzazione per uso ricreativo anche se è favorevole all’uso medico e supporta il diritto degli stati a decidere le proprie politiche. Posizioni diverse ma comunque più innovative della Dea che, piaccia o no al Nyt, ha purtroppo l’ultima parola a riguardo e per ora non sembra volersi spostare da una visione vecchia quasi cinquant’anni.

Altri Servizi

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri dell'esercito stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano ha provocato sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Le tante minacce legali e politiche che pendono sullla presidenza di Donald Trump hanno reso ancora più difficile per la Casa Bianca trovare persone disposte a entrare nella squadra di governo. Il licenziamento dell'ex direttore dell'Fbi, il ritorno dello spettro del coinvolgimento russo nelle elezioni hanno reso ancora  più difficile assumere persone, secondo quanto hanno detto al Washington Post ex funzionari federali, attivisti del partito, lobbisti e candidati che i funzionari di Trump hanno cercato di reclutare.

La Fed alza i tassi nonostante inflazione debole

Per la prima volta dal 2008 sono sopra l'1%. Continua ad aspettarsi una terza stretta dopo quelle di marzo e giugno. Sorprende il tono neutro dell'istituzione, che ha descritto il piano per iniziare a ridurre il suo bilancio
AP

La Federal Reserve intende continuare la normalizzazione della sua politica monitaria, iniziata nel dicembre 2015. Come ampiamente atteso, la banca centrale Usa ha alzato i tassi di 25 punti base all'1-1,25% e per la prima volta in un comunicato diffuso successivamente a una sua riunione ha detto che quest'anno inizierà a ridurre "in modo graduale e prevedibile" la dimensione del suo bilancio. E' la prima volta dal 2008 che il costo del denaro negli Stati Uniti risulta sopra l'1%; nel dicembre di quell'anno raggiunse i minimi storici pari allo 0-0,25% sulla scia della peggiore crisi dagli anni '30 del secolo scorso.

Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP

La giuria non arriva al verdetto, annullato il processo a Bill Cosby per violenza sessuale

L'attore comico, 79 anni, rischiava una pena fino a 30 anni di carcere. La procura potrà chiedere un nuovo processo sul caso Constand: la donna è solo una delle tante ad averlo accusato, ma l'unica a poterlo far condannare
Ap

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese